Un tribunale cinese vieta le vendite di alcuni iPhone in Cina, ma c'è l'incognita del sistema operativo

Un tribunale cinese vieta le vendite di alcuni iPhone in Cina, ma c'è l'incognita del sistema operativo

La disposzione del tribunale che riconosce una richiesta di Qualcomm. Ma Apple non ci sta e il divieto sembra limitato ai dispositivi con iOS 11 preinstallato

di pubblicata il , alle 17:41 nel canale Apple
AppleQualcomm
 

Il tribunale di Fuzhou ha riconosciuto nella giornata di ieri la richiesta di Qualcomm sul divieto all'importazione e vendita dei terminali da iPhone 6 ad iPhone X in Cina, poiché ritenuti in violazione di due brvetti Qualcomm. Si tratterebbe, più nello specifico, dei dispositivi con preinstallato sistema operativo iOS 11 o precedenti.

I due brevetti impugnati da Qualcomm riguardano due funzioni chiave degli smartphone moderne, coprendo la possibilità di "regolare la dimensione e l'aspetto delle foto" e di "gestire applicazioni tramite touch screen quando si naviga tra le app".

"Diamo profondo valore ai nostri rapporti con i clienti e di rado ci affidiamo all'assistenza dei tribunali, ma abbiamo anche una fede incrollabile nella necessità di proteggere i diritti di proprietà intellettuale. Apple continua a beneficiare della nostra proprietà intellettuale, rifiutandosi di riconoscere il giusto compenso. Queste disposizioni del tribunale sono l'ulteriore conferma della forza del vasto catalogo brevetti di Qualcomm" ha comunicato la società in una nota.

Apple ovviamente non ci sta, e conferma che tutti gli iPhone saranno regolarmente in vendita in Cina: "Il tentativo di Qualcomm di vietare i nostri prodotti è un'altra mossa disperata da parte di una compagnia le cui pratiche illegali sono sotto indagine in tutto il mondo Tutti i modelli di iPhone restano disponibili per i nostri clienti in Cina. Qualcomm si basa su brevetti mai citati in precedenza, incluso uno che è già stato invalidato. Intraprenderemo tutte le opzioni legali in tribunale".

Secondo Qualcomm, tuttavia, le disposizioni del tribunale - che sono già effettive - si applicherebbero senza distinzione alcuna sul sistema operativo installato sui dispositivi. La società ha già fatto sapere che se Apple dovesse ignorare il divieto, si attiverà presso il tribunale perché venga emesso un mandato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Sandro kensan11 Dicembre 2018, 17:54 #1
Bene. Un giornale che ho letto avanza l'insinuazione che questa sia il conto per avere messo prima al bando Huawei e poi imprigionato il numero due.
tallines11 Dicembre 2018, 18:02 #2
E avanti con corsi-ricorsi nei tribunali...........
kamon11 Dicembre 2018, 18:06 #3
Certo che sembra quasi una barzelletta... Ora, non entro nel merito della contesa, non so se ci sia qualcosa di vero ma un tribunale [B][U]Cinese[/U][/B] che giudica una azienda occidentale per una presunta violazione della proprietà intellettuale, ha qualcosa di comico e surreale allo stesso tempo.
Dumah Brazorf11 Dicembre 2018, 18:06 #4
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Bene. Un giornale che ho letto avanza l'insinuazione che questa sia il conto per avere messo prima al bando Huawei e poi imprigionato il numero due.


A pensar male si fa peccato ma spesso si azzecca... [cit.]
jepessen11 Dicembre 2018, 18:41 #5
Originariamente inviato da: kamon
Certo che sembra quasi una barzelletta... Ora, non entro nel merito della contesa, non so se ci sia qualcosa di vero ma un tribunale [B][U]Cinese[/U][/B] che giudica una azienda occidentale per una presunta violazione della proprietà intellettuale, ha qualcosa di comico e surreale allo stesso tempo.


Quindi tu giudichi senza analizzare le cose.. Non entri nel merito, non sai cosa ci sia di vero, non ti informi ma ti pare comunque comico… Tipico sport italiano dove si giudica senza conoscere le cose, ammettendolo pure placidamente come se fosse la cosa piu' naturale del mondo...
san80d11 Dicembre 2018, 18:58 #6
la cina che si occupa della violazione dei brevetti
marcoplacido11 Dicembre 2018, 19:45 #7
io sto con kamon e con san80d
Tedturb011 Dicembre 2018, 22:11 #8
Originariamente inviato da: marcoplacido
io sto con kamon e con san80d


Pero aspettiamo l'armata di fanboy huawei. Tra un po' arriveranno
san80d11 Dicembre 2018, 22:54 #9
Originariamente inviato da: Tedturb0
Pero aspettiamo l'armata di fanboy huawei. Tra un po' arriveranno


magari dicendo che gli smartphone huawei sono ottimi, senza capire che si parla di reti
kamon11 Dicembre 2018, 23:27 #10
Originariamente inviato da: jepessen
Quindi tu giudichi senza analizzare le cose.. Non entri nel merito, non sai cosa ci sia di vero, non ti informi ma ti pare comunque comico… Tipico sport italiano dove si giudica senza conoscere le cose, ammettendolo pure placidamente come se fosse la cosa piu' naturale del mondo...



Prova a rileggere il mio commento con calma, ti apparirà chiaro che non ho giudicato alcunchè, anzi, ho specificato chiaramente che non voglio entrare nel merito della questione perché non ho gli elementi necessari per farlo, invece ho solo voluto sottolineare (cosa piuttosto ovvia) quanto la situazione [B][U]appaia[/U][/B] comica, surreale e paradossale considerate le note posizioni e gli atteggiamenti della Cina circa la proprietà intellettuale... Un po come quei simpatizzanti di regimi autoritari presenti o passati, che frignano quando qualcuno vorrebbe impedire loro di manifestare le proprie idee anti-democratiche, invocando essi stessi la libertà di parola, ovvero uno dei valori che vorrebbero cancellare...
Se vogliamo, quì c'è davvero qualcuno che ha un atteggiamento tipico di alcuni Italiani, attribuire all'interlocutore frasi e concetti mai espressi da quest'ultimo distorcendo le sue parole per poi controbattere comodamente su quelli...

paradossale
/pa·ra·dos·sà·le/
aggettivo

In apparente o reale contrasto con il comune modo di pensare o con le più elementari norme del buon senso, e quindi inaccettabile sul piano logico, pratico, morale.
"opinioni"
Di persona, che si vale di paradossi per sorprendere o sbalordire il lettore o l'uditore.
"scrittore"

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^