27% di processori Intel a 32nm entro fine anno

27% di processori Intel a 32nm entro fine anno

Intel ha raggiunto l'apogeo della produzione a 45nm nel primo trimestre 2010: la strategia è ora quella di incrementare la produzione a 32nm

di pubblicata il , alle 16:46 nel canale Processori
Intel
 

Il primo trimestre 2010 ha rappresentato per Intel il momento di picco della produzione a 45 nanometri: i processori realizzati con questo processo produttivo hanno costituito infatti l'87% della produzione globale di processori desktop.

Nel medesimo periodo si conta il 10% circa sul totale di soluzioni a 32 nanometri ed il 3% di processori realizzate con il precedente processo produttivo a 65 nanometri. Da questo punto in poi la strategia di Intel è quello di andare a sospendere la produzione a 65 nanometri, ridurre quella a 45 e spingere quella a 32. Vediamo con che passo.

Secondo informazioni interne, riportate dal sito Fudzilla, già a partire da questo trimestre Intel intende ridurre all'83% la produzione a 45 nanometri e a 2% quella a 65, compensando con un incremento del 60% della produzione a 32nm portandola così al 16% sul totale.

A seguire, anche nel terzo trimestre la produzione a 45 nanometri verrà ridotta al 79%, quella a 65nm all'1% e quella a 32 nanometri arriverà al 20%. Com'è facile intuire, dall'ultimo trimestre dell'anno verrà sospesa la produzione di processori a 65nm, per portare quelli a 32nm al 27% e quelli a 45nm al 73%.

La strategia del prossimo anno prevede invece una progressiva e costante riduzione della produzione a 45 nanometri per una maggiore spinta a quella a 32 nanometri, in particolar modo con l'introduzione delle soluzioni Sandy Bridge all'inzio del 2011.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Tedturb016 Aprile 2010, 17:10 #1
capirai
greensheep16 Aprile 2010, 17:18 #2
ahh intel intel dove ti stai andando a cacciare....
arelok16 Aprile 2010, 17:18 #3
Vabbè, è una spiegazione della roadmap con dei dati alla mano: non sarà fondamentale, ma ci si può fare un'idea più dettagliata di come gireranno le cose, o eventualmente quando comprare cosa...
fabri8516 Aprile 2010, 17:48 #4
speriamo che arrivino presto questi Sandy Bridge.

ho sempre ritenuto che l'introduzione della gpu nel packcage sia una "porcheria". (lasciatemi passare il termine)

la vera innovazione sarà quello di inserire il tutto nel die.
personalmente ho saltato a piè pari i nahalem. aspettiamo con ansia il futuro!
TonyFavilla16 Aprile 2010, 17:55 #5
Originariamente inviato da: fabri85
ho sempre ritenuto che l'introduzione della gpu nel packcage sia una "porcheria". (lasciatemi passare il termine)

la vera innovazione sarà quello di inserire il tutto nel die.


Pienamente d'accordo.. Mi sembra più una operazione di marketing per non sfigurare contro Amd che non un progresso per Intel..
SuperTux16 Aprile 2010, 19:16 #6
Originariamente inviato da: TonyFavilla
Pienamente d'accordo.. Mi sembra più una operazione di marketing per non sfigurare contro Amd che non un progresso per Intel..


Naa..la vedo più come una cosa "atom style". Nel senso che l'atom lo vendevano con tutta la piattaforma, questa volta invece hanno integrato tutto insieme in modo tale che anche se un produttore vuol mettere l'integrata amd/nvidia sarà costretto a mettere anche quella intel. Di conseguenza intel aumenterà la sua quota nel market share delle schede video.
unnilennium16 Aprile 2010, 20:03 #7
sarà anche una grossa innovazione, ma finchè non escono i nuovi processori, i 32nm sembrano una presa in giro, costano una fortuna e sono solo dual-core
Bobo45016 Aprile 2010, 20:05 #8

Intel a 32 nm

Ma mi domando, la bella intel ha appena sfornato le nuove cpu core i3, i5, i7 con 45 nm, e già pensano alle 32nm, io penso che sia una presa in giro, tanto quelli che devono acquistare siamo alla fine NOI.
CPU, Scheda madre e cosi via tutto nuovo, e uns apresa per i fondelli....io rimango con la mia 45 nm, e già, perchè no le regalano.....
$padino16 Aprile 2010, 20:19 #9
quindi i 45 nm sicuramente rimaranno in produzione per tutto il 2011..meno male almeno potrò dire che il mio i5 750 45 nm nn sarà troppo vecchio...
Sapo8416 Aprile 2010, 20:33 #10
Originariamente inviato da: TonyFavilla
Pienamente d'accordo.. Mi sembra più una operazione di marketing per non sfigurare contro Amd che non un progresso per Intel..

Sfigurare nei confronti di cosa?
AMD non ha soluzioni simili

E comunque a parte tutti i discorsi è un'ottima soluzione che abbassa i costi e semplifica il raffreddamento delle schede madri, tra avere cpu e northbridge con grafica integrata e avere tutto nella cpu anche se con die differenti mi pare evidente quale approccio sia più elegante e più economico per i produttori di schede madri.
Semmai il problema dei clarkdale è il bus di interconnessione tra cpu e gpu, insufficiente considerando anche che ciò va ad impattare negativamente latenza e banda delle memorie.

Originariamente inviato da: SuperTux
Naa..la vedo più come una cosa "atom style". Nel senso che l'atom lo vendevano con tutta la piattaforma, questa volta invece hanno integrato tutto insieme in modo tale che anche se un produttore vuol mettere l'integrata amd/nvidia sarà costretto a mettere anche quella intel. Di conseguenza intel aumenterà la sua quota nel market share delle schede video.

Considerando che Intel non ha licenziato a nvidia i suoi nuovi socket, impedendo quindi a quest'ultima di produrre schede madri per nehalem, non mi pare proprio una spiegazione plausibile, Intel già aveva risolto il problema alla radice (e non penso che AMD sarebbe stata interessata in ogni caso, visto che già per 775 non ha praticamente mai prodotto nulla, a parte uno schifo di chipset che non si è mai diffuso).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^