IBM Bulk Alliance, pronta per il processo a 28nm

IBM Bulk Alliance, pronta per il processo a 28nm

Ufficializzato con un annuncio la predisposizione da parte delle IBM Bulk Process Alliance per i 28nm: tra i membri è presente anche Globalfoundries

di pubblicata il , alle 10:43 nel canale Processori
IBM
 

Un passaggio importante che dimostra sia la continua attività dell'industria, sia per i vantaggi tecnologici che è in grado di garantire: il processo produttivo a 28 nanometri rappresenta infatti un traguardo importante e fondamentale per la produzione di chip. La IBM Bulk Process Alliance, di cui fanno parte Chartered Semiconductor, IBM, Infineon, Samsung, Globalfoundries e ST Microelectronics, ha annunciato così nella giornata di ieri la predisposizione al processo produttivo a 28nm HKMG (High-K Metal gate) che comincerà a tutti gli effetti nella seconda metà del 2010.

“Through this collaboration, IBM and its alliance partners are helping to accelerate development of next-generation technology to achieve high-performance, energy-efficient chips at the 28nm process level, maintaining our focus on technology leadership for our clients and partners” ha affermato Gary Patton, vice president per IBM semiconductor research e development center.

Un annuncio che arriva come risposta alla recente conference call tenuta da Intel ad inizio settimana, con cui il produttore americano ha confermato le tappe della propria roadmap e ha annunciato di aver cominciato a spedire i primi modelli di Westmere, il primo processore prodotto a 32 nanometri. Tra i membri della IBM Bulk Alliance è infatti presente anche Globalfoundries, la società spinoff che produce CPU per AMD, rivale da sempre di Intel. La scelta quindi di appoggiarsi alla alliance di IBM va letta in ottica puramente e meramente competitiva, nel tentativo di andare ad intaccare la strategia "tick tock" di Intel che vede, ad alternanza di un anno, il rinnovamento di architettura e di processo produttivo.

“We see 28nm is a important cross-over node (along with 32nm) in third-party customer acquisition with tremendous interest from prospective customers. 28nm low power technology in particular is ideally suited to areas like wireless and consumer electronics,” così si è espresso Jon Carvill, direttore delle corporate communications per Globalfoundries.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
capitan_crasy17 Aprile 2009, 10:59 #1
Quindi cè la possibilità di vedere GPU ATI a 28nm entro la fine del 2010 o al massimo entro l'inizio del 2011...
Xile17 Aprile 2009, 11:49 #2
Mi auguro che Amd riesca ad aprofittarne di questa opportunità.
Mercuri017 Aprile 2009, 12:07 #3
Per le CPU AMD dovrebbe continuare ad usare il processo "SOI". Questi "bulk" sono forse più economici per l'uso generale (e le GPU)
supertigrotto17 Aprile 2009, 13:17 #4

eh si...........

Ci sarà il ritorno del mitico baffone con la maglietta gialla BULK HOGAN!!!!!!
Vedremo come andrà a finire........
Mi pare che AMD sia sempre più amica di IBM!
atomo3717 Aprile 2009, 13:43 #5
speriamo davvero che amd si riprenda alla grande, il ritorno al monopolio intel sarebbe una sventura per tutti.
overnoise17 Aprile 2009, 13:49 #6
Originariamente inviato da: supertigrotto
Mi pare che AMD sia sempre più amica di IBM!


Mica scema...
nudo_conlemani_inTasca26 Maggio 2009, 22:50 #7
AMD dovrebbe approfittarne in maniera considerevole di queste opportunità.
Si è "ripresa" dallo shock del processo produttivo fallimentare con integrazione @ 65nm con processo Low-K Metal gate.. che faceva acqua da tutte le parti, infatti i core Agena assorbivano un fottio di corrente e performavano da fare pietà, menomane che il core Deneb @45 e High-K Metal gate, sono tornati sulla retta via.

Ora, AMD dovrebbe concentrare gli sforzi per realizzare piattaforme complete (iniziate con chipset ATI)
performanti e ben congeniate.
Il vero tallone d'achille riamngono le prestazioni (i consumi di corrente sono ottimi, il software che lo gestisce molto meno ->Overdrive, che sarebbe stato opportuno gestire via hardware con controller tensione integrato nel processore, Intel insegna).

Le IPC rimangono il vero terreno di conquista, con Nehalem non c'è storia e in vari test il Deneb 940 le prende da un misero Q6600 ormai preistorico.

AMD è ancora 2 anni in ritardo in termini di architettura e IPC (sui consumi è quasi leader),
è proprio qui che deve lavorare a mio avviso, i 32nm saranno un altro scoglio come lo sono stati i 90nm per Intel, al tempo.

Stesso discorso dicasi per le GPU @ 40nm, rogne in vista dai vari siti specializzati.

Più si scende e più è difficile realizzare CPU e GPU esenti da problemi fisici (strutturali).
LOL-LOL-LOL26 Maggio 2009, 22:54 #8
...l'informatica è l'unico settore dove l'uomo fa a gara per avercelo più piccolo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^