Con il prossimo update di Windows 10 anche affinamenti a Turbo Boost Max 3.0

Con il prossimo update di Windows 10 anche affinamenti a Turbo Boost Max 3.0

Ci si attende una migliore e più efficiente gestione della tecnologia Intel Turbo Boost Max 3.0, implementata nelle CPU della famiglia Core-X, tra le novità attese con il prossimo aggiornamento di Windows 10

di pubblicata il , alle 11:01 nel canale Processori
IntelCoreMicrosoftWindows
 

Il prossimo aggiornamento del sistema operativo Windows 10, versione 1909, è atteso al rilascio nel corso del mese di ottobre. Implementerà correzione di bug e aggiornamenti all'interfaccia utente, oltre a varie ottimizzazioni prestazionali così come avviene per ogni rilascio di nuova versione dell'OS Microsoft. Si tratta di un update marginale rispetto a quello principale del 2019, avvenuto lo scorso mese di maggio.

Pensando alle novità legate al rilascio di nuovi processori attesi nel corso degli ultimi mesi dell'anno, è da segnalare che con questo aggiornamento Microsoft implementerà una migliore gestione della tecnologia Intel Turbo Boost Max 3.0. In questo modo il sistema operativo tenderà a utilizzare i core dalle migliori capacità, in termini di tolleranza al funzionamento a frequenze di clock più elevate, tra tutti quelli disponibili.

intel_core_i9_ex.jpg

I processori Intel che supportano la tecnologia Turbo Boost Max 3.0 possono sfruttare, attraverso l'interazione con il sistema operativo, i core che sono dotati delle migliori caratteristiche a livello di silicio così che siano i primi a venir utilizzati in caso di elaborazione. Nel momento in cui, utilizzando un processore con architettura multicore, si eseguono applicazioni che sfruttano solo una parte dei core a disposizione la tecnologia Turbo Boost Max tenderà ad abbinare a queste elaborazioni i core che sono capaci di spingersi a frequenza di clock più alta e per il maggior tempo così da ottenere le migliori prestazioni.

Tale tecnologia è al momento implementata nei processori Intel della famiglia HEDT, High End Desktop, che comprende i modelli della gamma Core-X. Intel renderà disponibili nel corso del mese di novembre i nuovi modelli Core i9 della famiglia Core-X noti con il nome in codice di Cascade Lake-X, con versioni sino a 18 core dotate di supporto alla tecnologia Turbo Boost Max 3.0. L'aggiornamento del sistema operativo Windows 10 dovrebbe permettere quindi proprio a queste nuove CPU di esprimersi al meglio ma altre ricadute sono attese per i modelli precedenti delle famiglie Skylake-X e Kaby Lake-X. Il boost sarà ovviamente più evidente in ambito single threaded, nel quale l'utilizzo del miglior core tra quelli a disposizione può avere importanti ripercussioni in termini di risultato finale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
D4N!3L305 Ottobre 2019, 12:13 #1
Sul mio sistema ancora non è disponibile l'1903, non che abbia fretta anzi.

Spero che questo fixi i problemi del precedente, magari farò direttamente questo, sempre che sia disponibile per il mio Win 10.
Avatar005 Ottobre 2019, 17:06 #2
Per amd hanno mai fatto altrettanto ?
rockroll05 Ottobre 2019, 23:48 #3
Originariamente inviato da: Avatar0
Per amd hanno mai fatto altrettanto ?


Ma figurati tu... (Wintel ti dice qualcosa?)

Quindi questo è uno dei casi lampanti in cui l'ineffabile M$ va a testare se si tratta di HW Intel per favorire quest'ultima.

Peccato che M$ abbia invece applicato ad AMD le stesse attenzioni penalizzanti (mitigazioni MeltDown Spectre & C.) necessarie per sistemi Intel e praticamente inutili e talvolta dannose per sistemi AMD.

Non c'è be bisogno di tecnologie proprietarie Intel per individuare i core più fortunati, la cosa si sa già dalla fabbrica; basta montarli in sequenza di efficienza con boost approriato, ed lo scheduler di sistema provvederà a dare priorità a quelli primi in catena, indipendentemente dal marchio.
coschizza06 Ottobre 2019, 08:09 #4
Originariamente inviato da: rockroll
Ma figurati tu... (Wintel ti dice qualcosa?)

Quindi questo è uno dei casi lampanti in cui l'ineffabile M$ va a testare se si tratta di HW Intel per favorire quest'ultima.

Peccato che M$ abbia invece applicato ad AMD le stesse attenzioni penalizzanti (mitigazioni MeltDown Spectre & C.) necessarie per sistemi Intel e praticamente inutili e talvolta dannose per sistemi AMD.

Non c'è be bisogno di tecnologie proprietarie Intel per individuare i core più fortunati, la cosa si sa già dalla fabbrica; basta montarli in sequenza di efficienza con boost approriato, ed lo scheduler di sistema provvederà a dare priorità a quelli primi in catena, indipendentemente dal marchio.

Hai scritto solo stupidaggini infatti L attuale versione di 10 è stata ottimizzata pesantemente per la tecnologia zen di amd e le prestazioni ne hanno dato conferma. Sei rimasto un po’ indietro e direi di anni
L ultima frase è ridicola dal punto di vista tecnologico “montarli in sequenza” non hai idea di cosa sia un core evidentemente
coschizza06 Ottobre 2019, 08:09 #5
Originariamente inviato da: Avatar0
Per amd hanno mai fatto altrettanto ?


Si
nickname8806 Ottobre 2019, 10:49 #6
Originariamente inviato da: Avatar0
Per amd hanno mai fatto altrettanto ?


Originariamente inviato da: rockroll
Ma figurati tu... (Wintel ti dice qualcosa?)

Quindi questo è uno dei casi lampanti in cui l'ineffabile M$ va a testare se si tratta di HW Intel per favorire quest'ultima.

Peccato che M$ abbia invece applicato ad AMD le stesse attenzioni penalizzanti (mitigazioni MeltDown Spectre & C.) necessarie per sistemi Intel e praticamente inutili e talvolta dannose per sistemi AMD.

Non c'è be bisogno di tecnologie proprietarie Intel per individuare i core più fortunati, la cosa si sa già dalla fabbrica; basta montarli in sequenza di efficienza con boost approriato, ed lo scheduler di sistema provvederà a dare priorità a quelli primi in catena, indipendentemente dal marchio.

Peccato che M$ abbia invece applicato ad AMD le stesse attenzioni penalizzanti (mitigazioni MeltDown Spectre & C.) necessarie per sistemi Intel e praticamente inutili e talvolta dannose per sistemi AMD.


Certo che di cavolate ne spari :

https://www.ilsoftware.it/articoli....ggio-2019_19413
https://pureinfotech.com/windows-10...zen-processors/

Le mitigazioni inoltre non necessarie su AMD non sono mica attive.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^