Completata l'acquisizione di ATI da parte di AMD

Completata l'acquisizione di ATI da parte di AMD

AMD annuncia di aver completato l'acquisizione della canadese ATI, che cessa quindi di operare con proprio marchio diventando di fatto una business unit di AMD

di pubblicata il , alle 12:32 nel canale Processori
ATIAMD
 

AMD ha ufficialmente annunciato di aver completato l'acquisizione della canadese ATI, al termine di un periodo di 3 mesi durante i quali i vari enti preposti, oltre agli azionisti delle due società, hanno dato parere positivo affinché questa operazione venisse conclusa.

Il valore complessivo dell'operazione è pari a circa 5,4 miliardi di dollari USA: a conclusione un'azienda con circa 15.000 dipendenti su base mondiale, che svilupperà soluzioni sia per il tradizionale settore dell'informatica che per quello dell'elettronica di consumo. Del resto, in questo ambito ATI aveva sviluppato interessanti e redditizie soluzioni da alcuni anni a questa parte.

I dettagli economici dell'acquisizione vedono un pagamento di 4,3 miliardi di dollari in cache e di 58 milioni di azioni AMD, per un controvalore di circa 1,1 miliardi di dollari USA. Per finanziare l'uscita di capitali AMD ha ottenuto un prestito di lungo periodo Morgan Stanley Senior Funding, Inc, per un importo pari a 2,5 miliardi di dollari USA.

AMD ha inoltre annunciato che dietro al nome "Fusion" verranno sviluppate, nel corso dei prossimi anni, le prime architetture ibride che integreranno GPU all'interno di tradizionali CPU. Stando a quanto pubblicato nella press release di AMD, l'intento è quello di fornire nuovi livelli prestazionali bilanciando il consumo complessivo della piattaforma.

AMD rimane fedele al proprio approccio di azienda aperta ad iniziative di partner; per questo motivo all'interno del comunicato stampa viene più volte rimarcato come le piattaforme basate su Fusion continueranno a supportare architetture e tecnologie sviluppate da altri produttori terzi.

AMD prevede che le prime soluzioni Fusion verranno rese disponibili sul mercato tra fine 2008 e inizio 2009, pertanto non prima di due anni. Queste soluzioni verranno utilizzate in tutti i segmenti di mercato nei quali AMD opera: dai sistemi notebook a quelli desktop, passando per workstation e server oltre che nelle soluzioni di elettronica di consumo.

All'interno del comunicato stampa AMD ha inoltre indicato come una delle prime conseguenze dell'acquisizione sarà nella possibilità di creare proprie piattaforme complete, soprattutto nel segmento delle soluzioni notebook e in quello delle architetture Live! per l'intrattenimento personale domestico.

Di seguito l'intero comunicato stampa rilasciato da AMD:

SUNNYVALE, CALIF. - Oct. 25, 2006 - AMD (NYSE:AMD) today announced the completion of its approximately $5.4 billion acquisition of ATI Technologies Inc. Combining the complementary strengths of the two technology leaders, the new AMD opens for business as a processing powerhouse committed to driving innovation, choice and growth in the technology industry. With approximately 15,000 employees, the company merges AMD's technology leadership in microprocessors together with ATI's leadership in graphics, chipsets and consumer electronics.

"Today marks a historic day for our employees, our partners and our customers as we officially welcome ATI into the AMD family," said AMD Chairman and CEO Hector Ruiz. "On day one, we are delivering a winning set of complementary technologies, igniting a new level of innovation and continuing to champion choice for the industry. Thanks to the strength of our talented employees, the new AMD now has a full range of intellectual property (IP) in microprocessors, graphics, chipsets and consumer electronics to deliver open platforms and integrated solutions. In the near term, customers gain a new level of choice, and in the long term, we believe the possibilities for innovation are truly limitless."

