Taylor Swift rimprovera Apple, e Apple risponde: artisti pagati anche nei tre mesi di prova

Taylor Swift rimprovera Apple, e Apple risponde: artisti pagati anche nei tre mesi di prova

A seguito di una lettera da parte di Taylor Swift nei confronti di Apple, la società ha annunciato che gli ascolti effettuati durante i tre mesi di prova su Apple Music saranno regolarmente pagati agli artisti

di pubblicata il , alle 16:41 nel canale Apple
Apple
 

C'è stato un acceso dibattito nelle scorse ore fra Apple e Taylor Swift, la cantante pop statunitense che già si era scagliata con il mondo dello streaming musicale (gratis). Secondo la venticinquenne, nello specifico, il periodo di prova di tre mesi di Apple Music sarebbe stato improponibile dal punto di vista dell'artista: "È un periodo troppo lungo in cui non si viene pagati, e non è giusto chiedere a qualcuno di lavorare per nulla".

Taylor Swift

Taylor Swift si mostra estremamente delusa da Apple nella lettera che aveva inviato in direzione della società della Mela, la stessa società che in altre circostanze si era mostrata decisamente solerte a rispondere alle esigenze degli artisti. La delusione dell'artista statunitense è sfociata nella negazione del suo ultimo album 1989 dal servizio di streaming, stessa manovra strategica che aveva tra l'altro eseguito con Spotify.

La risposta da parte di Apple non è comunque tardata ad arrivare, ed è stata decisamente eloquente. È stato addirittura Eddy Cue a rompere il silenzio: "Vi ascoltiamo Taylor Swift e artisti indipendenti", ha scritto su Twitter il dirigente Apple dopo aver precisato che "Apple Music pagherà gli artisti per ogni stream delle loro canzoni, anche durante il periodo di prova gratuita da parte dell'utente".

Non sappiamo se questo sarà sufficiente a consentire la pubblicazione di 1989 su Apple Music, né l'artista si è espressa in tal senso. Tuttavia la reazione alla solerte risposta da Cupertino è stata indubbiamente positiva: "Sono esaltata e sollevata. Grazie per le vostre parole di sostegno di oggi, ci hanno finalmente ascoltato", ha scritto rivolgendosi ai propri fan e seguaci sul social network dell'uccellino azzurro.

Ha approfondito la vicenda Re/code, che ha contattato lo stesso Eddy Cue, SVP of Internet Software and Services per Apple. Il dirigente ha confermato che Apple pagherà i detentori dei diritti per tutti i tre mesi del periodo di prova, ma la tariffa del singolo stream "gratuito per l'utente" sarà naturalmente inferiore rispetto a quella dello stream ascoltato attraverso un abbonamento a pagamento (in questo caso più del 70% degli incassi andrà agli artisti).

Eddy Cue non sa se la repentina manovra dovuta alle critiche di Taylor Swift consegnerà l'album 1989 al servizio della Mela, ma ha specificato che questo non è stato il motivo principale delle modifiche dell'ultima ora. Pare che fosse un cambiamento già nell'aria in quel di Cupertino, scatenato nelle scorse ore dalla lettera pubblicata dalla venticinquenne statunitense a pochi giorni dal lancio ufficiale di Apple Music.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

63 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bivvoz22 Giugno 2015, 17:10 #1
Fondamentalmente ha ragione, è Apple che offre un periodo di prova troppo comodo offrire una cosa ma di fatto facendola offrire ad altri.

Mi ricorda un mio collega che offre il caffè con la mia chiavetta

P.S: che poi questa di soldi ne fa a vagonate comunque e poteva evitare la polemica poi se ne può discutere.
Però è anche vero che se tutti facessero così...
polli07922 Giugno 2015, 17:18 #2
Ma non ci sono le condizioni contrattuali o forse è troppo faticose leggerle?
icoborg22 Giugno 2015, 17:19 #3
capirai era gia figlia di papa se smette di ugolare, troverà altri campi da esplorare..
the_joe22 Giugno 2015, 17:19 #4
Originariamente inviato da: Antonio23
taylor swift... approfittane finche' dura che non ci metti niente a fare la fine delle solite "cantanti" pompate dai media


Fammi capire..... tu che faresti?????
FirePrince22 Giugno 2015, 17:31 #5
Che sciocchezza, nessuno costringe gli artisti a mettere la propria musica su Apple Music. Se ritengono sconveniente offrire in prova i loro brani per tre mesi per poi guadagnarci in seguito potevano benissimo non aderire al servizio. Apple poteva fare a meno di ascoltare quest'oca francamente, anche perche' tre mesi gratuiti in cui gli artisti vengono pagati aprono la porta a imbrogli di ogni tipo (immaginate quanti account farlocchi verranno creati solo per far aumentare il numero di ascolti, e quindi i soldi guadagnati).
the_joe22 Giugno 2015, 17:33 #6
Originariamente inviato da: LucaNoize
Taylor chi?


Una delle tante ragazze carine con una voce gradevole lanciate dallo show business al fine di impinguare le casse delle major e di riflesso anche le loro.....

Comunque non vedo perchè dovrebbe far beneficienza ad Apple che di soldi ne ha anch'essa abbastanza.
Cfranco22 Giugno 2015, 17:49 #7
"non è giusto chiedere a qualcuno di lavorare per nulla"

Ah perchè la signorina lavora ?

Originariamente inviato da: polli079
Ma non ci sono le condizioni contrattuali o forse è troppo faticose leggerle?

Per lei sarebbe un lavoro ( gravoso ) non pagato
Mparlav22 Giugno 2015, 17:53 #8
E' giusto che si venga pagati anche per i 3 mesi di prova, poi Apple sarà libera di offrire gratis il servizio in quel periodo a scopo promozionale.
Può anche estenderlo se vuole, ma non a scapito degli artisti.
fukka7522 Giugno 2015, 18:01 #9
è grave se dico di non aver mai sentito lei né una sua canzone?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^