ZiiLabs accusa Apple e Samsung di violazione di brevetti

ZiiLabs accusa Apple e Samsung di violazione di brevetti

La Mela avrebbe consapevolmente violato una serie di brevetti di proprietà di ZiiLabs, la realtà specializzata nello sviluppo di media processor e nata nel 2009 da una costola di Creative

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Apple
SamsungAppleCreative
 

Apple avrebbe sottratto e sfruttato alcune importanti informazioni tecniche a ZiiLabs dopo una serie di incontri riservati avvenuti tra le due compagnie tra il 2006 ed il 2007, in occasione dei quali ZiiLabs ha presentato alla Mela una serie di brevetti legati alle sue tecnologie di media processor.

Quando Apple si è trovata nelle ultime fasi di progettazione dell'iPhone ha incontrato 3DLabs - la divisione di Creative dalla quale è nata poi ZiiLabs - per valutare la possibilità di utilizzare e ottenere la licenza d'uso di una serie di tecnologie e proprietà intellettuali di ZiiLabs.

Secondo la documentazione d'accusa che ZiiLabs ha presentato in tribunale, pare che la Mela, ben a conoscenza dei brevetti che 3DLabs le illustrò e che ora sono la base del contenzioso legale, abbia scelto di violare consapevolmente questi brevetti utilizzando le tecnologie in essi descritte per lo sviluppo di iPhone e di sistemi desktop e notebook. Nell'accusa viene coinvolta inoltre la coreana Samsung, i cui dispositivi mobile degli ultimi cinque anni sarebbero in violazione dei brevetti di ZiiLabs.

La documentazione presentata di ZiiLabs espone anche alcuni dettagli della vicenda: nel corso del 2006 Apple ha sottoscritto un accordo di non divulgazione per avviare un confronto con l'allora 3DLabs ed esplorare la possibilità di utilizzare il loro media processor all'interno dei prodotti della Mela. Nel dicembre dello stesso anno, durante un incontro volto a definire una serie di specifiche dell'eventuale media processor, 3DLabs ha presentato una serie di informazioni ad Apple su tecnologie e proprietà intellettuali, mentre nel gennaio del 2007 sono state illustrate informazioni tecniche sul modello di programmazione del media processor. Le due realtà hanno continuato ad incontrarsi anche a seguito del lancio di iPhone e nel settembre del 2007 gli executive di 3DLabs e Apple si sono confrontati sulla roadmap di 3DLabs.

I dettagli del periodo 2007-2013 sono più frammentari nella documentazione depositata presso il tribunale, nella quale si legge solamente che vi sono state comunicazioni tra le due parti e che Apple fosse molto ben a conoscenza del catalogo brevetti di ZiiLabs. E' l'8 agosto 2013 che ZiiLabs inizia a spostarsi sull'azione legale, notificando ad Apple come alcuni dei suoi prodotti potessero essere in potenziale violazione dei brevetti ZiiLabs di cui Apple era ben a conoscenza.

Le due parti sono rimaste in contatto per tutto il 2013 sui brevetti, ma Apple non ha adottato alcuna misura per ottenere la licenza d'uso dei brevetti di ZiiLabs, nonostante fosse pienamente consapevole di una potenziale violazione. A tal proposito è però opportuno osservare che Intel è licenziataria di molti degli stessi brevetti.

Nel contenzioso di ZiiLabs, come accennato in precedenza, Samsung è citata come parte equamente responsabile. Si tratta però di accuse che richederanno un grande lavoro per dimostrare l'equa responsabilità dell'azienda coreana, dal momento che sarà necessario dimostrare uno stretto livello di cooperazione tra le due accusate ed il trasferimento di informazioni da Apple a Samsung con lo scopo di costruire i SoC A-Series.

ZiiLabs chiede un risarcimento danni e un ordine restrittivo che ponga termine alla violazione dei brevetti da parte di Apple e Samsung. Nessuna delle accuse è ancora stata dimostrata in tribunale e Apple e Samsung devono ancora depositare le rispettive difese. Ulteriori dettagli emergeranno con gli sviluppi della vicenda.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pabloski14 Marzo 2014, 10:43 #1
Ops, Xerox reloaded
r134814 Marzo 2014, 11:49 #2
Originariamente inviato da: pabloski
Ops, Xerox reloaded


Ma magari! Questi invece hanno martellato con una campagna mediatica roboant ai tempi ("tutto quello che conosci sta per cambiare" o qualcosa del genere) per poi uscirsene con il solito SoC ARM.
Ora vista l'impossibilità di competere nel mercato, diventano patent trolls.
pabloski14 Marzo 2014, 12:34 #3
Originariamente inviato da: r1348
Ma magari! Questi invece hanno martellato con una campagna mediatica roboant ai tempi ("tutto quello che conosci sta per cambiare" o qualcosa del genere) per poi uscirsene con il solito SoC ARM.
Ora vista l'impossibilità di competere nel mercato, diventano patent trolls.


Il sistema dei brevetti lo consente. Del resto c'è chi brevetta il rettangolo smussato e poi pretende 40$ su ogni smartphone del concorrente.

Comunque qui la cosa mi pare diversa. L'azienda in questione ha un brevetto che definisce un media processor, con tanto di specifiche, metodi, ecc... Il fatto che Intel abbia pagato per ottenere una licenza per l'uso di tali brevetti, depone sicuramente a favore di Ziilabs.
Unrealizer14 Marzo 2014, 13:30 #4
Originariamente inviato da: r1348
Ma magari! Questi invece hanno martellato con una campagna mediatica roboant ai tempi ("tutto quello che conosci sta per cambiare" o qualcosa del genere) per poi uscirsene con il solito SoC ARM.
Ora vista l'impossibilità di competere nel mercato, diventano patent trolls.


calma, era basato si su ARM, ma la sua caratteristica principale erano gli StemCells, praticamente dei core SIMD programmabili all'occorrenza per diversi compiti

http://www.ziilabs.com/products/processors/zms40.php
pabloski14 Marzo 2014, 14:17 #5
Originariamente inviato da: Unrealizer
calma, era basato si su ARM, ma la sua caratteristica principale erano gli StemCells, praticamente dei core SIMD programmabili all'occorrenza per diversi compiti

http://www.ziilabs.com/products/processors/zms40.php


Quindi stavolta non si tratta di brevetti fuffa, ma di roba con una solida base.

Del resto non vedo perchè altrimenti Intel si sarebbe premurata di pagare per usare tale tecnologia.
maxmax8015 Marzo 2014, 14:05 #6
se sarà confermato, altra figuraccia da parte di apple (e di Samsung -forse-)
Freaxxx15 Marzo 2014, 14:11 #7
probabilmente comprare ZiiLABS costerebbe meno che spedire avvocati in giro ...
egrrob16 Marzo 2014, 12:17 #8
Avete già condannato Apple e Samsung. A prescindere!
maxmax8016 Marzo 2014, 13:59 #9
Originariamente inviato da: egrrob
Avete già condannato Apple e Samsung. A prescindere!


io ho scritto "[B][U]se[/U][/B]"
la causa da parte di Ziilabs comunque è già avviata..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^