Ecco in che modo Intel affronta l'emergenza Coronavirus

Ecco in che modo Intel affronta l'emergenza Coronavirus

Intel ha ringraziato dipendenti, partner e clienti per come la stanno supportando in questo momento di emergenza Coronavirus. L'azienda sta operando in regime di "semi normalità", mettendo in campo accortezze e nuove misure. Ecco quali.

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Processori
Intel
 

La scorsa settimana, durante la conferenza di Morgan Stanley, il direttore finanziario di Intel ha spiegato che sebbene la situazione legata alla diffusione di Coronavirus sia in continua evoluzione, l'azienda continua a operare in modo quasi del tutto normale in tutto il mondo, inclusi nei siti produttivi in Oregon, Arizona, New Mexico, California, Irlanda, Israele e Cina.

Il CEO di Intel, Bob Swan, ha scritto nelle scorse ore un messaggio ai dipendenti in cui ha riconosciuto gli sforzi dei dipendenti per mantenere il business di Intel attivo e rispondere alla domanda dei clienti. "Non saremmo in grado di gestire efficacemente questa difficile situazione senza l'aiuto di tutta la famiglia Intel. Grazie per il supporto reciproco nelle ultime settimane e per la comprensione delle richieste insolite che questa situazione ha posto su molti dei nostri siti e persone. Continueremo a porre il benessere dei nostri dipendenti e le esigenze dei clienti in primo piano in tutte le nostre decisioni".

Swan ha ringraziato tutti per la "collaborazione e la comprensione", dicendosi "molto orgoglioso" di come l'azienda sta rispettando la sua cultura e i valori identificati dal motto "One Intel". Nel frattempo, la casa di Santa Clara ha preso delle misure per prendersi cura della sua forza lavoro diretta e indiretta e garantire la continuità aziendale.

Il CEO di Intel, Bob Swan

Per prima cosa molti dipendenti, se il ruolo lo consente, possono lavorare da casa. Chi invece è costretto a lavorare in ufficio o fabbrica, deve seguire alcune precauzioni per tenere la distanza con i colleghi. "Ad esempio, stiamo riducendo la capacità di posti a sedere nelle caffetterie e limitando la partecipazione alle riunioni di persona. Abbiamo messo in atto queste politiche nei nostri siti in Cina e hanno contribuito a mantenere i nostri dipendenti al sicuro e l'attività in funzione".

Intel ha annunciato che i lavoratori pagati a ore continueranno a ricevere una paga piena. "Per almeno i prossimi due mesi, questa decisione si estende anche a chi lavora presso i partner al servizio di Intel nel mondo, indipendentemente dalle modifiche ai livelli di servizio legati alle nostre politiche di telelavoro e di distanza sociale".

I dipendenti e gli appaltatori che hanno chiesto di lavorare da casa o in quarantena autonoma a causa delle restrizioni ai viaggi riceveranno la retribuzione regolare e Intel rimborserà fino a 15 giorni di servizi di assistenza ai dipendenti che hanno un bambino o un anziano a cui badare, o se un dipendente o un suo familiare deve mettersi in auto-quarantena a causa dell'epidemia di Coronavirus.

Intel sta anche intensificando la pulizia nei suoi siti operativi e sta applicando le sue tecnologie ed esperienza per capire meglio il virus e combatterlo. Intel e Lenovo hanno per esempio unito le forze con la BGI Genomics di Pechino per accelerare l'analisi delle caratteristiche genomiche di COVID-19. L'azienda è quindi in prima linea per consentire al mondo di superare questa situazione. Ovviamente tutte queste accortezze e regole sono in continua evoluzione, con l'obiettivo di garantire sicurezza e benessere di dipendenti e clienti come massima priorità.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^