AMD ridurrà gli investimenti in Globalfoundries

AMD ridurrà gli investimenti in Globalfoundries

La casa di Sunnyvale ha accennato alla possibilità di ridurre i propri investimenti nella sussidiaria che si occupa della produzione

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:53 nel canale Processori
AMD
 

Meyer, CEO di Advanced Micro Devices, ha dichiarato nel corso di un'intervista rilasciata al Wall Street che l'azienda assottiglierà progressivamente la propria presenza di capitali all'interno di Globalfoundries, dichiarando che la priorità per AMD sarà l'investimento nello sviluppo dei prodotti piuttosto che nella produzione.

Globalfoundries è una società partecipata da AMD e Advanced Technology Investment Company (ATIC), con la prima che detiene il 34% della quote. ATIC ha tuttavia già esplicitato il proprio impegno nella forma di investimenti compresi tra 3,6 miliardi e 6 miliardi di dollari per i prossimi cinque anni, con il preciso obiettivo di dare supporto allo sviluppo e alla crescita di Globalfoundries anche nel periodo di incertezza economica.

Con il progressivo assottigliamento dei capitali di AMD all'interno di Globalfoundries, Intel potrebbe tornare a sollevare la questione se Globalfoundries è o meno una sussidiaria di AMD e, di conseguenza, se ha o meno il diritto di sfruttare le licenze per la produzione di processori x86.

Dirk Meyer ha tuttavia precisato che AMD resterà il principale cliente di Globalfoundries e che avrà una rappresentanza nel consiglio di amministrazione (attualmente AMD occupa il 50% delle poltrone in Globalfoundries) per anni, elemento che resta sufficiente per classificare Globalfoundries come sussidiaria di AMD.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
filippo198030 Giugno 2009, 14:59 #1
Ci sono tutte le carte per far entrare nella società qualche altra grande impresa del settore, che dite NVIDIA ci farà un pensierino?
Cappej30 Giugno 2009, 15:12 #2
Nvidia.... un modo per accaparrarsi le X86.... potrebbe funzionare...?
Athlon 64 3000+30 Giugno 2009, 15:19 #3
A me pare sinceramente una bella cavolata perchè mi sembra di ricordare che per poter avvalersi della licenza x86 bisogna avere almeno il 51% di una eventuale societa che procuce quel tipo di processori e con il 34% anche a me vengono parecchi dubbi e alla Intel non gli si può dare tutti i torti.
Revenge8130 Giugno 2009, 15:21 #4
nn credo, perkè le licenze x86 sono d amd, nn di nvidia....

se globalfoundries può usarle è proprio perkè è una sussidiaria di AMD e dubito ke nvidia voglia ricoprire lo stesso ruolo...

inoltre nvidia se nn ricordo male ha acquisito via, quindi la sua licenza x86 ce l'ha già...in questo caso si ke potrebbe..


Cmq, secondo me potrebbe entrare in gioco anke IBM....visto ke è già partner d AMD da anni...
Revenge8130 Giugno 2009, 15:24 #5
@athlon 64: la legge prevede ke si detenga il 50% del CdA, nn delle azioni, quindi AMD è nella piena legalità...(ed in caso contrario già sarebbe in tribunale)
Mparlav30 Giugno 2009, 15:31 #6
Amd assottiglia gli investimenti, perchè è previsto fin dagli arbori.
I buchi di bilancio in qualche modo devono pur ripianarli, considerato che negli ultimi 9 mesi ha continuato a cumulare debiti, nonostante l'Asset Smart.
Xile30 Giugno 2009, 15:51 #7
Azz non sembra una buona notizia!!!
SwatMaster30 Giugno 2009, 16:02 #8
Con 'sti x86 hanno davvero rotto... Non se ne può più.
dado200530 Giugno 2009, 16:52 #9
Originariamente inviato da: Cappej
Nvidia.... un modo per accaparrarsi le X86.... potrebbe funzionare...?
Neanche per sogno.

Una fonderia(Globalfoundries) produce per conto terzi: sono i suoi clienti (vedi AMD) che posseggono le licenze d'uso.

Usualmente le licenze d'uso che vengono concesse ad una società NON sono, generalmente, trasferibili ad altre aziende.

Queste devono fare un accordo, usualmente a titolo oneroso, con l'azienda proprietaria della licenze: in questo contesto con Intel.
axias4130 Giugno 2009, 17:02 #10
Non penso Intel fara' piu' di sbraitare un po': non dimentichiamo che Amd ha concesso ad Intel licenze per l'architettura a 64 bit, se Amd ritirasse la licenza Intel non potrebbe piu' vendere chip a 64 bit per un bel po'.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^