Transaction Details

Under the terms of the transaction, AMD acquired all of the outstanding common shares of ATI for a combination of approximately $4.3 billion in cash and 58 million shares of AMD common stock, based on the number of shares of ATI common stock outstanding on October 24, 2006. All outstanding options and restricted stock units (RSUs) of ATI were assumed. The value of the ATI acquisition of approximately $5.4 billion is based upon the closing stock price of AMD common stock on October 24,
2006 of $20.32 per share and excludes the value of assumed equity awards.
AMD financed the cash portion of the transaction with a combination of cash and new debt. AMD obtained a $2.5 billion term loan from Morgan Stanley Senior Funding, Inc., which, together with combined existing cash, cash equivalents, and marketable securities balances of approximately $1.8 billion, provided full funding for the transaction.
AMD announced the final pro-ration applicable to ATI common shares in the acquisition. The total consideration to be paid for each common share, based on the Parent Closing Stock Price (as defined in the Plan of Arrangement, as amended), is approximately $21.36. The final election results indicate that pro-ration is as follows:

  • ATI shareholders who elected to receive cash will be entitled to receive, for each common share for which a valid cash election was made, approximately US $18.59 in cash plus approximately 0.1245 of a share of AMD common stock;
  • ATI shareholders who elected to receive stock will be entitled to receive, for each common share for which a valid stock election was made, 0.9596 of a share of AMD common stock; and
  • ATI shareholders who did not make a valid election will be entitled to receive, for each share for which no valid election was made, 0.9596 of a share of AMD common stock.
    Pro-ration was necessary because the cash consideration elected to be received exceeded the amount of cash available in the acquisition. Any fractional shares will be paid in cash.

Planning to Deliver Integrated Platforms in 2007 Customers should benefit from AMD's and ATI's combined platform development and technical support teams, which will be co-located in Taipei and Shanghai. Combined with the existing Austin and Toronto locations, these sites offer research and development and support to provide customers with a complete solution for optimized platform development.
AMD plans to deliver a range of integrated platforms in 2007 to serve key markets, including: commercial clients; mobile computing; and gaming and media computing. PC users will benefit from innovations intended to extend battery life on the next-generation AMD Turion(tm) 64 mobile technology-based platform and enhancements to the AMD LIVE!(tm) digital media PC platform that will enable users to get more from their favorite photos, music, and movies. AMD believes that these integrated platform innovations will bring customers improved system stability, better time-to-market, increased performance and energy-efficiency and overall, an enhanced user experience.

"By driving innovation and integration in processing, especially in graphics, the new AMD has the potential to empower breakthrough computing experiences for users of Windows(r) Vista,(tm)" said Jim Allchin, Co-President of Microsoft's Platforms & Services Division. "We are excited by the potential benefits that this union can bring to enhance the Windows Vista experience."
AMD also sees an opportunity to deliver processing solutions to the growing consumer electronics market. The company intends to leverage ATI's strength in the consumer market by pursuing new opportunities to invest in the consumer electronics and high-end discrete graphics markets. With leading technology and customer relationships, AMD is positioned to address digital convergence by leveraging critical IP to create new innovations and devices that facilitate end-to-end content delivery and connectivity to improve end-user experiences.

CPU/GPU Silicon "Fusion" - Another Industry First for Customers AMD plans to create a new class of x86 processor that integrates the central processing unit (CPU) and graphics processing unit (GPU) at the silicon level with a broad set of design initiatives collectively codenamed "Fusion." AMD intends to design Fusion processors to provide step-function increases in performance-per-watt relative to today's CPU-only architectures, and to provide the best customer experience in a world increasingly reliant upon 3D graphics, digital media and high-performance computing.

With Fusion processors, AMD will continue to promote an open platform and encourage companies throughout the ecosystem to create innovative new co-processing solutions aimed at further optimizing specific workloads. AMD-powered Fusion platforms will continue to fully support high-end discrete graphics, physics accelerators, and other PCI Express-based solutions to meet the ever-increasing needs of the most demanding enthusiast end-users.

