45 nanometri anche per le cpu Celeron a fine 2007

45 nanometri anche per le cpu Celeron a fine 2007

Per la fine del prossimo anno Intel prepara il debutto di processori di fascia entry level, con tecnologia produttiva a 45 nanometri e TDP di 35 Watt

di pubblicata il , alle 17:52 nel canale Processori
Intel
 

Nel corso del 2007 Intel immetterà in commercio processori costruiti utilizzando tecnologia produttiva a 45 nanometri; quella attualmente adottata per le cpu Core 2 Duo in commercio è a 65 nanometri.

Per il terzo trimestre del 2007 si attendono i processori Wolfdale e Yorkfield, rispettivamente con architettura dual e quad core, nel segmento di fascia più alta delle proposte Intel. Architetturalmente si tratta di un die shrink delle attuali architetture Core, con alcune innovazioni tra le quali per Yorkfield un design unificato per i 4 core di processore integrati.

Il passaggio alla tecnologia a 45 nanometri interesserà anche le cpu di fascia entry level; nel corso del quarto trimestre dell'anno, infatti, Intel presenterà i processori della serie Wolfdale-L.

Tali cpu andranno a sostituire nella gamma di prodotti Intel le cpu Conroe-L attese al debutto nel corso del secondo trimestre 2007. Questa cpu dovrebbe utilizzare i nomi Celeron e Pentium, a seconda dei modelli, adottare tecnologia single Core con frequenze di clock variabili da 2,4 GHz a 3 GHz e cache L2 pari a 1 Mbyte. Completano le cararreristiche tecniche il bus Quad Pumped a 800 MHz e un TDP pari a 35 Watt.

Questi nuovi processori verranno posizionati a diretta concorrenza con le soluzioni AMD indicate con il nome in codice di Spica; si tratta di architetture Socket AM2 costruite con tecnologia a 65 nanometri, caratterizzate da una cahce L2 che dovrebbe essere pari a 512 Kbytes e dall'architettura single core.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ventolino26 Ottobre 2006, 18:11 #1
Single core e solo 512 KBytes di cache?
Il nome non dovrebbe essere "Spica" ma "Sfiga"!
ShinjiIkari26 Ottobre 2006, 18:13 #2
Ma sono ancora NetBurst?!
dario226 Ottobre 2006, 18:20 #3
ma la nuova architettura nehalem si sa se verra lanciata a inizio 2008 o tipo per i core a fine 2008?
mi attirano nn poco le innovazioni di quella architettura...
marino726 Ottobre 2006, 19:23 #4
c'è qualche speranza che escano cpu supportate dalle mobo 775 che non supportano Conroe? i p4 e D consumano troppo...
DarKilleR26 Ottobre 2006, 19:31 #5
secondo me Intel corre troppo senza sfruttare al max i sistemi produttivi che ha a disposizione.

Siamo a 45 nm, non andranno ancora troppo lontano senza dover abbandonare il silicio. Io ottimizzerei bene i 65 prima di fare un frettoloso passaggio ai 45 per far rimanere a dietro AMD.

Guardate AMD cosa ha fatto con i 90 nm, ha fatto CPU che consumano meno dei Conroe...va bhe è vero che l'3800 X2 non è il massimo, ma consuma 35Watt in full. Io se fossi intel opterei per la strada dell'ottimizzazione.
dario226 Ottobre 2006, 19:37 #6
Originariamente inviato da: DarKilleR
Guardate AMD cosa ha fatto con i 90 nm, ha fatto CPU che consumano meno dei Conroe...va bhe è vero che l'3800 X2 non è il massimo, ma consuma 35Watt in full. Io se fossi intel opterei per la strada dell'ottimizzazione.

ma quando mai, i conroe consumano meno degli amd, e i 35 watt sono gli EE che costano un botto, e li dovresti paragonare ai merom e ne escono cmq perdenti...
Cappej26 Ottobre 2006, 19:47 #7
E' tutto un gioco di Formati... a 45nm riescono acacciare più core nel Wafer... quindi prezzi più bassi... di produzione... ovvimante... e siccome, almeno per adesso, Intel detiene l'80% (circa... non mi ricordo esattamente; era una notizia di questa settimana) del mercato processori, con tendenza all'aumento visto il successo della sua architettura core... vuol dire volumi di produzione altissimi... "altissima riduzione di costi", altissimo incremeto dell'utile... chiamli scemi... conviene battere il ferro finchè è caldo!
desmacker26 Ottobre 2006, 19:55 #8
Originariamente inviato da: DarKilleR
secondo me Intel corre troppo senza sfruttare al max i sistemi produttivi che ha a disposizione.

La strada che ha scelto Intel e diversa da quella di AMD (dual-socket).
Intel ha bisogno di un processo produttivo migliore perche i Core sono sullo stesso pezzo di silicio (single socket).
JohnPetrucci26 Ottobre 2006, 20:06 #9
Originariamente inviato da: desmacker
La strada che ha scelto Intel e diversa da quella di AMD (dual-socket).
Intel ha bisogno di un processo produttivo migliore perche i Core sono sullo stesso pezzo di silicio (single socket).

La strada Dual socket di Amd 4x4 è solo temporanea in attesa dei quad core K8L, per non sfigurare rispetto ai quad Core Intel che sono di prossima uscita.
Cmq se Intel Passa ai 45nm, possiamo benissimo attenderci anche 8 core in una cpu entro 2-3 anni.
desmacker26 Ottobre 2006, 20:31 #10
Originariamente inviato da: JohnPetrucci
La strada Dual socket di Amd 4x4 è solo temporanea in attesa dei quad core K8L, per non sfigurare rispetto ai quad Core Intel che sono di prossima uscita.
Cmq se Intel Passa ai 45nm, possiamo benissimo attenderci anche 8 core in una cpu entro 2-3 anni.


Propio per questo non verrà abbandonato il dual-socket utilizzeranno 2 quadcore K8L per contrapporsi agli 8 core Intel a 45nm.
L'Intel sarà sempre in vantaggio come processo produttivo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^