2005: un anno positivo per Intel

2005: un anno positivo per Intel

Il colosso americano rilascia i propri risultati finanziari del 2005, con risultati estremamente positivi

di pubblicata il , alle 07:48 nel canale Processori
Intel
 

Il 2006 è stato sicuramente un anno positivo per l'americana Intel, con risultati finanziari estremamente interessanti e tutti caratterizzati da positivi tassi di crescita.

Il fatturato complessivo è stato pari a 38,8 miliardi di dollari USA, con un incremento del 13,5% rispetto all'esercizio precedente. Gli utili netti sono saliti del 15%, raggiungendo la soglia di 8,7 miliardi di dollari, mentre gli utili per azione sono stati pari a 1,4 dollari, con una crescita del 21% rispetto al 2004.

Questo quanto dichiarato da Dario Bucci, Amministratore Delegato di Intel Corporation Italia:

“I risultati del quarto trimestre in Italia chiudono un anno fiscale molto positivo, e sono in linea con l’andamento europeo; in particolare, degni di nota, da un lato la forte crescita del settore notebook, a conferma di un trend già iniziato lo scorso anno, e dall’altro un ulteriore consolidamento del mercato server. In Italia infatti si sono registrate importanti adozioni della piattaforma Itanium (la nostra tecnologia per i server di fascia alta, con elaborazione a 64 bit) da parte di clienti quali Dolce & Gabbana, Siemens e Alcatel-divisione ottica.

E’ importante anche notare che nel quarto trimestre è cresciuta l’attenzione del cosiddetto “Made in Italy” verso la tecnologia: anche Lamborghini ha annunciato un progetto tutto italiano con Intel, che ha portato alla nascita di una linea di prodotto commercializzata in tutto il mondo e che ha visto il nostro CEO Paul Otellini prima “ideatore”, durante la sua visita in Italia in ottobre, e poi ambasciatore al Consumer Electronic Show di Las Vegas, in occasione del lancio di Intel Centrino Duo, con la presentazione del notebook Lamborghini ASUS, citato come esemplare connubio di stile italiano e prestazioni all’avanguardia.”

Per il quarto e ultimo trimestre dell'anno i risultati sono stati altrettanto interessanti: il fatturato complessivo è stato pari a 10,2 milardi di dollari. Il risultato operativo è stato pari a 3,3 miliardi di dollari, con 2,5 miliardi di dollari di utili netti.
Il fatturato del trimestre è stato tuttavia leggermente inferiore a quanto originariamente previsto, un livello di 10,4-10,6 miliardi di dollari, a motivo delle inferiori forniture di processori per sistemi PC rispetto a quanto pianificato.

Una delle informazioni più interessanti contenute nel rendiconto finanziario di fine anno è data dai programmi di sviluppo di una nuova fabbrica, la Fab 28, in Israele. Questa fabbrica produrrà processori con wafer da 300 millimetri di diametro, con tecnologia produttiva da 45 nanometri a partire dal 2008.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Lelevt19 Gennaio 2006, 08:07 #1
Mi sembra un eccessivo ottimismo, avrà anche avuto ottimi risultati finanziari, per via dei suoi prezzi piuttosto alti e delle campagne di marketing, ma la sua quota di mercato è scesa e non ha sfornato prodotti particolarmente interessanti in tutto il 2005.
ghiry19 Gennaio 2006, 08:33 #2
Il 2006 è stato sicuramente un anno positivo per l'americana Intel...se sapessero prevedere il futuro...!!!! Eheheheh
Lucrezio19 Gennaio 2006, 09:22 #3
Sbagliate...
probabilmente la causa di questa esplosione di profitto è da ricercare nel successo mondiale della tecnologia centrino... quasi la totalità dei portatili venduti monta il pentium - m!
Per non parlare del mercato server dove - ingiustamente, a mio avviso - sono gli xeon a farla da padroni...
Laertes19 Gennaio 2006, 09:37 #4
Si esatto nel campo dei portatili il centrino non ha rivali...
dwfgerw19 Gennaio 2006, 09:38 #5
ma anche nel settore desktop non ha rivali, dato che ha oltre l'80% del mercato x86....
Comunque AMD ha fatto segnare una crescit ancora più grande durante il 2005 :

http://www.amd.com/us-en/Corporate/...~104495,00.html

i guadagni del reparto cpu sono saliti del 48% dal 2004
Laertes19 Gennaio 2006, 09:43 #6
Me se si conta che nei desktop AMD (per ora) è + prestante è normale che rosichi mercato ad intel... ma nel settore portatile, che è quello sempre + dominante, Intel non ha rivali neanche quanto a prestazioni (sempre per ora ;-))
lurkingPhoenix19 Gennaio 2006, 09:55 #7
Ieri Intel ha perso l'11,45% in borsa...
street19 Gennaio 2006, 09:56 #8
però...

