Tim Cook lascerà Apple ma solo dopo il lancio di una nuova categoria di prodotto! Apple Glass o Apple Car?

Tim Cook lascerà Apple ma solo dopo il lancio di una nuova categoria di prodotto! Apple Glass o Apple Car?

Secondo Bloomberg il ritiro del CEO di Apple, Tim Cook, arriverà intorno al 2025/2028 non appena l'azienda avrà introdotto sul mercato un nuovo tipo di categoria di prodotto. Sarà l'Apple Car o i nuovi Apple Glass?

di pubblicata il , alle 11:01 nel canale Apple
Apple
 

Tim Cook, al timone di Apple da 10 anni, sarebbe pronto a lasciare il comando nei prossimi anni ma solo dopo aver lanciato una nuova categoria di prodotti. Bloomberg lo dice chiaramente in una sua nuova indiscrezione e la notizia fa il giro del mondo vista l'importanza dell'azienda di Cupertino per il mondo della tecnologia ma anche per quello imprenditoriale. Chiaramente non abbiamo ancora alcuna conferma su quale sarà la nuova categoria di prodotto al quale Tim Cook vorrà presidenziare e si inizia a creare già una specie di toto scommesse con la possibilità di vedere entro il 2025 o 2028 la nuova Apple Car completamente elettrica o magari i nuovi Apple Glass, i futuri occhiali a realtà aumentata.

Tim Cook: dieci anni a capo di Apple e ancora voglia di fare

Tim Cook, che compie 61 anni a novembre e sembra quasi sicuro di mantenere la carica di CEO almeno fino al 2025, poiché un nuovo piano di ricompense con Apple gli ha garantito fino a 1 milione di nuove azioni se fino a quel momento resterà amministratore delegato. L'azienda, tramite il suo consiglio di amministrazione, ha fatto sapere di essere ben contenta "se volesse prolungare più a lungo. Anche se ci sono segnali che ciò non sembra probabile".

Sì, perché la convinzione all’interno di Apple è che Tim Cook voglia ormai rimanere in carica per supervisionare il lancio di un’altra grande nuova categoria di prodotti. Quale? Secondo molti la più probabile è che Apple possa introdurre davvero a breve i suoi Apple Glass ossia gli occhiali a realtà aumentata che da tempo viene vociferata nei rumor ma che purtroppo non hanno mai trovato verità.

Accanto agli Apple Glass in molti scommettono anche sull'ingresso dell'azienda di Cupertino nel mondo delle automobili con la sua Apple Car completamente elettrica. Di certo per entrambi i prodotti è probabile che ci voglia ancora un certo numero di anni e secondo Gurman di Bloomberg, la convinzione è quella che Cook almeno fino al 2025 o 2028 non lascerà il passo a nessuno, nonostante sia consapevole del tempo passato in Apple e di quello che dovrà ancora passare come CEO.

Chi sarà il successore di Tim Cook alla guida di Apple?

Non è chiaramente semplice prendere le redini di una delle più importanti aziende al mondo ed Apple effettivamente lo è. Tim Cook l'ha presa in mano lo scorso 24 agosto 2011 quando Steve Jobs, suo fondatore, stava così male da non poter più portare avanti l'azienda. Sono passati già dieci anni da quel momento ma Apple in questi dieci anni ha continuato a macinare successi e guadagni da capogiro divenendo appunto una delle aziende del tech tra le più importanti al mondo.

Chi sarà allora il successore di Tim Cook? Al momento chiaramente sono solo supposizioni. Molti pensano ad un Craig Federighi, oggi Vice presidente senior del reparto software di Apple: lui supervisiona lo sviluppo dei sistemi operativi iOS e macOS, coordina i team responsabili dei principali livelli di sviluppo software. Una figura apparsa ormai spesso durante i keynote di Apple al fianco di Tim Cook ed è anche colui che prima di entrare in Apple, lavorò con Steve Jobs in NeXT e, dopo l'acquisizione dell'azienda da parte della Mela nel 1996, alla software house Ariba. Nel 2009, su espressa volontà di Steve Jobs, fu assunto in Apple per occuparsi della sezione macOS e il 23 marzo 2011, Craig diventò vicepresidente dello sviluppo di macOS, sostituendo Bertrand Serlet.

Si parla anche di Jeff Williams. È lui il COO di Apple al momento: Williams è entrato a Cupertino nel lontano 1998 come responsabile degli acquisti mondiali e nel 2004 è stato nominato vicepresidente delle operazioni. Nel 2007, ha svolto un ruolo significativo per Apple nell'ingresso dell'azienda nel mercato della telefonia mobile con il lancio dell'iPhone e da allora ha guidato le operazioni mondiali per iPod e iPhone. 

E poi c'è anche chi parla di John Ternus, Vice Presidente Senior per il reparto Hardware. Ternus è a capo dello sviluppo dei vari Mac, iPhone, iPad, iPod, Apple TV, HomePod ma anche AirPods ed Apple Watch per la parte chiaramente hardware. Entrato in Apple nel 2001 come vicepresidente di Hardware Engineering, ha presentato lui i nuovi hardware per Mac e iPad ai vari WWDC, rivelando aggiornamenti di iMac e MacBook Pro ma anche i nuovi iPad Pro nel 2018 e anche gli iMac Pro e il Mac Pro 2019 completamente riprogettato. Ha svelato al mondo anche l'ultimissimo MacBook Air 2020 M1 assieme ai MacBook Pro e Mac Mini.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^