IDA: una nuova tecnologia nelle cpu Intel per piattaforme Santa Rosa

IDA: una nuova tecnologia nelle cpu Intel per piattaforme Santa Rosa

Intel Dynamic Acceleration: questo il nome di una nuvoa funzionalità destinata ad incrementare le prestazioni delle future piattaforme Centrino

di pubblicata il , alle 13:58 nel canale Processori
Intel
 

Nella più recente roadmap dei processori Intel, come segnalato dal sito The Inquirer a questo indirizzo, viene segnalata una nuova tecnologia che il produttore americano implementerà nelle future soluzioni Core 2 Duo per piattaforme notebook Santa Rosa, attese al debutto nel corso del prossimo anno.

Parliamo di IDA, Intel Dynamic Acceleration: mancano informazioni precise sul come questa tecnologia operi, ma stando alle informazioni attualmente accessibili dovrebbe trattarsi di una sorta di overboost del processore, senza necessità di incrementare il TDP massimo.

Intel segnala, nella propria roadmap, che la tecnologia IDA permette di ottenere un incremento prestazionale nel momento in cui vengono eseguite applicazioni sia single threaded che multi threaded per le quali si faccia ampio utilizzo di codice seriale. Quali siano le ripercussioni all'atto pratico non è ancora chiaro: è interessante evidenziare come l'incremento prestazionale promesso da Intel avvenga non a scapito del consumo complessivo, con TDP che rimane a pieno carico entro i 35 Watt dichiarati.

Le cpu Core 2 Duo L7500, L7300, U7600 e U7500, soluzioni per sistemi notebook basati su piattaforma Santa Rosa, implementeranno questa nuova tecnologia.

Aggiornamento: 15 Novembre 2006, ore 08.40

Il sito HKepc ha fornito, a questo indirizzo, nuove informazioni su questa tecnologia. In presenza di applicazioni single threaded, che quindi occupano un solo Core di processore lasciando il secondo in idle, la tecnologia IDA aumenta dinamicamente la frequenza di clock del primo Core, così da ottenere superiori prestazioni velocistiche mantenendo il consumo entro i valori di targa del processore. Al momento attuale questa tecnologia verrà implementata solo in sistemi notebook; Intel sta verificando se sia possibile e utile implementare IDA anche all'interno dei processori desktop.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
paulgazza14 Novembre 2006, 14:04 #1
cosa fanno, overcloccano solo quando viene usato un solo core?
jappilas14 Novembre 2006, 14:19 #2
tempo fa (mi pare l' anno scorso) si parlò di una novità di una serie Xeon uscita in quel momento, consistente nell' aumento del 10% del clock della cpu quando questa si fosse trovata sotto pieno carico (anche se apparentemente paradossale, un accorgimento del genere sarebbe utile nell' agevolare lo smaltimento di carichi di lavoro transitori, accelerando il ritorno a una situazione si impegno sotto il 100% con conseguente recupero della "responsiveness" complessiva)

potrebbe trattarsi di un' evoluzione di quel sistema applicato ai nuovi multicore...
GabrySP14 Novembre 2006, 14:22 #3
overboost del processore, senza necessità di incrementare il TDP massimo.


Interessante questa tecnologia, peccato vada contro tutti i principi della termodinamica
Scherzi a parte se si aumenta la frequenza di funzionamento e/o il voltaggio il Tdp aumenta per definizione di Tdp
l' unico modo per aumentare la potenza elaborativa senza aumentare il tdp dovrebbe essere quella di aumentare la frequenza e contemporaneamente diminuire il voltaggio [cosa che non ha alcun senso]
jappilas14 Novembre 2006, 14:40 #4
Originariamente inviato da: GabrySP
Interessante questa tecnologia, peccato vada contro tutti i principi della termodinamica
Scherzi a parte se si aumenta la frequenza di funzionamento e/o il voltaggio il Tdp aumenta per definizione di Tdp
l' unico modo per aumentare la potenza elaborativa senza aumentare il tdp dovrebbe essere quella di aumentare la frequenza e contemporaneamente diminuire il voltaggio [cosa che non ha alcun senso]

non è detto
se non ricordo male, per intel la definizione di TDP è pressapoco "valore medio della quantità di energia che il chip trasforma in calore, durante il funzionamento a regime, relativo al dimensionamento del dissipatore"
se il processore fosse capace di applicare un aumento di frequenza del 10% senza scalare il Vcore, e ipotizzando un aumento altrettanto lineare dell' energia termica emessa nell' unità di tempo (in W, mettiamo passare da una cinquantina a una cinquantina +5), il dissipatore, quindi il TDP pratico per la cpu, potrebbe restare invariato, accettando (e certificando il componente affidabile in presenza di) un aumento di qualche grado nella temperatura di esercizio
Xile14 Novembre 2006, 14:42 #5
Oh che bello torna il "Turbo"
giobat14 Novembre 2006, 14:51 #6
Ciao a tutti
Ma non potrebbe anche essere un metodo per condividere le unità elaborative interne fra i due core?
Se il codice è seriale può essere parallelizzato solo internamente al core (il microcodice) ed un core può essere più utilizzato dell'altro: in tal caso un core potrebbe "prendere in prestito" alcune unità di elaborazione del microcodice in modo da aumentare il parallelismo di elaborazione interno.
Per il codice non ottimizzato per due core potrebbe essere un buon turbo
Ed il TDP sarebbe invariato
Pozz14 Novembre 2006, 20:49 #7
Originariamente inviato da: giobat
Ciao a tutti
Ma non potrebbe anche essere un metodo per condividere le unità elaborative interne fra i due core?
Se il codice è seriale può essere parallelizzato solo internamente al core (il microcodice) ed un core può essere più utilizzato dell'altro: in tal caso un core potrebbe "prendere in prestito" alcune unità di elaborazione del microcodice in modo da aumentare il parallelismo di elaborazione interno.
Per il codice non ottimizzato per due core potrebbe essere un buon turbo
Ed il TDP sarebbe invariato


questo sarebbe molto interessante! però perchè per i centrino allora? una tecnologia così sarebbe utile anche su un desktop no?
NuT15 Novembre 2006, 13:38 #8
Originariamente inviato da: Xile
Oh che bello torna il "Turbo"


Nostalgia
sirus16 Novembre 2006, 09:30 #9
il Mitico Turbo... peccato che non ci sia più il pulsante sullo chassis del PC altrimenti...
Comunque speravo in qualche cosa di meglio (Reverse HT - ma a questo punto credo che le notizie ed i rumors usciti in passato fossero solo fumo).
crazy.eagle17 Novembre 2006, 19:32 #10
Originariamente inviato da: GabrySP
Interessante questa tecnologia, peccato vada contro tutti i principi della termodinamica
Scherzi a parte se si aumenta la frequenza di funzionamento e/o il voltaggio il Tdp aumenta per definizione di Tdp
l' unico modo per aumentare la potenza elaborativa senza aumentare il tdp dovrebbe essere quella di aumentare la frequenza e contemporaneamente diminuire il voltaggio [cosa che non ha alcun senso]

credo,vista la mia OT
che in una CPU dual core, (in due core attivi 35W) se un core è in iddle e l'altro è in leggero OVerclock si resti sempre sotto i 35W, come appunto funziona questa tecnologia !

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^