Link al sole 24ore

18:57 - Wall Street: meta' seduta in ribasso tra trimestrali e scandali
Radiocor - New York, 18 gen - Continua la tendenza negativa della borsa americana a meta' seduta: il Dow Jones Industrial Index cede lo 0,52% a 10.839,49 punti, il Nasdaq Composite ha ridotto le perdite all'1,66% a 2.275,59 e lo S&P500 ripiega dello 0,58% a 1.275,45. I risultati negativi delle trimestrali di Intel e Yahoo, nonche' lo scandalo Livedoor che ha fatto perdere oltre il 5% alla Borsa di Tokyo, spingendola ad accorciare sia la seduta odierna che le prossime per non mandare in panne il sistema informatico, stanno continuando a pesare sul mercato. Gia' ieri gli indici avevano chiuso su una nota cedente per il rimbalzo massiccio dei prezzi del greggio. I dati trimestrali di Yahoo e Intel hanno depresso particolarmente il mercato, perche' i tecnologici sono identificati come un settore trainante e dal loro andamento dipendera' in parte l'indirizzo dell'intero 2006. Ma la stagione delle trimestrali e' in realta' appena agli inizi e, secondo gli operatori, occorrera' aspettare altri risultati per decidere che direzione prendere. Sul versante positivo invece, il dato macro odierno dei prezzi al consumo mostra un'inflazione ancora sotto controllo, il che potrebbe indicare che la Fed fara' una pausa nei suoi rialzi programmati dei tassi. (RADIOCOR) 18-01-06 18:57:53 (0527) 5 NNNN


e anche...

15:54 - Wall Street: forte calo, perdite a doppia cifra per Intel e Yahoo
Radiocor - New York, 18 gen - Intel apre in calo del 10,4% e Yahoo del 13%, dopo aver diramato ieri dati di bilancio per il quarto trimestre inferiori alle attese. Il calo del portale Usa trascina al ribasso anche Google del 4,4%. Il forte declino di questi titoli tira al ribasso anche gli indici: il Djia perde lo 0,32% a 10.861,18 punti e il Nasdaq l'1,66% a 2.264,38. Sullo sfondo lo scandalo Livedoor a Tokyo, che ha portato a un calo di oltre il 5% del Nikkei in due giorni e alla chiusura anticipata di 20 minuti della Borsa di Tokyo, contribuisce alla tendenza cedente. (RADIOCOR) 18-01-06 15:54:35 (0371)prima,ACOF,, 5 NNNN


08:08 - Intel: +15,5% gli utili IV trimestre, ma vendite sotto gli obiettivi
Radiocor - Milano, 18 gen - Utili in crescita del 16% nel quarto trimestre per Intel, ma il titolo ha ugualmente perso terreno nell'afterhours, perche' le vendite di chips per computer sono risultate inferiori all'obiettivo e a prezzi cedenti. Il titolo ha cosi' perso l'8% nel dopoborsa fino a 23,42 dollari. Gli utili netti del trimestre al 31 dicembre sono saliti del 15,5% a 2,45 miliardi di dollari (40 cents per azione) dai 2,12 mld o 33 cents per azione dello stesso periodo del 2004, ma le vendite sono salite nello stesso periodo solo del 6% a 10,12 miliardi, al di sotto della gamma delle previsioni rilasciate dalla stessa Intel l'8 dicembre scorso che si aggiravano tra 10,6 e 10,6 miliardi. Nonostante quindi che il maggior produttore di chip mondiale abbia registrato il terzo anno consecutivo di progresso degli utili a doppia cifra e le vendite sui laptop funzionino bene, la societa' sta sentendo la concorrenza degli altri produttori, in particolare la AMD, sugli altri prodotti. (RADIOCOR) 18-01-06 08:08:17 (0034)prima,ACOF,, 5 NNNN
overclock8019 Gennaio 2006, 10:08 #9
Gli utili di intel crescono ma sta perdendo quote di mercato in tutti i settori, desktop, server in particolare e anche mobile, ed il mercato l'ha bastonata pesantemente.


Del resto i suoi prodotti sono dietro a quelli della rivale AMD sia nei desktop che nel settore server e col turion64 ormai AMD non sfigura nemmeno nei portatili.
MaxArt19 Gennaio 2006, 10:35 #10
Intel economicamente solida nonostante i suoi processori desktop non siano prestazionalmente al vertice.
E' indubbiamente vero che sono i portatili a reggere il colpo. Quest'anno, forse, per il segmento server sarà decisivo, se è vero che Dell commercializzerà macchine Opteron per un 10% (ed è tanto, per un colosso come Dell), mentre AMD comunque potrà rosicchiare qualcosa con i nuovi Turion, anche se deve portare qualcosa di veramente nuovo per sperare di sfondare.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^