Asetek denuncia Cooler Master per i kit a liquido

Asetek denuncia Cooler Master per i kit a liquido

Il debutto sul mercato dei kit di raffreddamento a liquido Seidon di Cooler Master ha spinto Asetek a citare in giudizio l'azienda taiwanese, per violazione di propri brevetti

di pubblicata il , alle 12:23 nel canale Processori
Cooler Master
 

Asetek, azienda famosa per aver sviluppato varie soluzioni di raffreddamento a liquido, ha avviato una procedura legale nei confronti di Cooler Master per la violazione di alcuni brevetti industriali. Il riferimento sono i sistemi di raffreddamento a liquido della serie Seidon, immessi sul mercato da Cooler Master dall'inizio dell'anno.

Recentemente Asetek ha visto riconosciuti alcuni brevetti che aveva depositato anni addietro, brevetti che sono alla base di molte soluzioni di raffreddamento a liquido sviluppate non solo dall'azienda ma anche da numerosi altri concorrenti presenti in questo settore.

E' stato nel mese di Agosto 2012 che Asetek si è vista accettare positivamente le domande di brevetto depositate sin dal 2006. Quale diretta conseguenza l'azienda danese ha avviato alcune azioni legali contro concorrenti, in primis la canadese CoolIT, per il riconoscimento delle proprie proprietà intellettuali.

cm_seidon_wc.jpg (49238 bytes)
Cooler Master Seidon

Stando alla documentazione accessibile online, ripresa dal sito eteknix a questo indirizzo, Asetek avrebbe inviato a Cooler Master una richiesta formale in data 28 Novembre 212 evidenziando la violazione di propri brevetti con i nuovi prodotti Cooler Master della serie Seidon, richiesta che non è stata accolta dall'azienda taiwanese.

Quale conseguenza, lo scorso 31 Gennaio 2013, Asetek ha citato in giudizio presso una corte USA Cooler Master. La causa si protrarrà nel corso delle prossime settimane e mesi, cercando di stabilire se vi sia stato un utilizzo non autorizzato di proprietà intellettuali di Asetek. Questa azione legale, al pari di quella intrapresa da Asetek contro CoolIT lo scorso anno, potrebbe portare a radicali modifiche nel settore dei sistemi di raffreddamento a liquido, soprattutto nel caso in cui le recriminazioni di Asetek venissero considerate valide.

Se così fosse si potrebbe venire a creare uno scenario per il quale ogni azienda interessata in sistemi di raffreddamento a liquido integrato debba accordarsi con Asetek per una licenza d'uso dei brevetti da questa detenuta, situazione che porterebbe il mercato dei kit a liquido per sistemi desktop a diventare ancora più di nicchia rispetto a quanto già non sia al momento attuale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Microfrost12 Marzo 2013, 12:48 #1
da come scrivete questi articoli pare che questi brevetti siano stati depositati in un fantomatico ufficio brevetti mondiale


scrivetelo nel titolo "NEGLI STATI UNITI"
maxmax8012 Marzo 2013, 13:07 #2
Asetek con i brevetti (SU SUOLO AMERICANO) sembra intraprendere la strada di un ben noto colosso americano..

cito dal link presente nell' articolo:

[B][U]"in riferimento alla pompa e radiatore la somiglianza è notevole, anche se le differenze sono altrettanto visibili dall'esterno"[/U][/B]

bah, staremo a vedere..

certo è che Asetek, che ormai non si inc*lava più nessuno ha..."scoperto l' America"..
DeMoN312 Marzo 2013, 13:28 #3
Ma solo a me sembra assurdo che un'azienda A chieda un brevetto nel 2006, glielo concedano a 7 anni di distanza (2013) ed a questo punto può intentare cause retroattive alle aziende B, C, D, etc... che in questo arco di tempo hanno usato (che sia vero o no) la sua tecnologia?!?
Microfrost12 Marzo 2013, 13:45 #4
ma infatti solo in america succedono queste cose
Snake9113 Marzo 2013, 00:50 #5
Originariamente inviato da: DeMoN3
Ma solo a me sembra assurdo che un'azienda A chieda un brevetto nel 2006, glielo concedano a 7 anni di distanza (2013) ed a questo punto può intentare cause retroattive alle aziende B, C, D, etc... che in questo arco di tempo hanno usato (che sia vero o no) la sua tecnologia?!?

E' normale, nn sarebbe giusto se le lungaggini burocratiche inficiassero la possibilità per un'azienda di difendere un proprio prodotto/tecnologia
E succede anche in Italia/UE e presumo in tutto il mondo (civilizzato, per intenderci credo che in Cina nn sia così...asd)
sundraw8316 Aprile 2013, 00:02 #6
ennesima storia di brevetti. io comunque di questi sistemi pseudo liquidi non mi fido molto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^