Globalfoundries: processo bulk a 32nm entro la fine dell'anno

Globalfoundries: processo bulk a 32nm entro la fine dell'anno

Globalfoundries adotterà nel corso dei prossimi mesi il nuovo processo produttivo bulk a 32 nanometri per rendersi competitiva nei confronti di TSMC e UMC

di pubblicata il , alle 16:19 nel canale Processori
 

Con l'ufficializzazione della creazione di Globalfoundries, AMD ha recentemente completato tutta la lunga serie di operazioni burocratiche ed organizzative atte ad effettuare lo spin-off di tutta la parte relativa alla produzione "fisica" dei processori.

Globalfoundries, che ricordiamo essere una joint-venture partecipata da AMD e ATIC (Advanced Technologies Investment Company), si pone l'obiettivo di diventare un contract manufacturer, ovvero una realtà che produca processori anche per conto terzi. A questo scopo Globalfoundries deve ora improntare il proprio cammino con il preciso intento di mettersi alla pari, a livello di capacità produttive e know-how, di altre aziende contract di maggior credito, come TSMC e UMC che attualmente producono la maggior parte di processori, chipset e circuiti integrati per le aziende fabless.

Il primo passo che la nuova realtà intende compiere è l'adozione del processo produttivo Bulk a 32 nanometri nel corso dell'anno, in modo tale da poter essere pronta per la produzione destinata a terzi nel 2010. Il processo Bulk a 32 nanometri è principalmente sviluppato da IBM nel contesto della Technology Alliance, della quale fa parte anche Globalfoundries, ed è già stato impiegato proprio da Big Blue per condurre le prime produzioni sperimentali di chip SRAM nell'ultimo trimestre del 2008. I partner di IBM, pertanto, dovrebbero essere in grado di utilizzare tale processo per la produzione commerciale a partire dal primo trimestre del prossimo anno.

Globalfoundries, pertanto, si troverà impegnata su due fronti: quello della produzione SOI, destinato a soddisfare la domanda del suo principale cliente, AMD, per ciò che concerne la produzione delle CPU, e quello della produzione Bulk, che verrà impiegato per la produzione di GPU, chipset ed altri circuiti integrati. Si tratta di una sfida molto importante e delicata per la nuova realtà: da un lato deve poter assicurare tecnologie produttive SOI allo stato dell'arte per poter permettere ad AMD di competere con la rivale Intel, e dall'altro dovrà poter offrire una serie di valide soluzioni alternative rispetto a quanto ora offerto da TSMC e UMC, allo scopo di guadagnare qualche importante cliente.

Un impegno di questa portata si traduce inevitabilmente in investimenti e Globalfoundries è fiduciosa, con le risorse attualmente in suo possesso, di poter assicurare l'adeguata competitività a medio termine per poter dare vita ad un adeguato giro di affari.

Ben conscia di questa "missione" Globalfoundries ha arruolato, nel ruolo di vicepresidente del marketing e delle vendite, Jim Kupec, precedentemente presidente della sussidiaria statunitense di UMC, di eSilicon e di Cypress Semiconductor, il quale ha dichiarato: "Per Globalfoundries è il momento giusto di fare il proprio ingresso nel mercato, con il giusto modello di business per cambiare lo scenario dell'industria. Ancor più importante, abbiamo il corretto approccio e giuste le risorse. I nostri investimenti nelle tecnologie all'avanguardia e nell'infrastruttura di supporto assicurerà il successo dei nostri clienti".

A partire dal 2012, inoltre, Globalfoundries aggiungerà alla propria attuale capacità produttiva della Fab1 (ovvero le precedenti Fab 36 e Fab 38 di AMD a Dresda), quella della Fab 2 in corso di costruzione nello stato di New York, raggiungendo una capacità mensile complessiva di 60 mila wafer.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
alienzero24 Marzo 2009, 16:49 #1
mhhh 32 nanometri..
Mi chiedo quale sia il limite fisico del silicio.

