Crossroads, un nuovo supercomputer basato su CPU Intel Xeon Sapphire Rapids

Crossroads, un nuovo supercomputer basato su CPU Intel Xeon Sapphire Rapids

Il Los Alamos National Laboratory degli Stati Uniti si prepara a mandare in pensione il supercomputer Trinity per fare spazio a Crossroads, un nuovo sistema quattro volte più potente basato su CPU Intel Sapphire Rapids, attese nel 2021.

di pubblicata il , alle 09:21 nel canale Processori
XeonIntel
 

Si chiamerà Crossroads il nuovo supercomputer sarà installato presso il Los Alamos National Laboratory degli Stati Uniti con compiti di ricerca scientifica ma soprattutto militari - è sistema è finanziato dalla National Nuclear Security Administration che servirà per gestire l'arsenale nucleare statunitense.

Hewlett Packard Enterprise (HPE) ha siglato un contratto di 105 milioni di dollari per fornire al centro un nuovo supercomputer che rimpiazzerà l'attuale Trinity, un sistema che vanta una potenza di calcolo di 20,1 petaflops (dato Rmax della classifica TOP500) ed è formato da CPU Xeon E5-2698v3 (16 core) e Intel Xeon Phi 7250.

Crossroads sarà formato dall'HPE Cray EX Supercomputer che include l'architettura Cray Shasta con raffreddamento a liquido e l'interconnessione HPE Slingshot. A bordo i processori Intel Xeon di prossima generazione, nome in codice Sapphire Rapids, con "un'avanzata architettura di memoria che consentirà uno spostamento dati molto più veloce".

Intel Sapphire Rapids è una serie di processori server prevista per il prossimo anno (e che vedremo anche in un altro supercomputer, Aurora) con supporto alla memoria DDR5, al PCI Express 5.0 e all'interconnessione CXL 1.1, oltre a diverse altre innovazioni come le Advanced Matrix Extensions dedicate al deep learning.

L'obiettivo di Crossroads è raggiungere prestazioni fino a quattro volte maggiori - intorno quindi ai 100 petaflops - e una più facile portabilità del codice rispetto al predecessore Trinity. Il nuovo supercomputer dovrebbe essere installato nell'autunno 2021 per una piena operatività nel corso del 2022.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^