IBM: un passo avanti per i 22nm

IBM: un passo avanti per i 22nm

E' BigBlue la prima ad annunciare una tecnica che permetterà lo sviluppo del processo a 22nm utilizzando gran parte delle installazioni attuali

di pubblicata il , alle 10:34 nel canale Processori
IBM
 

Con la produzione di CPU a 45 nanometri ormai ben avviata e con i maggiori produttori ormai prossimi ad ultimare lo sviluppo delle tecnologie per la produzione a 32 nanometri, alcune realtà sono già proiettate verso gli studi per gettare le basi al processo produttivo a 22 nanometri.

Le tecnologie utilizzate per le attuali produzioni e per le future a 32nm, infatti, potrebbero non risultare adeguate per un ulteriore affinamento dei processi produttivi. E' pertanto necessario imboccare nuove strade, che consentano di mantenere il passo ed arrivare, nel giro di un lustro, ad avviare la produzione a 22nm.

Come riporta il sito eWeek, è IBM la prima ad annunciare un importante passo avanti su questa strada, con una nuova tecnica denominata Computational Scaling e che mette BigBlu in una posizione di vantaggio rispetto ad Intel sulla corsa per i 22nm.

Grazie a questa tecnica, spiegano gli ingegneri di IBM, permette di aggirare alcuni limiti dei metodi litografici utilizzati correntemente mediante l'impiego di tecniche matematiche per la modellazione della forma delle maschere utilizzate per la stampa a litografia. IBM afferma che grazie a questa tecnica non sarà necessario dover cambiare gli equipaggiamenti utilizzati per le attuali produzioni a 45nm e per le future a 32 nanometri.

Non sono state tuttavia fornite finestre temporali indicative per ciò che concerne l'effettivo avvio della produzione a 22 nanometri. IBM dovrebbe portare sul mercato i processori a 32nm nel corso del prossimo anno, così come Intel che utilizzerà l'attuale microarchitettura Nehalem per affinare il processo e solo in un secondo momento, nel 2010, cambierà l'architettura di base. E' possibile che i primi chip a 22nm possano vedere la luce nel corso del 2011, anche se lo sviluppo di un processo produttivo di tale portata potrebbe rivelarsi ben più complesso rispetto a tutti i predecessori ed allungare così i tempi del debutto.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
paxxo198523 Settembre 2008, 10:39 #1
Azz
nonikname23 Settembre 2008, 10:42 #2
Il limite si avvicina inesorabile .... addio Moore!!
faber8023 Settembre 2008, 10:50 #3
ibm......sempre avanti
Critterix23 Settembre 2008, 10:51 #4
Wikipedia dice:

"L'evoluzione del processo a 22 nm dovrebbe essere quello a 16 nm che forse potrebbe anche essere l'ultimo stadio evolutivo per quanto riguarda i circuiti costruiti con il silicio in quanto a tali dimensioni, si è molto vicini al "limite fisico" del materiale."

Ma credo che in passato nessuno avrebbe scommesso sul raggiungimento dei 16nm!


Se IBM sta già pensando ai 22nm di certo sta pensando anche a cosa farà dopo aver spremuto questa tecnologia; chissà quale alternativa starà valutando!
faber8023 Settembre 2008, 11:04 #5
ricordo (nn so dove) che avevo letto di materiali alternativi al silicio, così come l'implementazione di materiale organico, nessuno ricorda qualcosa al riguardo ?
cignox123 Settembre 2008, 11:07 #6
Ricordo che si parlava del raggiungimento del limite fisico a breve gia' 5 o 6 anni fa. Mi sa' che stiamo veramente spremendo fino all'ultimo i metodi attuali (giusto in tempo per vedere le prime applicazioni commeraciali della computazione quantistica).
Chissa' se gia' esiste qualche candidato ideale a sostituire le architetture correnti. Forse qualcosa del tipo i chip 3d, se riescono a risolvere i problemi di dissipazione, anche se non credo che abbiano efficenze energetiche tanto superiori ai comuni chip...
cignox123 Settembre 2008, 11:12 #7
ricordo (nn so dove) che avevo letto di materiali alternativi al silicio, così come l'implementazione di materiale organico, nessuno ricorda qualcosa al riguardo ?

Si, qualcuno sta tentando di usare DNA, e sono anche riusciti a fargli eseguire qualche semplice calcolo. Per ora tuttavia e' mooooltoooo lento (mi pare alcune ore per semplici operazioni aritmetiche...
felix08523 Settembre 2008, 11:15 #8
OT: Nuova layout del sito?
kralin23 Settembre 2008, 11:20 #9
layout orribile per me...

beh prima o poi il silicio si dovrà abbandonare.
Yaro8623 Settembre 2008, 11:22 #10
Originariamente inviato da: felix085
OT: Nuova layout del sito?


A me si è incasinata la home e non si capisce più niente

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^