In questi giorni cade il 50esimo compleanno della legge di Moore

In questi giorni cade il 50esimo compleanno della legge di Moore

Una previsione azzeccata, in un mondo in continuo cambiamento e costellato di scoperte tecnologiche: la "legge" di Moore compie 50 anni in questi giorni e sono in molti a rendere omaggio ad uno dei fondatori di Intel

di pubblicata il , alle 16:41 nel canale Processori
Intel
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gridracedriver21 Aprile 2015, 08:51 #11
Originariamente inviato da: Notturnia
@rockroll.. vedo che non hai capito molto di quello che si dice..
ogni DUE anni si raddoppia.. e non ogni anno come hai scritto tu.. quindi alla peggio è 2^25 e non 2^50.. viva la comprensione della lingua italiana..

e 2 elevato alla 25esima potenza fa 33.554.432 volte il primo chip.. e non quella fesseria che hai scritto tu..

suvvia.. capisco sparare a caso.. ma con un minimo di cognizione..

se vuoi sfrutta il fatto che una volta si diceva che raddoppiava ogni 18 mesi così passi per uno che ha arrotondato 1,5 anni in 2 anni.. ma non dire fesserie gratis ;-)




Originariamente inviato da: rockroll
E' quello che vado ripetendo da una vita, in termini meno estremi e da tempi non sospetti.

Ma lo sanno tra le dorate mura di I$ quanto vale 2^50?
E secondo loro il numero di transistor di una CPU in 50 anni è cresciuto di 1126 Tvolte (T=tera=mille miliardi)?

Anche io espressi in quegli anni la "legge di rockroll", secondo la quale ogni anno sarebbe raddoppiato il numero di donne che mi sarei fatto... ed è sempre stata rispettata, almeno fino a quando non ho superato la disponibilità mondiale di materia prima: anche per la mia legge esistevano limiti invalicabili!


un "Gigowatt" potevi inserirlo nella frase



4004 nel 1971 TC 2'300
Xeon E5 nel 2011 TC 2'270'000'000
~1 milione di volte in 40 anni (2^20) 1'048576 vs 986'957

per citare solo Intel e partendo dal famoso 4004, ma l'elenco è ampio...
ma ogni 24 mesi i transistor sono raddoppiati, la matematica non mente
Personaggio21 Aprile 2015, 14:22 #12
Che poi alla fine si potrebbe invertire la legge di Moore dicendo che ogni 2 anni la dimensione del singolo transistor si dimezza. Oggi siamo a 14nm nel 2017 dovremmo stare a 7 e nel 2019 a 3.5. Poi però ci fermiamo lì. Possiamo sostituire il Silicio con un elemento più leggero che ci potrebbe permettere di miniaturizzare ancora di più ma sotto il nm è cmq impossibile anche usassimo l'idrogeno. Immagino che nel post 2020 si punterà ad aumentare le prestazioni per transistor e non il numero di transistor oppure verrà sostituito il transistor con qualcos'altro più performante, ma a quel punto la legge di Moore non avrebbe più senso.
gridracedriver21 Aprile 2015, 14:43 #13
Originariamente inviato da: Personaggio
Che poi alla fine si potrebbe invertire la legge di Moore dicendo che ogni 2 anni la dimensione del singolo transistor si dimezza. Oggi siamo a 14nm nel 2017 dovremmo stare a 7 e nel 2019 a 3.5. Poi però ci fermiamo lì. Possiamo sostituire il Silicio con un elemento più leggero che ci potrebbe permettere di miniaturizzare ancora di più ma sotto il nm è cmq impossibile anche usassimo l'idrogeno. Immagino che nel post 2020 si punterà ad aumentare le prestazioni per transistor e non il numero di transistor oppure verrà sostituito il transistor con qualcos'altro più performante, ma a quel punto la legge di Moore non avrebbe più senso.


...
devi considerare sempre il quadrato

tralasciando il fatto che l'ordine di grandezza indicato è più commerciale che altro, in quando ci sono diversi ordini per dimensionare un transistor o le loro interconnessioni, ma il salto da 14nm a 10nm equivale ad un 2x in quanto teoricamente si passa da un transistor di dimensioni 14x14 ad uno 10x10, ergo 196nm quadrati vs 100nm quadrati
bancodeipugni22 Aprile 2015, 21:04 #14
Originariamente inviato da: rockroll
Non la conosci bene la legge di Murphy; essa recita:

Ogni 24 mesi raddoppia il numero dei chip che si rompono appena scaduta la garanzia.

Dicesi obsolescenza esponenziale programmata.


no perchè raddoppia ?

a meno che uno non comperi 2 oggetti o più dello stesso tipo....

...ah ma forse parlavi dei telefonini ?
cdimauro24 Aprile 2015, 06:38 #15
Originariamente inviato da: bancodeipugni
adesso più che la legge di moore vale la legge di murphy
un chip si romperà ogni 24 mesi, scaduta la garanzia
giusto in tempo per comprare il nuovo chip

Originariamente inviato da: rockroll
Non la conosci bene la legge di Murphy; essa recita:

Ogni 24 mesi raddoppia il numero dei chip che si rompono appena scaduta la garanzia.

Dicesi obsolescenza esponenziale programmata.

Dicesi bufala che è dura a morire. Avete le prove per quel che affermate?

A me pare, invece, che i chip durino molto a lungo. Se la gente fosse costretta a cambiare CPU ogni 2 anni, Intel & aziende annesse avrebbero il triplo della capitalizzazione in borsa...
Originariamente inviato da: rockroll
E' quello che vado ripetendo da una vita, in termini meno estremi e da tempi non sospetti.

Ma lo sanno tra le dorate mura di I$ quanto vale 2^50?
E secondo loro il numero di transistor di una CPU in 50 anni è cresciuto di 1126 Tvolte (T=tera=mille miliardi)?

Anche io espressi in quegli anni la "legge di rockroll", secondo la quale ogni anno sarebbe raddoppiato il numero di donne che mi sarei fatto... ed è sempre stata rispettata, almeno fino a quando non ho superato la disponibilità mondiale di materia prima: anche per la mia legge esistevano limiti invalicabili!

Vista la tua capacità di far di conto, ti sarai fermato alla prima potenza del due.
bancodeipugni25 Aprile 2015, 12:41 #16
non è costretta ma fortemente incentivata

anche perchè se cio' non fosse anche questo sito morirebbe
cdimauro25 Aprile 2015, 17:13 #17
Questo è un altro discorso, ed è originato dal consumismo sfrenato in cui viviamo.

Ma, al solito, tutto rimane nelle mani del consumatore: è lui che, in ultima analisi, infila la mano nel portafogli e tira fuori i soldi per comprare i prodotti. Anche quando non dovrebbe, perché abbindolato da pubblicità et similia.

Non si può scaricare sempre tutto alle aziende. Altrimenti facciamo come in Italia, dove tutti i problemi sono sempre colpa dei politici, e mai degli elettori che li hanno eletti...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^