Frequenze di clock sempre più alti nei notebook grazie alle CPU Whiskey Lake-U

Frequenze di clock sempre più alti nei notebook grazie alle CPU Whiskey Lake-U

Emeegono online le specifiche di 3 nuove CPU Intel della famiglia Whiskey Lake, per notebook ultrasottili: stupiscono le frequenze di clock molto elevate che possono toccare via Turbo Boost

di pubblicata il , alle 08:21 nel canale Processori
Ultrabook2-in-1CoreIntelHP
 

Whiskey Lake è il nome in codice con il quale vengono indicati i futuri processori Intel destinati a sistemi notebook supersottili, caratterizzati quindi da un TDP contenuto in 15 Watt. Si tratta dei chip che vengono utilizzati in sstemi Ultrabook e nei dispositivi 2-in-1 in commercio.

HP ha indirettamente rivelato informazioni su 3 versioni di processore della gamma Whiskey Lake, riportandone i dati all'interno di propria documentazione su alcuni prodotti.  Quello che emerge dalle specifiche è la possibilità per queste CPU di raggiungere frequenze di clock molto elevate via Turbo, con balzi in avanti anche di 3 volte rispetto al valore di base clock e valori massimi che arrivano ad essere anche di 400 MHz superiori rispetto a quanto disponibile al momento.

Il processore Core i7-8565U, ad esempio, ha architettura quad core con 8MB di cache L3 e una frequenza di clock di default di 1,8 GHz. Via Turbo boost può raggiungere un picco massimo di 4,6 GHz, un dato prima d'ora mai avvicinato da processori destinati a sistemi notebook di ridotte dimensioni.

Per la CPU Core i5-8265U troviamo architettura quad core con clock di 1,6 GHz e cache L3 da 6 Mbytes: in questo caso il dato di boost clock massimo arriva sino a 4,1 GHz. Per la CPU Core i3-8145U l'architettura è di tipo dual core con base clcok di 2,1 GHz, cache L3 da 4 Mbytes e clock massimo via Turbo boost che raggiunge la soglia di 3,9 GHz.

Vedremo questi processori al debutto nei sistemi notebook più sottili e compatti attesi in commercio nel corso dell'ultima parte dell'anno, giusto in tempo per la stagione di vendite natalizia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nessuno2909 Agosto 2018, 08:32 #1
Quindi praticamente mai,non per più di 6 secondi e superando di 5 volte il tdp bene bene.
postillo09 Agosto 2018, 08:39 #2
Perchè mai? dove leggi non per più di 6 secondi?
unnilennium09 Agosto 2018, 08:57 #3
il link all'articolo mi dà pagina non trovata.... comunque si tratta sempre della stessa architettura odierna, coi suoi pro e contro. anzichè risolvere il throttling che affligge tutte le cpu, ne stanno facendo una forma d'arte... entro i 15w di tdp vuol dire che non farà altro tutto il tempo, per restare nelle specifiche...
un modo creativo per sfornare nuovi prodotti... peccato che le ultime review dicono che con un leggero undervolt questi processori vadano meglio se vanno più piano continuativamente anzichè salire a frequenze assurde per pochi secondi e poi rallentare per raffreddarsi... non serve anulla così
superz09 Agosto 2018, 09:34 #4
Originariamente inviato da: nessuno29
Quindi praticamente mai,non per più di 6 secondi e superando di 5 volte il tdp bene bene.


Non per più di 6s? Ma dove lo hai letto!?!?
saranno almeno 10s!! :P
https://static.techspot.com/article...0/images/17.png
nessuno2909 Agosto 2018, 09:38 #5
Ma uniformare i TDP standardizzandoli nel mondo dell'informatica?
Leggere 15watt è una presa per il culo enorme accanto alla frequenza in boost.
demon7709 Agosto 2018, 09:41 #6
salti di frequenza così elevati per poi poter resistere poco tempo al massimo della potenza mi pare poco sensato.
Sono d'accordo sul clock minimo molto basso perchè è un ottimo metodo per risparmiare energia, in ogni caso la cpu fa poco o nulla per gran parte del tempo.. ma il turbo deve tassativamente essere in grado di rimanere tale per almeno qualche minuto.
coschizza09 Agosto 2018, 09:53 #7
Originariamente inviato da: demon77
salti di frequenza così elevati per poi poter resistere poco tempo al massimo della potenza mi pare poco sensato.
Sono d'accordo sul clock minimo molto basso perchè è un ottimo metodo per risparmiare energia, in ogni caso la cpu fa poco o nulla per gran parte del tempo.. ma il turbo deve tassativamente essere in grado di rimanere tale per almeno qualche minuto.


eppure quando ui il pc in maniera base ti servono proprio picchi di potenza e poi il nulla per un po. Quindi è la soluzione ideale per sfruttare al massimo il tdp basso ma aver potenza durante una elaborazione di picco
Gyammy8509 Agosto 2018, 10:00 #8
Ormai la tendenza di intel è scrivere 5 ghz ovunque, pure sui processori del frigorifero, per poi sentire i piagnistei dei master di youtube "più core non servono a niente"
demon7709 Agosto 2018, 10:08 #9
Originariamente inviato da: coschizza
eppure quando ui il pc in maniera base ti servono proprio picchi di potenza e poi il nulla per un po. Quindi è la soluzione ideale per sfruttare al massimo il tdp basso ma aver potenza durante una elaborazione di picco


Vero anche questo.
Sarebbe però corretto settare il limite alto ad un valore che sia in grado di rimanere stabile a lungo.. se davvero parliamo di dieci secondi è ridicolo.
danieleg.dg09 Agosto 2018, 11:52 #10
Non capisco le critiche, le frequenze alte per pochi secondi rendono il pc più reattivo che è una delle cose più importanti in questi portatili, non sono mica fatti per tenere il processore al 100% per ore.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^