Broadwell e Skylake: le future CPU Intel per il 2015

Broadwell e Skylake: le future CPU Intel per il 2015

Una nuova roadmap chiarisce le tempistiche di lancio delle due nuove proposte Intel per sistemi desktop, oltre alla sovrapposizione. La prima compatibile con le schede madri in commercio; la seconda che richiede una piattaforma nuova

di pubblicata il , alle 11:33 nel canale Processori
IntelCore
 

Grazie al sito VR-Zone sono emerse nuove informazioni sulle CPU che Intel prepara al debutto nel corso del 2015, basate su tecnologia produttiva a 14 nanometri. Sappiamo che Intel sia al lavoro su due lanci distinti per sistemi desktop: il primo è quello dei processori Broadwell, basati sulla stessa architettura delle CPU Core-M e Core i7, i5 e i3 di quinta generazione presentate da Intel tra estate 2014 e inizio 2015.

Il secondo è legato ai processori Skylake, nome che identifica la nuova futura microarchitettura sviluppata da Intel per i propri processori abbinata a tecnologia produttiva sempre a 14 nanometri. A partire dal secondo trimestre 2015 vedremo sul mercato i primi processori della famiglia Broadwell caratterizzati da un TDP di 65 Watt e dall'adozione di un moltiplicatore di frequenza completamente sbloccato. Questi processori saranno compatibili con le schede madri socket LGA 1150 dotate di chipset della serie 9 attualmente in commercio, risultando interessanti in ottica di upgrade.

Anche per questo motivo la roadmap Intel prevede una coesistenza tra le proposte Broadwell e le future CPU basate su architettura Skylake per un segmento di mercato che è coincidente: le prime adotteranno piattaforme già in commercio mentre per le seconde sarà necessario dotarsi di nuove schede madri e memorie.

Interessante l'indicazione del TDP di soli 65 Watt per questi processori, pur con architettura quad core: questo lascia intendere che Intel sia stata capace di mantenere un livello prestazionale elevato, allineato a quello delle proposte Haswell Refresh ora in commercio, pur con un consumo di picco che è inferiore.

roadmap_intel_cpu_desktop_q1_2015.jpg (48798 bytes)

A partire dal terzo trimestre dell'anno la roadmap riporta il debutto dei processori Skylake-S, modelli con package LGA quindi sviluppati per l'abbinamento con la scheda madre su socket e non saldate sul PCB. Saranno proposte differenti versioni di questi processori, con architettura quad core e dual core e valori di TDP variabili in 95 Watt, 65 Watt e 35 Watt. I modelli Skylake-S includeranno anche declinazioni caratterizzate da suffisso K, a identificarne la presenza di moltiplicatore di frequenza sbloccato verso l'alto. Per i processori Skylake-S Intel adotterà il nuovo socket LGA 1151, in abbinamento a nuove schede madri e chipset della famiglia 100 che saranno abbinati a memoria DDR4.

La famiglia di processori Skylake vedrà anche il debutto, sempre tra secondo e terzo trimestre 2015, delle soluzioni Skylake-U; in questo caso avremo modelli dual core destinati a sistemi a più basso consumo con TDP pari a 28 Watt oppure 15 Watt e package di tipo BGA. Si tratta di modelli che andranno progressivamente a prende il posto di quelli Broadwell-U presentati da Intel a inizio Gennaio 2015, in concomitanza con il CES di Las Vegas, alla base della prossima generazione di Ultrabook, notebook sottili e sistemi ibridi che vedremo sul mercato nel corso dell'autunno.

Non mancheranno novità anche per i processori della famiglia N, terreno delle proposte Atom. In questo caso vedremo al debutto dal secondo trimestre 2015 i processori Atom basati su architettura Braswell, caratterizzati da versioni dual e quad core e da un TDP massimo pari a 10 Watt. Queste CPU prenderanno progressivamente il posto delle CPU Atom della famiglia Bay Trail-D.

Dalla roadmap emerge infine come nel corso del primo trimestre 2016 debutteranno i processori Broadwell-E per piattaforme di fascia enthusiast, soluzioni che andranno a prendere il posto di quelle Haswell-E attualmente in commercio che sono state presentate da Intel alla fine dell'estate 2014. In questo caso verrà mantenuto il TDP massimo di 140 Watt, con versioni della serie X e di quella K tutte dotate di moltiplicatore di frequenza sbloccato verso l'alto.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SENTINELLA02 Febbraio 2015, 11:50 #1
I core saranno sempre 4+4 o avremo anche soluzioni 8+8? Nessuno sa qualche cosa in più sulla quantità di core? E le frequenze?
AceGranger02 Febbraio 2015, 11:54 #2
Originariamente inviato da: SENTINELLA
I core saranno sempre 4+4 o avremo anche soluzioni 8+8? Nessuno sa qualche cosa in più sulla quantità di core? E le frequenze?


8+8 core nella fascia consumer credo che te li possa anche scordare.
MiKeLezZ02 Febbraio 2015, 12:19 #3
Non capisco perché gli Skylake-S quad-core saranno da 95W mentre i Broadwell quad-core da 65W

A regola sono la stessa identica cosa, cambia solo il socket e quindi il supporto DDR4 invece che DDR3
Sputafuoco Bill02 Febbraio 2015, 12:20 #4
Mancano i processori quad-core per notebook, non esisteranno più ?
francescoG102 Febbraio 2015, 12:26 #5
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
Non capisco perché gli Skylake-S quad-core saranno da 95W mentre i Broadwell quad-core da 65W

A regola sono la stessa identica cosa, cambia solo il socket e quindi il supporto DDR4 invece che DDR3



Problemi con i 14nm ed il motivo dell'abbandono del FIVR in skylake....

Cpu che scalano bene in frequenza saranno un lontano ricordo, siamo a limite per questa tecnologia...
[K]iT[o]02 Febbraio 2015, 14:10 #6
Senza un'adeguata concorrenza si è fermato tutto, ho comprato il 2600k 4 anni fa ma a prestazioni è come se l'avessi preso adesso. Sapevo di fare un buon acquisto, ma così è eccessivo.
D3stroyer02 Febbraio 2015, 14:40 #7
purtroppo è un settore più costoso del falegname, qui farsi concorrenza vuol dire avere miliardi di dollari da investire
giubox36002 Febbraio 2015, 15:08 #8
il problema è che le prestazioni a singole core sono ferme dai tempi del 2600k e si va verso il multicore,ma il problema è che i programmatori col cavolo che sfornano ottimizzazioni per più di 2 core... (tranne le dovute eccezioni con alcuni giochi o software professionali) per cui se non tirano fuori una cpu che almeno dia un 30/40% di prestazioni in più per ogni singolo core, per forza che siamo fermi...e la concorrenza di amd è inesistente, basti pensare che intel ha recentemente aumentato i prezzi in quest'ultimo mese per le cpu i7 consumer e non.
bongo7402 Febbraio 2015, 15:22 #9
scusate ma non ho capito quando usciranno le cpu desktop skylake su socket 1151 ddr4 e che caratteristiche avranno
Avatar002 Febbraio 2015, 16:19 #10
Originariamente inviato da: giubox360
la concorrenza di amd è inesistente, basti pensare che intel ha recentemente aumentato i prezzi in quest'ultimo mese per le cpu i7 consumer e non.


credo sia per via del cambio euro/dollaro non favorevole come prima.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^