AMD vs Intel: richiesta giustificazione per le informazioni perdute

AMD vs Intel: richiesta giustificazione per le informazioni perdute

La corte chiede ad Intel di presentare un rapporto convincente che giustifichi la distruzione delle email di un terzo dei dipendenti

di pubblicata il , alle 12:10 nel canale Processori
IntelAMD
 

Nel corso del mese passato sono emerse importanti informazioni relative all'annosa disputa legale tra Intel e AMD, in particolare riguardanti la distruzione, da parte di Intel, di informazioni importanti ai fini del processo.

Intel ha ricevuto questa settimana una disposizione della corte di presentare una relazione esauriente ed esaustiva che illustri il motivo per cui tali informazioni (identificate in una lunga serie di messaggi di posta elettronica) sono andate perdute. Il colosso di Santa Clara ha tempo fino al 17 di aprile per presentare la propria relazione.

Chuck Mulloy, portavoce di Intel, ha sottolineato che la compagnia aveva già approntato una relazione per il 10 di Aprile, ma alcuni ritardi della corte hanno causato l'allungamento del termine pattuito. Ad Intel sara richiesto, oltre ad una valida giustificazione, anche di proporre una soluzione più efficiente sistema di archiviazione dei dati.

Fonte: Dailytech

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
DevilsAdvocate11 Aprile 2007, 12:23 #1
Hanno perso anche la relazione
Ratatosk11 Aprile 2007, 12:27 #2
Ho la sensazione che questa vicenda non finirà mai...
Nemios11 Aprile 2007, 12:31 #3
Forse le comunicazioni le ha mangiate il cane, come per i compiti a scuola.
E' possibilissimo :sisi:
loperloper11 Aprile 2007, 12:31 #4
o finirà con la intel che acquisisce l amd e si continua a fare causa da sola
papafoxtrot11 Aprile 2007, 12:40 #5
Certo che è forte:il marchio informatico più enorme e conosciuto che deve buttare la posta elettronica ogni mese per problemi di spazio di archiviazione....
Gli regalerò il mio fido Maxtor PATA 40Gb,per quante mail producano ne avranno per anni prima di riempirlo....
K7-50011 Aprile 2007, 12:52 #6
Come uomini della strada sappiamo tutti che Intel si è parata il posteriore, tutto entro i limiti della legale stupidità.
Preferiscono pagare una multarella rispetto al mettersi le manette da soli.

Finchè tagliano i prezzi vuol dire che la battaglia non è finita!

@ papafoxtrot: ti ricordi come disse il boss dela seagate? gli hard disk grandi servono solo per essere riempiti di film hard, se i dipendenti intel scambiassero "documentari" nella rete interna con tanto di email con commenti e hit parade? Io scherzo poi non si sa mai.




OFF T.

A scuola ho veramente visto i compiti mangiati dal cane, prima il mio compagno ha detto che non li aveva per tale motivo, poi la prof lo ha preso in giro, e poi il bimbo a tirato fuori i pezzi attaccati con lo scotch.

Dovevi vedere la faccia della maestra.


End OFF T.
afterburner11 Aprile 2007, 13:21 #7
Originariamente inviato da: papafoxtrot
Certo che è forte:il marchio informatico più enorme e conosciuto che deve buttare la posta elettronica ogni mese per problemi di spazio di archiviazione....
Gli regalerò il mio fido Maxtor PATA 40Gb,per quante mail producano ne avranno per anni prima di riempirlo....


Ti straquoto, pero' promettimi che gli regali un Western Digital e non un Maxtor!
Con tutta la mail salvata su dei Maxtor avranno un'altra buona scusa per perderla tutta nuovamente
capitan_crasy11 Aprile 2007, 13:24 #8
Originariamente inviato da: Ratatosk
Ho la sensazione che questa vicenda non finirà mai...


Sarà un processo moooooolto lungo!
Credo che fra qualche tempo Intel potrebbe accordarsi con AMD per un risarcimento in denaro, anche se l'accusa di concorrenza leale è molto grave...
markenforcer11 Aprile 2007, 13:55 #9
Da quanto ne so io almeno in Italia le email se non certificate non hanno alcun valore legale. Possono essere presentate in un processo ma vista la facile contraffazione possibile non fanno un gran testo. Detto ciò, o in america hanno una legislazione diversa sulle email (ma dubito visto che non credo siano così inesperti nel campo) o la storia delle email è solo una voce aggiunta nel tramandarsi questa faccenda.

Ai posteri l'ardua sentenza.
JohnPetrucci11 Aprile 2007, 14:13 #10
Queste sono le situazioni della serie "tutto il mondo è paese".
Più passa il tempo e più il mondo assomiglia al teatrino ironico dell'assurdo e del corrotto, e in questo contesto serietà, correttezza e legalità non trovano spazio.
Questa disputa tra 2 multinazionali nelle modalità e nel contesto in cui è calata, è sinonimo del marcio in cui il sistema economico e sociale è ormai indirizzato, proprio come le continue vicende sui brevetti.
Mi auguro che Amd trovi qualche soddisfazione ma alla fine il teatrino è destinato a perdurare su tanti fronti, e non solo su questo caso specifico.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^