60.000 cpu AMD difettose poste in vendita, ma ci si consola con TiVo

60.000 cpu AMD difettose poste in vendita, ma ci si consola con TiVo

La polizia di Taiwan ha scoperto uno strano affare al cui centro vi erano circa 60.000 cpu AMD difettose e destinate alla distruzione. Purtroppo qualcuno ha pensato di "recuperare" tali processori cercando di rimetterli in vendita. Buone notizie sul fronte dei dispositivi mobile

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 10:41 nel canale Processori
AMD
 
La polizia di Taiwan ha scoperto uno strano affare al cui centro vi erano circa 60.000 cpu AMD risultate difettose dai controlli di qualità eseguiti e quindi destinate alla distruzione. Tra le cpu incriminate vi erano sia Athlon XP sia Athlon 64 e, stando alle varie fonti online, pare fossero destinate al mercato cinese e tedesco.

Con ogni probabilità tali processori erano disponibili sia nei canali della vendita al dettaglio, sia per gli assemblatori ma ovviamente non avendo superato i test interni di AMD, non potevano garantire qualità e stabilità.

Il problema della contraffazione di cpu non è certo nuovo e non è limitato ovviamente alla sola AMD, a titolo di esempio si può ricordare quanto accaduto con le cpu Intel Pentium II qualche anno fa; il fenomeno non è proprio di piccola portata, si pensi che i processori di dubbia origine sono stimati in circa 1 milione di unità.

Il sito TheInquirer.net, sempre pronto a raccogliere le informazioni più scomode, ha chiesto informazioni ad AMD ricevendo però ben poche risposte e la promessa di un comunicato ufficiale.
Ovviamente restiamo in attesa di conoscere dettagli e precisazioni.

A rallegrare gli animi di AMD vi è però una bella notizia legata ad una partnership con TiVo ed all'annuncio del nuovo Alchemy, un processore Au1200 destinato al segmento del mobile enthertainment.

Il dispositivo, pensato per un minimo consumo di energia ha un consumo di 400 mW@440MHz (a favore di una maggiore autonomia) e supporta gli standard DivX, H.263, MPEG2, MPEG4 e WMV9.

I nuovi Au1200 sono pensati per supportare sia Windows CE.NET sia Linux e saranno disponibili in volumi nel secondo trimestre del 2005.

Con l'accordo in via di definizione AMD si assicura un'ottima posizione di mercato, potendo sfruttare le opportunità offerte da TiVoToGo e la relativa flessibilità dei dispositivi. fonti

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
marck7704 Gennaio 2005, 10:51 #1
400 milliwatt è davvero pochissimo!!! Complimenti!
Per le CPU buggate... beh, fessi i produttori che le fanno uscire dalle loro fabbriche prima che vengano distrutti... o forse a qualcuno la cosa conviene???
dnarod04 Gennaio 2005, 11:10 #2
trovo che 400mw per 440 mhz sia un buonissimo traguardo....ma che vuol dire che supporta il divx? che ci si possono guardare agevolmente i divx sopra?
cionci04 Gennaio 2005, 11:10 #3
Magari l'uscita non è stata volontaria... 60.000 CPU intonse che vanno al macero farebbero gola a molti...magari chi le ha recuperate non sapeva nemmeno che erano difettose...
Opteranium04 Gennaio 2005, 11:12 #4

x dnarod

decodifica hardware invece che software (molto meglio)
the.smoothie04 Gennaio 2005, 11:15 #5
E chi si ritrova una cpu buggata comprata magari per buona? (bisogna vedere dove è stato effettuato l'acquisto: se è un acquisto di sottobanco, allora ciccia!; altrimenti penso proprio che ci si possa rivalere sul commerciante)

Ciauz!
exec04 Gennaio 2005, 11:19 #6
Ma come faccio io acquirente a sapere se la mia CPU è contraffatta o originale? C'è la possibilità che siano arrivate fino qua in italia?
vink04 Gennaio 2005, 11:40 #7
Ragazzi, siamo seri.
Credete davvero che un'azienda come AMD non abbia un sistema di controllo che dice istante per istante dove si trova una CPU all'interno del ciclo produttivo?
Se 60.000 CPU difettose sono sparite, la AMD non poteva non accorgersi di nulla. Se glele avessero rubate avrebbero immediatamente comunicato la notizia.
Probabilmente hanno trovato vantaggioso rivenderle a basso costo per inviarle ad un mercato di terz'ordine. Solo che è andata fregata perché sono state inviate anche al mercato tedesco, che non si fa abbindolare tanto facilmente.
Onda Vagabonda04 Gennaio 2005, 11:41 #8
BENE
Confusione a confusione, dubbi su dubbi; adesso sarebbe meglio che mettessero on line l'elenco delle matricole delle cpu difettose, se erano già state immatricolate, in maniera tale da permetterci di sapere cosa compriamo.
homero04 Gennaio 2005, 11:52 #9
e' una cosa normale....
....specie per le cpu di fascia bassa....
in realtà non e' del tutto lontano dalla norma.
molti pc4internet che si bloccano ogni 3x2 vengono dotati di componentistica scadente.
i sistemi diagnostici non garantiscono consicurezza che il difetto sia nella cpu o altrove a meno di una attenta analisi che costerebbe piu' che cambiare pc.
pertanto da molto tempo ormai i nostri componenti hanno difetti di fabbrica piu' o meno grandi, presenti non soltanto nella cpu ma anche su altri processori, northbridge in testa.
quando i bugs si scoprono si grida allo scandalo....

basta ricordare i primi pentium 60mhz introdotti da intel...
o i cyrix di IBM.....

le uniche società che storicamente hanno presentato bollettini con cadenza trimestrale sulla efficenza delle proprie cpu sono state mips e digital.
i bugs trovati o le serie difettate, venivano comunicate pubblicamente e senza alcuna remora, con workaround software per aggirarli o la sostituzione in casi piu' gravi.
volevo ricordare che il computer e' essenzialmente un calcolatore, e se questo sbaglia i calcoli o se li perde per strada non serve a molto.....
Azaroth04 Gennaio 2005, 12:03 #10
Molto spesso cmq. è solo 1 questione di velocità o cache.
Infatti vendevano i Pentium difettati come Celeron disabilitandogli mezza cache e mandandoli sotto clock :P

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^