AMD completa la cessione delle proprie fabbriche per assemblaggio e test dei chip

AMD completa la cessione delle proprie fabbriche per assemblaggio e test dei chip

AMD completa l'operazione di cessione delle proprie attività di test e assemblaggio dei chip in Cina e Malesia, ora parte di una joint venture appositamente creata, ricevendo in cambio oltre 300 milioni di dollari e diventando sempre più azienda fabless

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:32 nel canale Processori
AMDGlobalfoundries
 

Risale allo scorso mese di ottobre l'annuncio da parte di AMD di aver costituito una joint venture con Nantong Fujitsu Microelectronics (NFME) grazie alla quale spostato le proprie attività di assembly, test, mark e pack (ATMP) dei prodotti all'esterno dell'azienda.

L'operazione è stata ufficialmente completata nei giorni scorsi: AMD pertanto ha ricevuto un pagamento di 371 milioni di dollari USA in cambio della cessione dell'85% della proprietà delle operazioni di assembly, test, mark e pack nelle sedi di Penang, Malesia e Suzhou, Cina. AMD continuerà a detenere la restante quota del 15%, anche se non pare difficile ipotizzare che questa possa venir ceduta in un secondo tempo.

Quello completato in questi giorni è l'ultimo passaggio che ha portato AMD a diventare completamente un'azienda di tipo fabless, dopo aver inizialmente ceduto le proprie fabbriche produttive a GlobalFoundries attuando la strategia interna indicata con il nome di assets light.

Tolte le tasse e altri costi correlati, AMD otterrà una somma di 320 milioni di dollari in contanti grazie ai quali migliorare i propri conti e poter avere a disposizione risorse economiche per investire in sviluppo interno. Questa operazione conferma sia la necessità di migliorare la situazione finanziaria e alleggerire il costo degli interessi per i finanziamenti ricevuti in passato, sia il progressivo spostamento di AMD verso un business di azienda di semiconduttori impegnata nello sviluppo tecnologico ma non più nella vera e propria costruzione dei chip.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
elgabro.02 Maggio 2016, 09:49 #1
scusate, GlobalFoundries a quanti nanometri se fermata?
mik9102 Maggio 2016, 10:07 #2
Originariamente inviato da: elgabro.
scusate, GlobalFoundries a quanti nanometri se fermata?


14nm FinFET
elgabro.02 Maggio 2016, 10:23 #3
Originariamente inviato da: mik91
14nm FinFET


Su quali processori?
TigerTank02 Maggio 2016, 11:14 #4
A me purtroppo tutto questo suona come "controllo qualità che cala sempre di più", cosa già vista in altri settori dove al di là di nomi blasonati e altisonanti trovi sempre la solita etichetta di produzione dei paesi ad alto sfruttamento di manodopera sottopagata. Poi non stupiamoci che prodotti tecnologici costosissimi e all'avanguardia abbiano dei livelli di controllo qualità penosi, con difetti vari e assemblaggi discutibili....visto che sono cose non più fatte e seguite da chi mette poi il nome sulla scatola del prodotto.
Ormai si sa che l'andazzo globale è questo, con progettazione/pubblicità e produzione/qualità ormai nettamente separate come realtà.
CiccoMan02 Maggio 2016, 11:26 #5
Originariamente inviato da: TigerTank
A me purtroppo tutto questo suona come "controllo qualità che cala sempre di più", cosa già vista in altri settori dove al di là di nomi blasonati e altisonanti trovi sempre la solita etichetta di produzione dei paesi ad alto sfruttamento di manodopera sottopagata. Poi non stupiamoci che prodotti tecnologici costosissimi e all'avanguardia abbiano dei livelli di controllo qualità penosi, con difetti vari e assemblaggi discutibili....visto che sono cose non più fatte e seguite da chi mette poi il nome sulla scatola del prodotto.
Ormai si sa che l'andazzo globale è questo, con progettazione/pubblicità e produzione/qualità ormai nettamente separate come realtà.


Io credo che questi siano operazioni esclusivamente commerciali... alla fine test e assemblaggio vengono effettuati sempre nelle stesse factory... dalle stesse persone gestite dai stessi dirigenti... cambia solo la proprietà dell'azienda.

Storicamente le azioende che hanno cercato di mantenere interne tutte le linee di produzione non hanno fatto una bella fine...
TigerTank02 Maggio 2016, 11:36 #6
Originariamente inviato da: CiccoMan
Io credo che questi siano operazioni esclusivamente commerciali... alla fine test e assemblaggio vengono effettuati sempre nelle stesse factory... dalle stesse persone gestite dai stessi dirigenti... cambia solo la proprietà dell'azienda.

Storicamente le azioende che hanno cercato di mantenere interne tutte le linee di produzione non hanno fatto una bella fine...


Speriamo...perchè purtroppo anche quando cambiano gestione spesso cercano in qualche modo di massimizzare gli utili e/o recuperare i costi di acquisizione.
Basta vedere ad esempio i monitor da gaming...costano un sacco e devi essere fortunato nel beccare un esemplare buono.
AceGranger02 Maggio 2016, 11:42 #7
Originariamente inviato da: elgabro.
Su quali processori?


su quelli che devono ancora uscire verso fine anno.
CiccoMan02 Maggio 2016, 11:53 #8
Originariamente inviato da: TigerTank
Speriamo...perchè purtroppo anche quando cambiano gestione spesso cercano in qualche modo di massimizzare gli utili e/o recuperare i costi di acquisizione.
Basta vedere ad esempio i monitor da gaming...costano un sacco e devi essere fortunato nel beccare un esemplare buono.


Ammetto che leggere la notizia ha fatto un po' di tristezza anche a me... però riflettendoci, un' azienda specializzata "dovrebbe" essere in grado di svolgere un lavoro meglio di una generica... si possono concentrare gli investimenti e le tecnologie in un unico campo abbattendo le spese massimizzando i profitti.

Nel caso specifico la questione è però diversa, perché AMD mantiene comunque la proprietà (15%)... di fatto si parla di cessione di alcune quote.
elgabro.02 Maggio 2016, 12:05 #9
Originariamente inviato da: AceGranger
su quelli che devono ancora uscire verso fine anno.


a ecco io parlavo attualmente
calabar02 Maggio 2016, 12:43 #10
Originariamente inviato da: elgabro
a ecco io parlavo attualmente

Beh, attualmente saranno ai 28nm come tutti gli altri (Intel esclusa).
I 14nm sono già in uso, ma per la produzione di massa ci vorrà ancora qualche mese (a meno che già non li stiano usando per la produzione di massa delle GPU Polaris).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^