"With the anticipated launch of Windows Vista, robust 3D graphics, digital media and device convergence are driving the need for greater performance, graphics capabilities, and battery life," said Phil Hester, AMD senior vice president and chief technology officer. "In this increasingly diverse x86 computing environment, simply adding more CPU cores to a baseline architecture will not be enough. As x86 scales from palmtops to petaFLOPS, modular processor designs leveraging both CPU and GPU compute capabilities will be essential in meeting the requirements of computing in 2008 and beyond."
Fusion processors are expected in late 2008/early 2009, and the company expects to use them within all of the company's priority computing categories, including laptops, desktops, workstations and servers, as well as in consumer electronics and solutions tailored for the unique needs of emerging markets.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

48 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
killer97825 Ottobre 2006, 12:39 #1
Speriamo che ATI continui a produrre schede TOP x entrambe le piattaforme AMD/Intel, sarebbe davvero una mazzata x noi utenti dover scegliere la CPU in base alla VGA che + ci aggrada
bartolomeo_ita25 Ottobre 2006, 12:40 #2
spero il marchio da voi riportato non sia l'ufficiale, perché fa senso :|

Nemios25 Ottobre 2006, 12:54 #3
Proprio oggi stavo cercando informazioni su driver ati, e mi sono accorto che hanno cambiato la grafica del sito: da rosso ati a verde amd...
Neo_25 Ottobre 2006, 13:00 #4
Vero,è già sparito anche lo storico marchio Ati
eltalpa25 Ottobre 2006, 13:01 #5
Originariamente inviato da: Nemios
Proprio oggi stavo cercando informazioni su driver ati, e mi sono accorto che hanno cambiato la grafica del sito: da rosso ati a verde amd...


Veramente è proprio cambiato l'indirizzo dell'home page di ati: ora www.ati.com reindirizza ad ati.amd.com
cionci25 Ottobre 2006, 13:01 #6
Qui c'è il comunicato stampa in italiano:

http://www.amd.com/it-it/Corporate/...~110911,00.html
bartolomeo_ita25 Ottobre 2006, 13:08 #7
questa fusioni di loghi, secondo me non gli gioverà... il marchio Ati era proprio bello
Fibo25 Ottobre 2006, 13:09 #8
Voglio andare anche io a sentire se mi danno un prestito di 2,5 miliardi di dollari.
Cmq pensavo che ATI pesasse di più, 5,4 miliardi non sono poi molti per una società che produce HW, anche messi in relazione per esempio agli oltre 4 pagati da Ebay per Skype o ai 10 ipotizzati per una fusione Intel - Nvidia.
Speriamo che grazie a questa la concorrenza si faccia più forte ed i prezzi scendano in ambito CPU, CPU e chipset.
Neo_25 Ottobre 2006, 13:12 #9
Originariamente inviato da: bartolomeo_ita
questa fusioni di loghi, secondo me non gli gioverà... il marchio Ati era proprio bello


Più che altro per un fatto di Marketing,Ati aveva investito molto in questo,vi ricordate che qualche anno fa lo cambiarono perchè fosse più leggibile anche in oriente separando bene le lettere?
Il Capitano25 Ottobre 2006, 13:20 #10
Originariamente inviato da: Fibo
Voglio andare anche io a sentire se mi danno un prestito di 2,5 miliardi di dollari.
Cmq pensavo che ATI pesasse di più, 5,4 miliardi non sono poi molti per una società che produce HW, anche messi in relazione per esempio agli oltre 4 pagati da Ebay per Skype o ai 10 ipotizzati per una fusione Intel - Nvidia.
Speriamo che grazie a questa la concorrenza si faccia più forte ed i prezzi scendano in ambito CPU, CPU e chipset.

ATI non produce hardware, e' una societa' fabless come nvidia. Per la produzione dei chip si affida alle fonderie taiwanesi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^