CPU Intel Haswell: possibili incompatibilità con alcuni alimentatori

CPU Intel Haswell: possibili incompatibilità con alcuni alimentatori

I nuovi stadi C6 e C7, introdotti con le CPU Haswell per ridurre al minimo i consumi in idle, potrebbero introdurre una incompatibilità con alimentatori ATX che non rispecchino le nuove specifiche di alimentazione

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 11:31 nel canale Processori
Intel
 

Con ogni nuova generazione di processore della serie Core Intel ricerca un continuo contenimento dei consumi, tanto a pieno carico come in Idle. Questo trend verrà portato avanti anche con le soluzioni Haswell, nome in codice che identifica la prossima generazione di microarchitettura attesa al debutto il prossimo mese di Giugno con i primi modelli.

VR-Zone segnala, con questa notizia, un possibile problema di compatibilità tra le piattaforme per processori Haswell e alcuni alimentatori ATX a queste abbinate, legata alla corrente minima che deve essere fornita al processore nel momento in cui questo entra in una delle fasi di più elevato contenimento dei consumi.

In corrispondenza dei power state C6 e C7, i due dal consumo più ridotto nei quali le CPU Haswell possono essere poste, le specifiche tecniche indicano una corrente minima di 0,05 Ampere che dev'essere fornita dall'alimentatore. Per la precedente generazione di processori Intel Core, basata su architettura Ivy Bridge, le stesse specifiche richiedevano una corrente di 0,5 Ampere.

Si ipotizza che alimentatori non opportunamente sviluppati possano avere problemi a fornire questo tipo di corrente, portando quindi il sistema a malfunzionamenti nel momento in cui il processore entri in uno degli stati C6 o C7 a più basso consumo. I produttori di alimentatori riportano in genere nelle specifiche tecniche di funzionamento dei propri prodotti i dati massimi e non quelli di carico minimo: per questo motivo non è chiaro al momento quali modelli potrebbero o meno dare malfunzionamenti con queste piattaforme nelle modalità a più basso consumo.

Una via alternativa per ovviare a questo potenziale problema di incompatibilità può essere quella di disattivare l'attivazione di questi due stadi di funzionamento a più basso consumo. Tale approccio sarebbe possibile da bios con quelle schede madri socket 1150 LGA che implementeranno questa funzionalità, ma non si hanno dettagli specifici a riguardo al momento. Un approccio di questo tipo porterebbe ad un lieve incremento dei consumi in idle per questi processori, quantificabile in alcuni Watt, con però il vantaggio di assicurare corretto funzionamento con alimentatori che non verificano queste nuove specifiche.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

63 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Micene.129 Aprile 2013, 11:57 #1
il problema del carico minimo sugli ali si ha sull'intera linea a 12volt che segue la cpu....nn posso pensare che un sistema attuale (con hd cpu e ram ed eventualmente scheda video) possa consumare MENO di 0.05 a sulla 12 cioe meno di 1w...
PaulGuru29 Aprile 2013, 11:59 #2
Originariamente inviato da: Micene.1
il problema del carico minimo sugli ali si ha sull'intera linea a 12volt che segue la cpu....nn posso pensare che un sistema attuale (con hd cpu e ram ed eventualmente scheda video) possa consumare MENO di 0.05 a sulla 12 cioe meno di 1w...


0.05A a 12V sono 0.6W, va bene tutto ma adesso a meno che non hai forse un sistema minimal non credo esista il problema nei fissi.
VGA, MOBO, CPU, RAM sono i componenti che sfruttano i 12V e in idle va bene che intel è regina però adesso non esageriamo.
ilratman29 Aprile 2013, 12:02 #3
Originariamente inviato da: Micene.1
il problema del carico minimo sugli ali si ha sull'intera linea a 12volt che segue la cpu....nn posso pensare che un sistema attuale (con hd cpu e ram ed eventualmente scheda video) possa consumare MENO di 0.05 a sulla 12 cioe meno di 1w...

pensa

haswell, scheda madre, ram e ssd.

