Alleanze che nascono, accordi che muoiono

Alleanze che nascono, accordi che muoiono

Per inizio 2004 si attendono molte novità dal settore delle schede video, sia in termini di nuovi prodotti commercializzati sia di nuove partnership tra produttori di schede e costruttori di chip

di pubblicata il , alle 17:31 nel canale Processori
 
Una fonte molto attendibile, che per ragioni di privacy non posso e non voglio rivelare, mi ha appena anticipato che ad inizio 2004 un altro produttore taiwanese abbandonerà la produzione di schede video nVidia, dedicandosi alla concorrente ATI.

E' notizia di qualche giorno fa che MSI, uno dei principali produttori di schede video al mondo, passerà ufficialmente alla produzione di schede video basate su chip ATI ad inizio 2004.

Questo progressivo spostamento di forze da nVidia a ATI può rappresentare un'arma a doppio taglio per il produttore canadese: il rischio, infatti, è quello di dover seguire troppe aziende nello sviluppo delle schede video e di poter, nel medio termine, incrinare i rapporti.

Un esempio lampante è dato da Gigabyte, che ha scelto di passare alla produzione di schede video nVidia dopo che ATI ha concluso accordi con la storica concorrente Asus. I rapporti con ATI continuano ad essere presenti, ma indubbiamente non allo stesso livello al quale potevano essere questa primavera.

Allo scorso Computex di Taipei, nel mese di Settembre 2003, ho discusso con vari produttori dei rapporti con nVidia e ATI: alcuni hanno evidenziato difficoltà nel relazionare con ATI per lo sviluppo delle board, soprattutto se le dimensioni produttive del produttore non erano a livello di Asus, MSI e Gigabyte.

nVidia, del resto, resta a guardare ma dietro le quinte lavora sodo: l'obiettivo per il 2004 è riguadagnare sia la fiducia di mercato che le quote perse a vantaggio di ATI. Del progetto NV40 si conoscono al momento pochi dettagli ma una cosa è sicura: nVidia farà di tutto per cercare di riguadagnare la leadership nel mercato delle schede video desktop di fascia alta.

Sarebbe estremamente ingenuo pensare che nVidia possa in qualche modo restare inesorabilmente segnata dai risultati inferiori alle aspettative ottenuti nel 2003. Quella americana è un'azienda molto grande, con un business diversificato che pur risentendo in modo marcato di una linea di prodotti sbagliata, come quelli NV30 e derivati, non può essere affossata da un momento all'altro.

E gli altri produttori? Alcuni lavorano in modo abbastanza nascosto, altri invece cercano di guadagnare un quota di mercato.

Nel primo gruppo inserirei a pieno titolo Matrox, sempre più protesa verso il mercato delle soluzioni di editing video e sempre meno spinta dalla propria fama di produttrice del miglior output video 2D disponibile per sistemi desktop e workstation.
Mancano informazioni su prossimi progetti da parte del produttore canadese e, soprattutto, è difficile ipotizzare quale sia la direzione che Matrox voglia intraprendere nel mercato desktop. Parhelia è stata introdotta ad Aprile 2002 e di tempo ne è trascorso veramente tanto.

Verso XGI guarda con attenzione la maggior parte degli utenti appassionati, a mio avviso riponendo un po' troppe speranze verso prodotti e tecnologia di quest'azienda. XGI ha sicuramente una roadmap molto interessante e le schede Volari Duo sono una proposta innovativa e diversa per il mercato delle schede video, questo è fuori discussione. Ma se produrre chip video non è semplice, diffonderli sul mercato in volumi è ancor più difficile.
Sperare che XGI possa diventare da subito un concorrente diretto di ATI e nVidia nella fascia medio alta del mercato è indubbiamente prematuro. Il successo di un produttore di schede video è dato soprattutto dai volumi contrattuali che riesce a concludere con i principali OEM, e questo richiede tempo oltre a solide garanzie in termini di qualità e solidità.

