Il settimo trimestre in rosso consecutivo per AMD

Il settimo trimestre in rosso consecutivo per AMD

AMD comunica i propri risultati finanziari trimestrali, evidenziando un'atteso passivo ma auspicando per la seconda metà dell'anno il ritorno al profitto.

di pubblicata il , alle 15:03 nel canale Processori
AMD
 

Dopo aver segnalato, con questa notizia, il passaggio di consegne tra Hector Ruiz e Dirk Meyer nella posizione di CEO di AMD, analizziamo con questa notizia i risultati finanziari del secondo trimestre 2008 di AMD. Come ci si attendeva, i risultati sono negativi e scontano una minusvalenza molto elevata, preannunciata del resto nei giorni scorsi, per circa 880 milioni di dollari, cifra che nel complesso sale a circa 920 milioni considerando altre variazioni al ribasso per riduzione del personale e revisione di alcuni investimenti in aziende esterne. Il fatturato nel periodo di riferimento è stato pari a 1.349 milioni di dollari USA, con una contrazione del 7% rispetto al primo trimestre 2008 e una crescita del 3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Il risultato del periodo vede una perdita di esercizio complessiva pari a 1.189 milioni di dollari USA, costituita da una perdita del periodo pari a 269 milioni di dollari USA e da una perdita operativa pari a 143 milioni di dollari. Analizzando i risultati del trimestre, pertanto, in termini di redditività AMD ha totalizzato una posizione negativa per 269 milioni di dollari USA, in diminuzione rispetto ai 308 milioni di dollari del primo trimestre 2008 e ai 531 milioni di dollari USA dello stesso periodo dello scorso anno.

La perdita operativa, pari a 143 milioni di dollari USA, è in diminuzione rispetto ai 214 milioni di dollari del primo trimestre 2008 e ai 396 milioni dello stesso periodo dell'anno 2007; un risultato di questo tipo, benché negativo, fa pensare che AMD possa ritornare ad un utile operativo già dal prossimo trimestre, anche se molto lavoro dovrà essere fatto per raggiungere questo risultato.

D'altro canto, questo risultato sconta ricavi straordinari pari a 193 milioni di dollari USA dati dalla vendita di una serie di macchinari per la produzione di wafer da 200 millimetri di diametro; rimuovendo questa voce straordinaria il risultato del periodo tocca un passivo di 462 milioni di dollari USA, ben più vicino quindi a quanto registrato 12 mesi prima.

I ricavi associati alla vendita dei macchinari per la produzione a 200 millimetri ha avuto dirette ripercussioni anche sul margine operativo lordo, pari al 52% includendo questa voce di ricavi e al 37% escludendola. Nel primo trimestre 2007 il margine lordo era stato pari al 41%, mentre ne secondo trimestre 2007 AMD aveva registrato un margine operativo lordo del 34%.

Analizzando le differenti business unit di AMD segnaliamo un calo dell'8%, con riferimento al primo trimestre 2008, nel fatturato di quella computing solutions e del 5% per quanto riguarda la parte Graphics. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno il risultato della divisione computing è rimasto invariato, mentre per quella graphics si è registrata una crescita del 18%.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

50 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
schwibby18 Luglio 2008, 15:06 #1
mentre per quella graphics si è registrata una crescita del 18%

fine quote

insomma ati non è cosi un buco nell acqua x amd....
Tetsuya197718 Luglio 2008, 15:08 #2
Si vendono ancora i processori AMD?
Olderrimo18 Luglio 2008, 15:20 #3
Originariamente inviato da: Tetsuya1977
Si vendono ancora i processori AMD?


Ovvio, anche perchè vengono prezzati in relazione alle performance e siccome al mondo il 99% della popolazione non fa overclock vengono vendute lo stesso bene. Purtroppo non vi sono margini di guadagno visto che i prezzi per l'appunto li fanno le prestazioni ed ecco spiegato le perdite. Ovviamente c'è il discorso di aver immotivamente strapagato ati per l'acquisizione...
marco_djh18 Luglio 2008, 15:23 #4
Ati sta salvando il sederino di ad AMD....
Bluknigth18 Luglio 2008, 15:26 #5
Il problema è che AMD ha perso terreno nelle fascie di mercato redditizie (Workstation e Server).

