Il futuro del cooling è a liquido?

Il futuro del cooling è a liquido?

I processori dissipano sempre maggiori quantità di calore, e probabilmente i dissipatori passivi potrebbero non essere sufficienti

di pubblicata il , alle 09:26 nel canale Processori
 

Ogni anno i processori diventano sempre più piccoli e performanti ma, di contro, dissipano sempre più calore proprio per via delle frequenze operative maggiori e della complessità del disegno. Ogni processore, inoltre, ha alcuni "hot spot", ovvero delle zone nelle quali si verifica una maggiore dissipazione del calore che sono tipicamente le aree dove viene svolta la maggior parte del lavoro del processore.

A fronte di questo Intel ha recentemente pubblicato il progetto di un nuovo dissipatore di calore con particolari alette biforcate, del quale abbiamo parlato in questa news. Tuttavia, attualmente nessuno sa se questo tipo di dissipatore potrà essere efficace anche per i processori che saranno lanciati negli anni successivi al 2005. Vi sono, invero, differenti soluzioni come sistemi di watercooling o elementi di Peltier, che tuttavia per ovvie ragioni non possono essere diffusi nel settore mainstream del mercato.

I prossimi processori, oltre a produrre temperature più elevate delle attuali, saranno caratterizzati da hot spot particolarmente caldi. Un sistema di cooling passivo quale può essere un heatsink, non è in grado di dissipare al meglio il calore prodotto in questo modo.

Una nuova compagnia sorta da poco, Cooligy, dichiara di aver sviluppato un nuovo metodo per il raffreddamento delle future CPU e GPU. Il sistema ideato da Cooligy impiega un particolare collettore di calore ricavato da un sottilissimo strato di silicio micro-lavorato che si adatta alla superficie del processore. Lo strato di silicio è percorso da microscanalature in elevata densità, che permettono al liquido di circolare e raffreddare efficacemente il processore e gli hot spot del processore stesso. La compagnia afferma che il sistema è in grado di disspare fino a 1000 W per centimetro quadrato. Il tutto mosso da una particolare pompa elettrocinetica, silenziosa e senza parti meccaniche in movimento.

La compagnia inizierà a breve la procedura per la certificazione del sistema, consegnando esemplari agli assemblatori di sistemi.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

57 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
V|RuS[X]10 Ottobre 2003, 09:50 #1
La compagnia afferma che il sistema è in grado di disspare fino a 1000 W per centimetro quadrato.


Mi sembra alquanto azzardata come affermazione.
MaxP410 Ottobre 2003, 09:50 #2
Anche il pc della segretaria avrà il raffreddamento a liquido!!

Io sono sempre favorevole all'immissione di nuove soluzioni però un liquid cooling per il grande pubblico lo vedo molto impegnativo... dovrà essere poco costoso, facile da installare e facilissimo da manutenere (in pratica non ci dovrà essere manutenzione).

E soprattutto, visti i "bollenti spiriti", molto efficiente.
Gaz10 Ottobre 2003, 10:03 #3
Quindi con la prossima generazione di PC potremo collegarli alle tubature dell'acqua di casa ed eliminare la caldaia, tanto ci penserà il PC a riscaldarla.
the_joe10 Ottobre 2003, 10:04 #4
Invece la vedo bene, nasceranno delle scrivanie con il radiatore frontale incorporato così d'inverno magari si può usare il calore prodotto per scaldare le gambe delle segretarie oppure personalizzando la scrivania i maniaci dei giochi di guida possono renderla uguale al frontale della loro auto preferita.
eta_beta10 Ottobre 2003, 10:24 #5
1000 W per centimetro quadrato
quasi quasi mi compro una centrale nucleare e utilizzo questo coso per raffreddarein nocciolo
V|RuS[X]10 Ottobre 2003, 10:25 #6
Originariamente inviato da eta_beta
1000 W per centimetro quadrato
quasi quasi mi compro una centrale nucleare e utilizzo questo coso per raffreddarein nocciolo


LoL
Carpix10 Ottobre 2003, 10:34 #7
Ma io dico ci ho messo anni e anni per riuscir a imparare a montare bene il dissipatore ad aria :-))))
Adesso quanto tempo mi ci vuole per montare quello a liquido???
A parte gli scherzi la tecnologia sta andando avanti ed io penso che sia ora che costruisca una stanza solo per il PC!!!, se andiamo avanti di questo passo fra 2 anni toccherà mettere un condizionatore d'ARIA per raffreddare i proc.
Ciao Ciao
the_joe10 Ottobre 2003, 10:41 #8
Originariamente inviato da Carpix
se andiamo avanti di questo passo fra 2 anni toccherà mettere un condizionatore d'ARIA per raffreddare i proc.
Ciao Ciao


Prometia e simili
1pixel10 Ottobre 2003, 10:51 #9
Non mi sembra un sistema destinato agli overclokers.

L'ipotesi credo sia quella di realizzare un sistema di raffreddamento a liquido talmente semplice ed economico da poter essere utilizzato, in un futuro non ben indicato, direttamente dai produttori o assemblatori.

Daltronde è così che son nati i dissipatori ad aria.. e pian piano si sono evoluti sino alle soluzioni attuali, integrate od optional che siano.

Qui ci sono alcune immagini dal sito www.cooligy.com :
foto, render1, render2
sciams10 Ottobre 2003, 10:51 #10
1000W??? Assurdo... dovranno rivedere i contratti Enel da 3000 W che mi sa cominceranno a stare strettini per usare i PC....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^