La stessa ATI, del resto, non credo che un anno fa avrebbe scommesso sul proprio successo ottenuto nel 2003, frutto di una gamma di prodotti a dir poco azzeccata e anche di scelte quantomeno discutibili, in alcuni casi auto-lesioniste, del principale concorrente.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nicgalla12 Dicembre 2003, 17:44 #1
Bravo Paolo bell'articolo. Un po' inquietante....
Ora però chiedo una comparativa tra schede video di fascia medio-bassa (fino a 200 euro).
Perchè tra 9200SE, 9200, 9200, 9600 64 bit, 9600, 9600PRO-Lite, 9600PRO non si capisce cosa alla fine acquistare. E anche Nvidia non è da meno per numero di modelli, che grazie ad alcuni produttori sembrano truffe (tipo le 5200 con bus a 64 bit non pubblicizzato...).
Non c'è niente di innovativo in una recensione del genere, ma aiuta a far luce in un mercato sempre più affollato di prodotti più o meno validi.
Poi ci sarebbe bisogno di prove di altri prodotti, che mancano da tempo, ma ne parleremo...
Cimmo12 Dicembre 2003, 17:59 #2
"Questo progressivo spostamento di forze da ATI a nVidia"

Forse si voleva dire il contrario?
Paolo Corsini12 Dicembre 2003, 18:22 #3
Originariamente inviato da Cimmo
"Questo progressivo spostamento di forze da ATI a nVidia"

Forse si voleva dire il contrario?

Whops....
Perfectdavid12 Dicembre 2003, 20:01 #4
meglio così almeno ci sarà un pò di concorrenza...
geko66012 Dicembre 2003, 20:03 #5
Complimenti ottimo articolo vedremo presto le conferme o le smentite delle tue intuizioni
djjonny12 Dicembre 2003, 20:43 #6
speriamo che questi nuovi accordi diano una marcia in più alle gia buone vendite di ati cosi da far sentire di più il fiato sul collo ad nvidia
dddaaannn12 Dicembre 2003, 21:38 #7
io nn dispererei su XGI (ok l'ho detto domani chiudono ) la acerbità dei driver fa ben sperare in un prodotto che secondo me è pieno di potenzialità e su carta in termini di potenza bruta nn lascia nulal ai concorrenti

ma il pb è che la mfascia medio alta o alta di mercato nn fa quote di mercato significative

la XGI può anke permettersi di fare una volari alta che magari nn regge la concorrenza ma chi ha visto i risultati delle schede sotto i 200€ della XGI confrontati con le concorrenti?

se ci aspettasse una bella sorpresa a natale in questo senso non mi dispiacerebbe affatto e le ricadute le risentiremmo subito noi "clienti"

speriamo! .. la speranza è l'ultima morire...
(e la XGI chiuse i battenti... gghgh)
TripleX13 Dicembre 2003, 12:39 #8
chissa' come mai questo spostamento verso Ati...
mi auguro che chi acquista faccia lo stesso...
almeno si tornera' ad avere schede serie da Nvidia dopo ste mazzate...almeno spero
TripleX13 Dicembre 2003, 12:40 #9
Albatron Ati 9800pro!?!
Vangelis13 Dicembre 2003, 12:50 #10
nvidia è vero ke è un azienda enorme... ma deve darsi un po da fare...
e poi è anche vero ke tutto gira a cicli.... nulla vieta che tra un po di tempo ci sia la situazione opposta...

Piu ke ad nvidia di sfornare prodotti piu competitivi.... incoraggerei ati di continuare con i suoi ritmi di innovazione......
in fondo è vero ke la gpu dal 9700 pro al 9800 xt è piu o meno la stessa (ritoccata un po nel 9800 pro)...ma è anche vero ke hanno continuato lo sforzo nel produrre schede dalle dimensioni non estremamente esagerate

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^