Globalfoundries prossima all'avvio dei lavori per la Fab2

Globalfoundries prossima all'avvio dei lavori per la Fab2

Inviata la lettera formale allo stato di New York per l'avvio dei lavori di costruzione del nuovo stabilimento produttivo

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:26 nel canale Processori
 

Globalfoundries ha annunciato di aver inviato allo Stato di New York l'impegnativa formale per la costruzione della Fab 2 presso il Luther Forest Technology Campus. Con la lettera viene dato il via ufficiale alle fasi di costruzione della Fab 2 ed avvia il processo di emissione di obbligazioni da parte dello stato di New York per il rimborso e gli incentivi alla compagnia per lo sviluppo della nuova fabbirca di semiconduttori.

"E' stato in questo mese, tre anni fa, che abbiamo annunciato i piani per la costruzione nello stato di New York della più avanzata fabbrica di produzione di semiconduttori al mondo." ha dichiarato Hector Ruiz, presidente di Globalfoundries. "Da allora abbiamo lavorato con impegno allo sviluppo di questo progetto reinventando le nostre strategie di business e con il lancio di Globalfoundries come una nuova compagnia. Lungo la strada abbiamo raccolto un importante supporto dal popolo di New York ed è con un grande piacere che oggi annunciamo il nostro impegno e l'avvio della fase di costruzione di questo entusiasmante progetto".

In vista della cerimonia d'inaugurazione ufficiale a Luglio, Globalfoundries ha inoltre effettuato altri importanti annunci:

- il completamento dell'accordo di sviluppo con la Città di Malta e la Città di Stillwater: tramite l'accordo di sviluppo la compagnia contribuirà con 5 milioni di dollari, incluso un milione di dollari destinato alla realizzazione di un complesso ricreativo pubblico di 32 acri. I restanti 4 milioni saranno impiegati per costruire due fondazioni indipendenti per il finanziamento di programmi a vantaggio delle comunità di ciascuna città.

- l'assegnazione dell'appalto per i lavori a M+W Zander, realtà specializzata nella realizzazione di infrastrutture dedicate alla progettazione di semiconduttori. Il prossimo lunedì 15 Giugno verrà dato il via ai lavori per preparare il sito per la costruzione su piena scala, inclusa la cerimonia di inaugurazione del prossimo luglio.

- la chiusura della transazione per acquistare 223 acri di terreno da LFTC per Mercoledì 10 giugno.

"New York è nella posizione di guidare la nazione nella New Economy. Questo progetto rappresenta esattamente il tipo di innovazione e di tecnologia d'avanguardia che darà al nostro stato un importante vantaggio. E' anche il più grande investimento nel settore pubblico-privato nella storia dello stato di New York, con migliaia di nuovi posti di lavoro e miliardi di dollari di investimenti, che avranno in impatto incredibile" ha dichiarato il Governatore David Paterson. "Voglio ringraziare Hector Ruiz e il proprio team in Globalfoundries per il loro impegno in questo importante progetto e verso i cittadini di New York".

Il progetto di costruzione prevede un periodo di completamento di 2 anni, più una finestra temporale di 12-18 mesi per raggiungere la piena operatività, con la piena produzione prevista per il 2012. Fab 2 permetterà di creare direttamente circa 1400 nuovi posti di lavoro una volta a pieno regime, per un salario annuale complessivo di più di 88 milioni di dollari. Inoltre il progetto darà modo di creare altri 5000 posti di lavoro indiretti nella regione, con un salario annuale complessivo di circa 290 miliondi di dollari all'anno per tutti i lavori.

Il capitale complessivo stanziato per questo progetto è di circa 4,2 miliardi di dollari. Le operazioni di costruzione creeranno inoltre 1600 posti di lavoro diretti, più altri 2700 posti di lavoro indotti.

Per un approfondimento sulle attività e i progetti di Globalfoundries invitiamo i lettori a visionare questa notizia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
g.luca86x10 Giugno 2009, 11:47 #1
amd apre fabbriche per semiconduttori a new york e la fiat delocalizza le 500 in polonia e le punto in romania... Non sapevo che la manodopera fosse più conveniente a new york! Chi è che ci sta mangiando sopra per spedire la produzione in romania?
Xile10 Giugno 2009, 11:49 #2
E' comunque sorprendente che con poche fabbriche siano riusciti a fare concorrenza ad Intel.
sniperspa10 Giugno 2009, 11:51 #3
Sembrerebbe che questo settore vada ancora bene...
Kuarl10 Giugno 2009, 12:03 #4
amd apre fabbriche a new york per due ragioni, la prima è che li si riescono a reperire ottimi ingegneri da impiegare nella fabbrica, la seconda è che lo stato di new york fornisce a fondo perduto un miliardo di dollari per la costruzione della fabbrica. La fiat delocalizza perché non ha sufficienti incentivi a produrre in italia.
Ren10 Giugno 2009, 12:10 #5
amd apre fabbriche a new york per due ragioni, la prima è che li si riescono a reperire ottimi ingegneri da impiegare nella fabbrica, la seconda è che lo stato di new york fornisce a fondo perduto un miliardo di dollari per la costruzione della fabbrica. La fiat delocalizza perché non ha sufficienti incentivi a produrre in italia.