solo la cpu ha il 12V il resto no.
Originariamente inviato da: PaulGuru
Sono sicuro che ogni alimentatore di qualità soddisfi appieno tali esigienze, sicuramente si riferirà alle cinesate o roba di bassa lega sotto una certa cifra.


non crederlo, io ho dovuto pensionare un enermax infiniti perchè con il 2500k non avviava il sistema, mentre l'attuale sesonic non ha problemi.
PaulGuru29 Aprile 2013, 12:05 #4
Originariamente inviato da: ilratman
non crederlo, io ho dovuto pensionare un enermax infiniti perchè con il 2500k non avviava il sistema, mentre l'attuale sesonic non ha problemi.

Con Enermax ho avuto problemi anche io, non lo reputo un buon marchio, solo un marchio costoso.
Anche la VGA usa il 12V, collegato direttamente all'alimentatore e con tanto di sigla sopra i connettori ( "12V" ).
Perseverance29 Aprile 2013, 12:08 #5
Qualunque alimentatore anche il più cinese (a seconda della board) presenta una resistenza di carico minimo funzionale a se stesso così che non "si spenga" in caso di assorbimenti irrisori.
Raghnar-The coWolf-29 Aprile 2013, 12:09 #6
Si' ma che senso ha spingersi cosi' al limite su un ATX?

Parlassimo di ITX almeno...
flapane29 Aprile 2013, 12:20 #7
Originariamente inviato da: Raghnar-The coWolf-
Si' ma che senso ha spingersi cosi' al limite su un ATX?

Parlassimo di ITX almeno...


Ormai si sta raschiando il fondo del barile, perchè dai tempi del P4 siamo arrivati a consumi veramente bassi, ma immagino che una grossa multinazionale possa trarre rilevanti benefici, se centinaia di suoi computer da tavolo risparmiano una manciata di watt rispetto alle precedenti architetture, quando sono in idle.
Gli 0.5A attuali sono confermati anche dal mio Sandy Bridge, che infatti, in idle, consuma poco più di 6w. Se potessi arrivare ad 0.6w, e se possedessi centinaia di computer, a fine anno potrei comunque notare una diminuzione dei consumi.
calabar29 Aprile 2013, 12:25 #8
Originariamente inviato da: Raghnar-The coWolf-
Si' ma che senso ha spingersi cosi' al limite su un ATX?

Se il mio muletto desktop mi consuma un'inezia io sono contentissimo anche se è atx.
Ben vengano miglioramenti di questo tipo.

Più che altro mi piacerebbe capire che portata ha questo problema. Vale per la maggior parte degli alimentatori attuali? Bisogna ricercare l'implementazione di una particolare tecnologia? Esiste una listata esaustiva per la compatibilità?

Dato che haswell sarà molto diffuso tra non molto tempo, sarebbe interessante un approfondimento sulla questione così che uno si possa regolare.
gxxx29 Aprile 2013, 12:41 #9
Originariamente inviato da: ilratman
pensa

haswell, scheda madre, ram e ssd.

solo la cpu ha il 12V il resto no.


non crederlo, io ho dovuto pensionare un enermax infiniti perchè con il 2500k non avviava il sistema, mentre l'attuale sesonic non ha problemi.



azz, proprio l'alimentatore ho io...posso chiederti che problemi hai avuto di preciso?

Quest'alimentantore lo pagai oltre 250 euro e mi ero ripromesso di usarlo finche non esplodeva , è ridicolo che in caso voglia cambiare configurazione debba sostituirlo.
marchigiano29 Aprile 2013, 13:05 #10
Originariamente inviato da: gxxx
azz, proprio l'alimentatore ho io...posso chiederti che problemi hai avuto di preciso?

Quest'alimentantore lo pagai oltre 250 euro e mi ero ripromesso di usarlo finche non esplodeva , è ridicolo che in caso voglia cambiare configurazione debba sostituirlo.


vai nel bios e disabiliti gli stati C6/C7 e il gioco è fatto...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^