Spero che la nuova revisione a 45nm del Phenom ci riservi sorprese altrimenti sono dolori. Se non altro la parte ATI dell'azienda si è ripresa. Se tutto va bene questa potrebbe permette ad AMD di sopravvivere per qualche tempo.
Mparlav18 Luglio 2008, 15:28 #6
Ed i debiti della sezione graphics sono passati da 13M$ a 38M$, ed il volume delle entrate è sceso da 262M$ a 248M$:
http://www.amd.com/us-en/assets/con...8Financials.pdf

Non è un buco, ma non risolleva la società.
MiKeLezZ18 Luglio 2008, 15:38 #7
Originariamente inviato da: marco_djh
Ati sta salvando il sederino di ad AMD....
Non proprio.
AMD sta disperatamente cercando di usare ATI come ancora di salvezza.

La guerra dei prezzi che state vedendo non è frutto della concorrenza nella sua accezione più pura, ma è semplicemente una sleale tattica industriale volta a far andare sul lastrico l'azienda concorrente (NVIDIA) per poi, una volta entrati in regime di monopolio, alzare a dismisura i prezzi di vendita e quindi i margini sui prodotti.

Nulla toglie che questo sia un ottimo momento per farsi un sistema AMD/ATI (M/B, CPU, VGA hanno mediamente prezzi di acquisto del 20% inferiori rispetto la pari offerta).
Bluknigth18 Luglio 2008, 15:45 #8
@ MiKeLezZ

Non credo che la tua tesi stia in piedi. In questo momento Nvidia sta molto meglio sia dal punto finanziario che tecnologico. Oltretutto vanta una credibilità al momento superiore. AMD/ATI hanno tirato fuori un prodotto decente nella fascia media, senza rincorrere Nvidia nelle prestazioni top.

Hanno recepito megli di Nvidia che una fascia media che faccia qualche decina di Frame in meno a metà prezzo, è più appetibile per la maggioranza del pubblico.

A vedere i prezzi attuali è da un po' che penso che i prezzi delle schede grafiche fossero pompati oltre ogni limite. Per cui non credo andrà su lastrico. Forse faranno qualche profitto in meno.
Vik Viper18 Luglio 2008, 15:51 #9
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
è semplicemente una sleale tattica industriale volta a far andare sul lastrico l'azienda concorrente (NVIDIA) per poi, una volta entrati in regime di monopolio, alzare a dismisura i prezzi di vendita e quindi i margini sui prodotti.



Una sola parola: FANTAECONOMIA.
Ti invito a rivedere le tue tesi o almeno di tirare fuori qualche argomentazione convincente al supporto di simili farneticazioni.
Ma sinceramente dubito che esistano in primo luogo.
LZar18 Luglio 2008, 15:52 #10
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
Non proprio.
AMD sta disperatamente cercando di usare ATI come ancora di salvezza.

La guerra dei prezzi che state vedendo non è frutto della concorrenza nella sua accezione più pura, ma è semplicemente una sleale tattica industriale volta a far andare sul lastrico l'azienda concorrente (NVIDIA) per poi, una volta entrati in regime di monopolio, alzare a dismisura i prezzi di vendita e quindi i margini sui prodotti.

Nulla toglie che questo sia un ottimo momento per farsi un sistema AMD/ATI (M/B, CPU, VGA hanno mediamente prezzi di acquisto del 20% inferiori rispetto la pari offerta).


Ma secondo te un'azienda che sta finanziariamente alla canna del gas si mette in questo momento ad applicare sleali tattiche industriali per mandare sul lastrico un concorrente che vale circa il quadruplo ed ha le spalle coperte da qualche anno di redditività da nababbi? L'idea mi fa venire in mente una vecchia barzelletta di Walter Chiari che parla di un marito che su consiglio di un amico cerca di far fuori la moglie costringendola ad attività sessuale sfrenata. Se ci fosse lo spazio, ti la racconterei. Ti dico solo che si conclude con l'amico che va a trovarlo all'ospedale dove lo trova cadaverico, con la moglie in tenuta da tennis che, bianca e rossa ed in splendida forma, lo saluta e se ne va a giocare, ed il marito conclude: "Mi fa una pena quella lì che va a giocare a tennis e tra un mese deve schiattare .... ".

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^