Sono due confronti sbagliati, perchè il settore del silicio è decisamente più sofisticato del assemblaggio di autovetture, inoltre AMD ha destinato un processo produttivo innovativo alla FAB2.

Il confronto devi farlo con la Ferrari non con la FIAT.
Ren10 Giugno 2009, 12:12 #6
amd apre fabbriche a new york per due ragioni, la prima è che li si riescono a reperire ottimi ingegneri da impiegare nella fabbrica, la seconda è che lo stato di new york fornisce a fondo perduto un miliardo di dollari per la costruzione della fabbrica. La fiat delocalizza perché non ha sufficienti incentivi a produrre in italia.


Esatto.

La FIAT delocalizza auto di scarso valore aggiunto perchè deve proporle ad un prezzo ridotto, quindi serve basso costo della manodopera e scarsa specializzazione che non influisce in un progetto già consolidato.

Di solito gli incentivi statali vanno a progetti avanzati tecnologicamente, non per produrre lowcost.
Mparlav10 Giugno 2009, 12:21 #7
Basta pagare e ti costruiscono la fabbrica dove vuoi.

Lo stato di New York ha incentivato pesantemente per quella Fab così come a suo tempo fecero a Dresda.

Non è un caso, che il lavori di quella Fab sono stati ritardati per diversi mesi, perchè nel consiglio d'amministrazione della contea, diversi consiglieri hanno osteggiato a lungo il finanziamento pubblico ad una società, la Globafoundries con sede alle isole Cayman e capitali di Abu Dhabi, quando l'accordo iniziale per quella Fab era con Amd, di capitale americano.
I verbali d'assemblea ed i giornali locali si trovano online.

Anche la Fiat ha avuto incentivi statali per le fabbriche in Polonia e Romania, non è andata lì solo per il salario basso.
Avrebbe potuto scegliere la Bielorussia o la Bulgaria, se fosse stato solo per quello.

Anche in Italia, decine di società estere hanno aperto negli anni passati, sedi con incentivi regionali e statali o fondi EU.
Giusto il tempo di prendersi i soldi, hanno tenuto lo stabilimento aperto fino a quando, un'altro stato non ha fatto il suo finanziamento per aprire un'altra sede.
Se negli anni, ti servono tutte queste sedi, te le tieni, quando poi c'è crisi, chiudo quella meno produttiva o soprattutto dove il governo locale non ti finanzia per lasciarlo aperto (vedi Francia con l'accordo con Renault, per spostare la produzione Clio II dalla repubblica ceca di nuovo in patria, con le proteste ufficiali di quest'ultima).
atomo3710 Giugno 2009, 12:53 #8
se non altro finalmente una news che parla di occupazione e non di tagli
Billabong10 Giugno 2009, 13:42 #9

Piccole differenze

L'italia è quatentesima nella classifica della competitività internazionale, gli USA settimi.

In italia ci vogliono ANNI per espletare le procedure burocratiche, negli USA si parla di MESI

Gli USA abbondano di ingegneri preparati da università leader mondiali, in Italia abbiamo pessime università e ricerca minima.

Gli USA si possono permettere di pagare sostanziosi incentivi (che sono INVESTIMENTI, non SOVVENZIONI ai ben introdotti come nel caso delle fiat negli anni '80), noi no, perchè abbiamo debiti pari al 110% di ciò che produciamo. Debiti creati per mandare in pensione la gente a 35 anni (d'età e succhiati in corruzione & sprechi.

Lo stesso discorso si può applicare a Dresda, con l'aggravante che è una zona depressa e i tedeschi si sono adoperati con serietà e professionalità per svilupparla (a catania ST ci andata perchè lo Stato era azionista...).
vash7910 Giugno 2009, 13:54 #10
Originariamente inviato da: Ren
Esatto.
deve proporle ad un prezzo ridotto


La 500 costa poco? e comunque sarebbe corretto dire "progettata in Italia, prodotta in Romania". Invece col piffero.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^