EDIT: mi rispondo da solo, il silicio ha un raggio atomico di 0,11 nanometri
Polpi_9124 Marzo 2009, 17:02 #2
Consideriamo che in un cmì2 con gli attuali 45nm ci stanno più di 222.200 transistor. con i 35nm siu passerà a circa 286.000 transistor. comunque secondo me le tecnologie al silicio si avvicinano al limite tollerabile
Xeus3224 Marzo 2009, 17:04 #3
Non è l'atomo silicio ad essere un semiconduttore! Ma bensì un cristallo drogato! Quindi al limite dovrebbe essere più alto! A memoria, senza informazioni si va sui 7nm!
Non è però così ovvio riuscire a dorare selettivamente 20 atomi di silicio!
Si vedrà
xcavax24 Marzo 2009, 17:07 #4
giusto per curiosità, ma su un wafer a 32nm quante cpu dovrebbero starci??
alienzero24 Marzo 2009, 17:14 #5
Originariamente inviato da: Xeus32
Non è l'atomo silicio ad essere un semiconduttore! Ma bensì un cristallo drogato! Quindi al limite dovrebbe essere più alto! A memoria, senza informazioni si va sui 7nm!
Non è però così ovvio riuscire a dorare selettivamente 20 atomi di silicio!
Si vedrà


Certo, non e' l'atomo in se ad essere un semiconduttore...
La drogatura permette la predisposizione degli atomi in strutture atte alla conduzione.
pare che Intel sia riuscita a creare un gate di diossido di silicio inferiore al nm, ma con dispersione elettrica.
urgono nuovi materiali quindi.

qui si parla di altri materiali che permetterebbero un transistore di 2 nm
zani8324 Marzo 2009, 17:38 #6
x polpi....
Guarda che i transistor sono disposti su una superficie, non in linea uno dietro l'altro.
...in pratica ce ne stanno il doppio....
JackZR24 Marzo 2009, 18:23 #7
Sì, i Processori sono Quadrati
Se li facessero Cubici ce ne starebbero una marea, valli a raffreddare poi
marcos8624 Marzo 2009, 18:38 #8
io 60 mila wafer al mese non ce la faccio a mangiarli
gondsman24 Marzo 2009, 18:38 #9
7nm e' gia' un valore irragiungibile con le attuali conoscenze. Senza stravolgere l'idea del MOS classico non si scendera' sotto la decina di nm probabilmente, anche con gli sviluppi piu' fantasiosi (FinFET, nanotubi di carbonio), e c'e' sempre la questione che non puoi fare un canale piu' corto di un centinaio di atomi, perche' altrimenti la variabilita' sulle caratteristiche dei transistor in produzione diventa intollerabile. Per scendere al di sotto bisogna andare oltre il MOS e ricorrere a soluzioni e materiali che al momento sono solo nella fantasia degli scienziati.
In ogni caso l'unica strada e' quella di allontanarsi dal silicio drogato e, per quanto si vuole essere ottimisti, prima o poi lo sviluppo tecnologico dei semiconduttori terminera', probabilmente prima per ragioni economiche che fisiche. Produrre con nuove tecnologie che si allontanano dal bulk-Si (SOI, GaAs e cose del genere) permette si' di migliorare le prestazioni, ma fa perdere il vantaggio principale della tecnologia del silicio, che ha permesso all'elettronica di conquistare ogni tipo di tecnologia: costi di produzione IRRISORI. Arrivera' (presto) il momento in cui alle aziende non converra' piu' investire in ricerca e produzione di soluzioni avveniristiche, perche' l'incremento nel guadagno non coprira' piu' l'incremento enorme di costi di produzione. Per spiegarmi, ad Intel non converra' sviluppare una tecnologia che va il 5% piu' veloce di un concorrente, se per produrla costa 100 volte di piu'.
Ovviamente potrebbero esserci scoperte nell'ambito di tecnologie alternative al transistor che permettano di continuare lo sviluppo di dispositivi sempre piu' performanti e a costi non esorbitanti (elettronica usando materiali organici, computer quantistici...), ma molto probabilmente saranno cose che ora si vedono solo col binocolo e sicuramente prima del loro arrivo sul mercato ci sara' un periodo di stagnazione tecnologico che potrebbe durare anche decenni (questa e' una previsione personale, al contrario del resto del post). Beh, da ingegnere elettronico... speriamo bene!
macfanboy24 Marzo 2009, 18:40 #10
Originariamente inviato da: xcavax
giusto per curiosità, ma su un wafer a 32nm quante cpu dovrebbero starci??


Che domanda è? Dipende dal numero di transistor.
Di solito ce ne stanno più meno sempre le stesse. Solo che aumenta la complessità degli stesse.

Il Motorola 68.000 si chiamava così perchè aveva, appunto, 68.000 transistor. Ora un Core i7 (Quad) ne ha più di 700 milioni!!

Per altri numerelli... http://en.wikipedia.org/wiki/Transistor_count

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^