AMD, CPU EPYC e GPU Radeon Instinct ai ricercatori per sfidare il COVID-19

AMD, CPU EPYC e GPU Radeon Instinct ai ricercatori per sfidare il COVID-19

Lisa Su ha annunciato la creazione di un fondo per sostenere la ricerca medica contro il COVID-19. Il fondo include la donazione iniziale di sistemi ad alte prestazioni per un valore di 15 milioni di dollari ad alcune istituzioni di ricerca.

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Processori
AMDEPYCRadeon Instinct
 

Il CEO di AMD, Lisa Su, ha illustrato la risposta dell'azienda all'emergenza COVID-19. AMD ha annunciato la creazione di un fondo chiamato "COVID-19 HPC" per fornire alle istituzioni di ricerca le risorse di calcolo di cui hanno bisogno per accelerare la ricerca medica sul nuovo Coronavirus e altre malattie.

Inizialmente il fondo includerà una donazione di sistemi HPC alimentati da CPU EPYC e GPU Radeon Instinct per un valore pari a 15 milioni di dollari a importanti istituti di ricerca. L'azienda è inoltre entrata a far parte del COVID-19 High Performance Computing Consortium, lo sforzo varato dalla Casa Bianca, il Dipartimento dell'Energia statunitense e IBM per dare accesso ai ricercatori ad alcuni dei supercomputer più potenti al mondo.

"AMD sta contribuendo con tecnologia e risorse tecniche, tra cui acceleratori Radeon Instinct MI50 e risorse di supporto per il sistema Corona ospitato al Lawrence Livermore National Laboratory. Queste risorse vanno quasi a raddoppiare le massime prestazioni del sistema, fornendo ulteriore potenza di calcolo per la modellazione molecolare a supporto della ricerca contro il COVID-19", spiega Lisa Su.

L'azienda statunitense è inoltre impegnata nel supporto delle comunità in tutto il mondo. AMD ha inoltre stanziato più di 1 milione di dollari in iniziative di beneficenza e a supporto di fondazioni come la Croce Rossa cinese, Medici senza frontiere in Europa, Silicon Valley Community Foundation e Austin Community Foundation negli Stati Uniti e altre fondazioni locali in Canada, India, Malesia e Singapore.

AMD ha inoltre donato centinaia di migliaia di mascherine al personale medico e ha stanziato un ulteriore milione di dollari per raddoppiare le donazioni fatte dai propri dipendenti. L'azienda ha persino dato priorità alle consegne de suoi processori per il settore embedded, usati in ventilatori e respiratori.

Leggi anche: Chi è Lisa Su, la donna che ha risollevato AMD

Il CEO ha ribadito inoltre che al momento la produzione dei prodotti ha subito solo un lieve contraccolpo e che la priorità rimane la salute e la sicurezza dei propri dipendenti, partner e clienti. Per questo motivo la maggior parte dei dipendenti AMD in tutto il mondo sta lavorando da casa.

"Continuiamo a pagare al massimo i nostri dipendenti con paga oraria, che siano in grado o no di svolgere le loro mansioni durante questo periodo", ha affermato Lisa Su aggiungendo che l'azienda ha aumentato i benefit sanitari legati al COVID-19 e che negli uffici sono stati rafforzati i controlli di temperatura all'ingresso, insieme all'implementazione di "rigide procedure di allontanamento sociale e l'adozione di turni di lavoro differenti per ridurre la densità".

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
supertigrotto16 Aprile 2020, 15:44 #1

iniziativa lodevole!

Speriamo che tutte queste risorse di calcolo non vadano sprecate,vedo che con folding@home,nonostante la potenza di calcolo a disposizione,fin'ora novità non ce ne sono state,sono speranzoso che vengano fatti passi in avanti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^