IBM e AMD: studi per ridurre il consumo a 65 nanometri

IBM e AMD: studi per ridurre il consumo a 65 nanometri

I due produttori di processori mettono a punto nuove tecnologie produttive, che dovrebbero portare un contenimento ulteriore nel consumo delle cpu costruite a 65 nanometri

di pubblicata il , alle 07:27 nel canale Processori
AMDIBM
 

L'introduzione di nuove tecnologie produttive per la costruzione dei processori permette di ottenere vari benefici diretti: riduzione delle dimensioni del core, aumento del numero di transistor a parità di superficie e, in generale, incremento delle funzionalitàproprie di un processore grazie alla possibilità di introdurre transistor addizionali.

Intel sta per presentare sul mercato le prime cpu costruite con tecnologia a 65 nanometri, mentre AMD ha in programma di presentare nel corso del 2006 le prime versioni di processore Athlon 64 X2 costruite con tale tecnologia.

Stando alle informazioni pubblicate in questo articolo di zdnet.com, AMD e IBM avrebbero introdotto nuove innovazioni nel processo produttivo a 65 nanometri, grazie alle quali si otterrebbero ulteriori riduzioni del consumo complessivo dei processori.
Uno dei problemi recentemente apparsi nella produzione di processori con processi produttivi particolarmente sofisticati, infatti, è dato proprio dalla difficoltà di tenere sotto controllo il power leakage, una produzione eccessiva di calore che viene dissipato dal processore e non utilizzato attivamente per far funzionare i transistor.

Le tecniche adottate da AMD e IBM implicano una nuova implementazione dello strained silicon, grazie alla quale verrebbe ridotto il quantitativo di germano adottato nella costruzione dei core dei processori. Questo permetterà, secondo quanto dichiarato, di ridurre il consumo sino al 40% rispetto ad un procesore identico sprovvisto di queste tecnologie, oltre a facilitare nel complesso la produzione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

31 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Firedraw08 Dicembre 2005, 07:53 #1
sarebe ottimo se fosse vero vero. Stiamo a vedere.
ArticMan08 Dicembre 2005, 09:05 #2
Speriamo bene!
Sig. Stroboscopico08 Dicembre 2005, 09:33 #3
Mi pare impressionante una riduzione del 40%...
Special08 Dicembre 2005, 09:41 #4
non è una riduzione del 40%
è una riduzione fino al 40%

Un pò come l'autonomia dei cellulari
C'è quella dichiarata e quella effettiva
cionci08 Dicembre 2005, 09:41 #5
Originariamente inviato da: Sig. Stroboscopico
Mi pare impressionante una riduzione del 40%...

Dipende da quanto consumavano prima
XP220008 Dicembre 2005, 09:49 #6
C'è da dire che con il DSL sugli 0.09micron avevano gia fatto un bel passo avanti (basta vedere i consumi dei SanDiego, Venice, Manchetser e Toledo), sembra che sotto questo aspetto la collaborazione con IBM abbia portato buoni vantaggi ad AMD.
freeeak08 Dicembre 2005, 10:37 #7
si bella la collaborazione sotto questo punto di vista peccato che poi non si trovino in giro server ibm con su un opteron... è proprio una bella publicita.
tommy78108 Dicembre 2005, 10:45 #8
che cavolata, una collaborazione su singoli sistemi da implementare nella costruzione di processori non significa partnership cpmmerciale su tutti i fronti, dovrebbe essere ovvio...
buona cosa il minor consumo-calore dei processori, basta che non riprendano l'inutile corsa ai Mhz in virtù del minor calore generato andandolo poi ad annullare.
ThE-MaEsTrO08 Dicembre 2005, 10:54 #9
però le waorkstation IBM montano opteron...
Lotharius08 Dicembre 2005, 11:09 #10
...magari si riuscirà a tornare a sistemi di dissipazione ragionevoli, al contrario di questi mostri pesantissimi con ventole enormi...
Inoltre minor power leakage vuol dire più efficienza energetica, quindi la CPU graverebbe di meno sia sull'alimentatore che sulla bolletta.
Speriamo bene...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^