Avviata la produzione a 0.09 micron per AMD

Avviata la produzione a 0.09 micron per AMD

Il produttore di processori ha avviato la produzione dei propri processori con processo a 0.09 micron; il debutto delle prime cpu è atteso per i prossimi mesi

di pubblicata il , alle 09:02 nel canale Processori
AMD
 

AMD ha ufficialmente confermato di aver avviato la produzione di processori basati su processo produttivo a 0.09 micron, nella propria fabbrica 30 di Dresda. Il debutto in volumi di queste cpu è atteso entro la fine del 2004.

La prima serie di cpu Athlon 64 a 0.09 micron prodotta da AMD è quella Mobile basata su Core Oakville. AMD ha rilasciato, a questo indirizzo, un comunicato stampa ufficiale.

Si prevede che per il segmento desktop le prime cpu basate su questo processo produttivo non saranno quelle top della gamma, ma quelle Athlon 64 di fascia media. Questo permetterà ad AMD di beneficiare degli inferiori costi di produzione di questo processo produttivo, sfruttandolo sulle proprie cpu Athlon 64 a superiore volume di produzione.

Per la fascia alta del mercato, si prevede il debutto entro la fine dell'anno della cpu Athlon 64 FX55 a 2,6 GHz di clock, basata su processo a 0.13 micron. Per la cpu Athlon 64 FX57, a 2,8 Ghz di clock, si passerà al processo a 0.09 micron, con debutto previsto per il secondo trimestre 2005.

Il futuro di AMD è però sempre più basato su architetture multicore, strada del resto che verrà intrapresa nel 2005 anche dalla rivale Intel. L'obiettivo iniziale è quello di presentare una soluzione Dual Core basata su processo produttivo a 0.09 micron, utilizzando wafer da 200 millimetri di diametro.

Per il 2006 si prevede invece il passaggio a wafer da 0.065 micron, con dimensioni di 300 millimetri. La sede scelta per questo nuovo processo di produzione sarà la Fab 36, attualmente in fase di costruzione sempre a Dresda.

L'evoluzione naturale sarà quella di processori con più di 2 core. Intel, del resto, prevede che nei prossimi anni architetture multicore potranno fare il loro debutto in sistemi server di fascia alta.

Lo spostamento verso architetture di tipo dual core e in seguito multicore è abbastanza naturale. La crescente complessità delle applicazioni richiede maggiore potenza elaborativa, che non può più essere ottenuta facilmente aumentando la frequenza di clock del processore.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

31 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Torpillone19 Agosto 2004, 09:33 #1
[Per il 2006 si prevede invece il passaggio a wafer da 0.065 micron, con dimensioni di 300 millimetri. La sede scelta per questo nuovo processo di produzione sarà la Fab 36, attualmente in fase di costruzione sempre a Dresda.]


Non capisco, ma è proprio necessaria un'altra fabbrica per un passaggio tecnologico?
Ma della vecchia fabbrica (..vecchia si fa per dire ) cosa ne fanno?
ErPazzo7419 Agosto 2004, 09:40 #2
Con la vecchia fabbrica potranno continuare a produrci le cpu che saranno i Duron al tempo, cioe' quelle mono-core. Poi quando anche i duron saranno dual-core la potranno sempre sfruttare x i geode o le memorie flash , nn si spreca niente
ekate19 Agosto 2004, 09:43 #3
Bello il multi-core , si avra l'impressione di avere un super server nel case .
ekate19 Agosto 2004, 09:45 #4
Bello il multi-core , si avra l'impressione di avere una workstation grafica invece del solito PC
ekate19 Agosto 2004, 09:47 #5
Bello il multi-core , si avra l'impressione di avere una workstation grafica invece del solito PC
andrezoso19 Agosto 2004, 10:24 #6

multi core multi core...

ma debbo kambiare mainboard??cambieranno un altra volta socket?? ke palle !!!!!!!
tarek19 Agosto 2004, 10:35 #7
Bello il multi-core , si avrà la prova che la tecnologia è incapace di sviluppare core più prestanti dopo appena 20 di sviluppo. E' un po' come se in F1 non riuscendo a sviluppare ulteriormente il motere, ne montano due sulla stessa macchina!

"""ma debbo kambiare mainboard??cambieranno un altra volta socket?? ke palle !!!!!!!""""

non ti preoccupare, subito avranno un costo talmente alto che i 150 euro di mb saranno ininfluenti, senza contare la miriadi di cazzatine tecnologiche che saremo obbligati a cambiare, tipo extra-ata usb3 ddr9 e pci-superexpress abarth.
ErPazzo7419 Agosto 2004, 10:41 #8
x tarek e andrezoso: se vi trovate bene col computer che avete nn dovete cambiarlo ma potete pur sempre aggiornarlo o migliorare componenti diversi dalla cpu tipo ram, scheda video o una bela coppia di RAPTOR in RAID . Nn ci si puo' lamentare se le tecnologie cambiano. Cmq amd aveva detto che le CPU dual-core andavano sul socket attuale . CIa'
Lord Archimonde19 Agosto 2004, 11:06 #9
Mi sembra buona l'dea d utilizzare il core a processo produttivo piu piccolo sulla fascia media d mercato, un po la strada che segue ATI
teoprimo19 Agosto 2004, 11:32 #10
Il fatto che comincino la produzione con i processori di fascia media mi fa molto piacere. Magari riesco a farmi un 939 prima della fine dell'anno!anche con un discreto prezzo.

x ErPazzo74:
Stavo leggendo un articolo di AnandTech sugli storage...
hanno messo due raptor da 74gb in raid0...
le conclusioni le lascio a te. Io sono rimasto un pò stupito, in negativo

Link

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^