I SoC Atom di Intel e TSMC: non per aziende fabless

I SoC Atom di Intel e TSMC: non per aziende fabless

Nel merito dell'accordo tra TSMC ed Intel, quest'ultima chiarisce che l'accesso alla proprietà intellettuale per la costruzione di system on chip basati su Atom sarà concessa solamente a chi produce dispositivi completi

di pubblicata il , alle 15:41 nel canale Processori
IntelAtom
 

Nel corso dei primi giorni del mese di marzo è stato reso noto l'accordo stretto tra Intel e TSMC che sancisce la possibilità di produrre, per quest'ultima, soluzioni SoC (System-on-Chip) frutto delle proprietà intellettuali di entrambe le realtà. In altri termini, con l'accordo stipulato tra i due colossi, TSMC potrà realizzare soluzioni SoC a base Intel Atom.

Questa situazione ha causato una serie di spinte elucubrazioni nel corso delle passate settimane, che hanno portato da più parti a formulare l'ipotesi che aziende fabless specializzate nella progettazione di chip (una su tutte, NVIDIA) potessero avvalersi di tale possibilità per realizzare i propri SoC basandoli su Atom.

Intel ha voluto dipanare ogni dubbio prendendo ufficialmente posizione in merito a tale vicenda, così come riportato sul sito cinese HKEPC. Megan Langer, portavoce per il colosso delle CPU, ha dichiarato: "I clienti di Intel avranno accesso ad alcuni core Atom. Intel terrà le relazioni con i clienti. I clienti avranno accesso alle piattaforme di TSMC e di Intel per la progettazione e produzione di soluzione SoC Atom. I clienti interessati nella piattaforma tecnologica di TSMC lavoreranno inoltre assieme ad Intel ma continueranno a poggiarsi sull'infrastruttura di TSMC con la quale hanno familiarità, come gli strumenti di sviluppo e simulazione".

Non tutte le realtà avranno però la possibilità di creare SoC basati su Atom: saranno infatti proprio le realtà fabless a non poter accedere alle proprietà intellettuali congiunte di TSMC ed Intel, ma solamente i produttori di dispositivi completi potranno beneficiare dell'accordo stretto tra le due realtà all'inizio del mese.

"I clienti OEM produttori di dispositivi CE e dispositvi embedded potranno rivolgersi ad Intel. NVIDIA, così come altre realtà paragonabili, ovvero che sviluppano chip senza produrli direttamente, non possono essere, in questa situazione, considerati clienti. Questo accordo non è nato per mettere terzi parti nelle condizioni di realizzare SoC basati su Atom che andrebbero a competere direttamente con Intel" ha concluso Langer.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Mercuri001 Aprile 2009, 16:21 #1
Sorry, non ho capito proprio un ciufolo!
(alla terza rilettura)

Un'azienda dovrebbe avere la propria fonderia per farsi produrre i chip da TSMC??

e poi:
I clienti interessati nella piattaforma tecnologica di TSMC lavoreranno inoltre assieme ad Intel ma continueranno a poggiarsi sull'infrastruttura di TSMC con la quale hanno familiarità, come gli strumenti di sviluppo e simulazione".

Ci sono aziende che dispongono di fonderie che si appoggiano "sull'infrastruttura di TSMC con la quale hanno familiarità" O_o

buh.

Forse che abbiamo chiesto troppo al traduttore automatico di google, a 'sto giro?
Mercuri001 Aprile 2009, 16:32 #2
-.- oookkkeeeì, dal traduttore di google quello che capisco è...

L'accordo tra lntel e TSMC consente l'utilizzo della piattaforma a "the actual equipment manufacturers", mentre le "Fabless IC design company" non potrebbero accedere a queste tecnologie.

Riassumendo: Nokia sì, nVidia no.

Perché anche se nokia è "fabless" per quanto riguarda la produzione di IC, non progetta integrati da vendere a terzi come fa nVidia, ma produce telefonini. In sostanza lntel consentirebbe a Nokia, Apple, e parenti di sviluppare con la sua collaborazione soluzioni custom basate su Atom per le loro applicazioni.

Aggiungere tanti "ovviamente" a piacere in quanto ho scritto.
2012comin01 Aprile 2009, 16:36 #3
Originariamente inviato da: Mercuri0
-.- oookkkeeeì, dal traduttore di google quello che capisco è...

L'accordo tra lntel e TSMC consente l'utilizzo della piattaforma a "the actual equipment manufacturers", mentre le "Fabless IC design company" non potrebbero accedere a queste tecnologie.

Riassumendo: Nokia sì, nVidia no.

Perché anche se nokia è "fabless" per quanto riguarda la produzione di IC, non progetta integrati da vendere a terzi come fa nVidia, ma produce telefonini. In sostanza lntel consentirebbe a Nokia, Apple, e parenti di sviluppare con la sua collaborazione soluzioni custom basate su Atom per le loro applicazioni.

Aggiungere tanti "ovviamente" a piacere in quanto ho scritto.


A me sembra che il succo sia che Intel non vuole la grafica integrata di Nvidia

Ps: non credo che i ragazzi di hwupgrade facciano affidamento su un traduttore automatico :P
MAGNO01 Aprile 2009, 17:53 #4
e perchè nvidia no? devono ancora rifilarci ste schifezze di mga945 decloccate a 166 mhz sui netbook? ha rotto il cazzo sta insulsa scheda video. piuttosto una s3

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^