Alcune fabbriche Intel in chiusura nel 2009

Alcune fabbriche Intel in chiusura nel 2009

Intel anticipa una prima misura di ottimizzazione della produzione: 5 fabbriche produttive di ormai vecchia concezione verranno chiuse nel corso dell'anno

di pubblicata il , alle 12:16 nel canale Processori
Intel
 

In occasione della conferenza stampa di annuncio dei risultati finanziari trimestrali, della quale abbiamo parlato nei giorni scorsi con questa notizia, Intel ha anticipato l'intenzione di mettere in opera varie iniziative interne volte all'ottimizzazione della produzione, evitando che questa possa generare scorte di magazzino troppo elevate.

La prima azione pratica di questo piano, volto a contenere gli effetti della crisi economica internazionale, è stata anticipata nella giornata di ieri. Il colosso americano dismetterà, nel corso del 2009, 5 proprie fabbriche produttive, con un potenziale impatto occupazionale che interesserà tra i 5.000 e i 6.000 dipendenti.

Le sedi produttive coinvolte da questa operazione sono due fabbriche di test dell'assemblaggio a Penang, Malaysia, ed una terza a Cavite, nelle Filippine; nel territorio nord americano verranno interessate la Fab 20 di Hillsboro, Oregon, attrezzata per la produzione di Wafer a 200 millimetri di diametro con tecnologia produttiva non recente, e la fabbrica D2 di Santa Clara, in California.

Circa i lavoratori coinvolti, mancano informazioni precise ma è prevedibile che tutti gli addetti delle fabbriche interessate dalle chiusure non perderanno il proprio lavoro, venendo ove possibile riposizionati all'interno dell'azienda in altre sedi produttive. Confermata anche la roadmap Intel circa lo sviluppo delle nuove tecnologie produttive, con particolare riferimento alle fabbriche che dovranno provvedere alla produzione con tecnologia a 32 nanometri, al debutto entro la fine del 2009.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MadMax of Nine22 Gennaio 2009, 12:48 #1
Meglio un riposizionamento che licenziamento... speriamo passi sto periodo...
Speedy L\'originale22 Gennaio 2009, 12:53 #2
Si, loro ti riposizionano da un'altra parte, peccato ke la strada da fare ogni giorno ti renda impossibile continuare a lavorare..

Ok, ti spostiamo alla sede di X che è solo a 300km da casa tua.
Loro la disponibilità di trasferirti in un'altra sede te la danno, ma te sei sicuro che l'accetteresti?
Credo ke tantissimi lavoratori davanti a questa offerta si licenzierebbero per loro scelta..
genesi8622 Gennaio 2009, 12:56 #3
ovviamente la posizione precisa di Intel la conoscono solo i vertici dell'azienda, ma se i 5000/6000 dipendenti interessati, saranno effettivamente spostati da un'attività ad un'altra, non parlerei di tagli, ma di ricentraggio verso le attività "core" del futuro (appunto 32nm).
Valeroi22 Gennaio 2009, 13:39 #4

The doom and gloom

Putroppo il peggio deve ancora arrivare e non fidatevi di Silvio quando vi narra le favolette sulla recessione al 2% che vi riporta al 2006 - le bugie caro Silvio hanno le gambe corte e tu in questo senso sei una bugia ambulante!
okorop22 Gennaio 2009, 13:48 #5
intel per fortuna è un'azienda economicamente solida: ha un capitale fisso enorme e dispone di ingenti risorse sia per gli investimenti sia per la produzione...un riassetto economico in questo momento non potrà solo far bene; quando il mercato hardware si riprenderà son sicuro che riaprirà le fabbriche chiuse.....purtroppo ste aziende mono output soffrono di piu di aziende che hanno piu output perchè ripartiscono in piu settori il loro profitto anche in periodi di forte crisi....
Originariamente inviato da: Valeroi
Putroppo il peggio deve ancora arrivare e non fidatevi di Silvio quando vi narra le favolette sulla recessione al 2% che vi riporta al 2006 - le bugie caro Silvio hanno le gambe corte e tu in questo senso sei una bugia ambulante!

la situazione italiana è molto diversa da quella americana; poi per quanto riguarda la politica meglio non discuterne su sti forum che di politico hanno ben poco!!!!!
Alexbuntu22 Gennaio 2009, 14:16 #6
Originariamente inviato da: Valeroi
Putroppo il peggio deve ancora arrivare e non fidatevi di Silvio quando vi narra le favolette sulla recessione al 2% che vi riporta al 2006 - le bugie caro Silvio hanno le gambe corte e tu in questo senso sei una bugia ambulante!



questo si che e' un commento intelligente e pertinente alla notizia!!
devil_mcry22 Gennaio 2009, 14:23 #7
ma secondo me nn è questione di crisi ma di obsolescenza delle strutture produttive di quelle fabbriche
Manwë22 Gennaio 2009, 14:25 #8
Originariamente inviato da: MadMax of Nine
Meglio un riposizionamento che licenziamento... speriamo passi sto periodo...

mettiti comodo, durerà almeno 4-5 anni, e il "bello" deve ancora venire
Alexbuntu22 Gennaio 2009, 14:49 #9
Originariamente inviato da: Manwë
mettiti comodo, durerà almeno 4-5 anni, e il "bello" deve ancora venire


ma che siete tutti veggenti sparare tutte queste certezze a profusione?
SwatMaster22 Gennaio 2009, 15:06 #10
Mi spiace moltissimo per le povere persone che perderanno il proprio lavoro. Evidentemente nessuno è esente da questo periodo.
...A parte IBM ed Apple, a quanto pare.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^