Steve Wozniak ha denunciato YouTube per i video truffa che sfruttano la sua immagine

Steve Wozniak ha denunciato YouTube per i video truffa che sfruttano la sua immagine

Steve Wozniak, ha fatto causa a YouTube per i video che sfruttano il suo nome e la sua figura per diffondere truffe legate al mondo dei Bitcoin. Secondo il cofondatore di Apple, YouTube non è reattiva nel rimuovere i video e ignora le richieste.

di pubblicata il , alle 08:07 nel canale Apple
 

Steve Wozniak, il cofondatore di Apple, ha fatto causa a YouTube perché il sito ha ripetutamente ignorato le sue richieste di eliminare video in cui il suo nome e la sua immagine venivano usati per promuovere una truffa legata alle criptovalute. Usando l'immagine di Wozniak i truffatori persuadevano gli utenti a credere che avrebbe raddoppiato qualsiasi donazione in criptovalute ricevuta. Insomma, qualcosa del tipo, "mi mandi 1000 dollari in Bitcoin? Io te ne rimando indietro 2000, perché oggi sono felice".

Secondo Wozniak, quanto avvenuto su YouTube è simile a quanto accaduto su Twitter la scorsa settimana, con gli account di numerose celebrità finiti nelle mani di cybercriminali. Dai profili sono poi partiti messaggi che incitavano a fare donazioni in Bitcoin in cambio di un versamento raddoppiato da parte degli interessati.

Wozniak ha depositato la denunciata insieme ad altre 17 presunte vittime e richiedono alla corte di obbligare YouTube e la casa madre Alphabet a rimuovere i video, avvisare gli utenti della truffa, oltre che elargire un risarcimento agli interessati e pagare una multa. Il problema di fondo per Wozniak è che a differenza di Twitter che ha reagito il giorno stesso, YouTube è rimasta inerte.

Finora YouTube si è difesa da cause simili affidandosi all'immunità garantita dalla Communications Decency Act, secondo cui i provider non possono essere ritenuti responsabili di ciò che gli utenti pubblicano sulle loro piattaforme. Un portavoce di YouTube ha tuttavia commentato "prendiamo seriamente gli abusi della piattaforma e avviamo azioni rapidamente quando rileviamo violazioni alle nostre policy, come truffe e l'impersonificazione di altre persone".

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
medicina25 Luglio 2020, 10:27 #1
Comodo definirsi "provider" per sfuggire alle responsabilità quando in realtà non si è altro che degli editori.
harlock1025 Luglio 2020, 11:52 #2
Certo che pensare che qualcuno ti regali dei soldi se gliene mandi a lui....
Direi che quasi fanno bene a spennare i polli.
the_joe25 Luglio 2020, 11:57 #3
Originariamente inviato da: harlock10
Certo che pensare che qualcuno ti regali dei soldi se gliene mandi a lui....
Direi che quasi fanno bene a spennare i polli.


Questo non toglie le responsabilità di Youtube nel non rispettare le leggi.
WarSide26 Luglio 2020, 15:38 #4
Originariamente inviato da: medicina
Comodo definirsi "provider" per sfuggire alle responsabilità quando in realtà non si è altro che degli editori.


Ma editori di cosa?

Allora qualsiasi provider che fornisce hosting può essere definito editore.
canislupus26 Luglio 2020, 15:46 #5
Originariamente inviato da: WarSide
Ma editori di cosa?

Allora qualsiasi provider che fornisce hosting può essere definito editore.


Concordo con te... anche perchè l'editore è anche quello che sceglie cosa far vedere e cosa no per ottenerne un vantaggio...
mentre dentro youtube è il sistema stesso che decreta cosa sia di tendenza (in base alle visualizzazioni) e cosa non lo sia.
Per assurdo un editore potrebbe decidere di portare in auge un contenuto il cui appeal sia minimo, solo perchè lo reputa importante secondo i suoi canoni.
Mentre ripeto dentro youtube, sono gli utenti che di fatto decidono cosa rendere più "importante".
Pino9027 Luglio 2020, 13:31 #6
Originariamente inviato da: canislupus
Concordo con te... anche perchè l'editore è anche quello che sceglie cosa far vedere e cosa no per ottenerne un vantaggio...
mentre dentro youtube è il sistema stesso che decreta cosa sia di tendenza (in base alle visualizzazioni) e cosa non lo sia.
Per assurdo un editore potrebbe decidere di portare in auge un contenuto il cui appeal sia minimo, solo perchè lo reputa importante secondo i suoi canoni.
Mentre ripeto dentro youtube, sono gli utenti che di fatto decidono cosa rendere più "importante".


Non sono d'accordo. È un algoritmo proprietario e oscuro che decide cosa è più interessante secondo alcuni criteri, fra cui il gradimento degli utenti. Per esempio si è visto che se nel titolo o nella copertina del video c'è il nome di una marca o di un prodotto, il video viene spinto di più dalla piattaforma.
Era come dici tu dieci anni fa.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^