Sedicenne irrompe nei server Apple e ruba 90 GB di dati sensibili

Sedicenne irrompe nei server Apple e ruba 90 GB di dati sensibili

Un adolescente australiano è riuscito a scardinare le difese dei server Apple e rubare circa 90 GB di "file sicuri". Il mese prossimo arriverà la sentenza definitiva

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Apple
Apple
 

Uno studente delle scuole superiori australiane è riuscito a violare ripetutamente i server Apple scaricando così circa 90 GB di dati descritti come "file sicuri". Sembra inoltre che, secondo le informazioni trapelate via The Age, l'adolescente sia riuscito ad accedere agli account di alcuni consumatori. Quando il ragazzo ha iniziato l'attacco aveva 16 anni, ed è questo il motivo per cui il suo nome non può essere rivelato dalla stampa americana. Nell'attacco, secondo la fonte, ha anche ottenuto le "chiavi d'autorizzazione che garantiscono il log-in agli utenti".

Quando Apple ha rilevato l'intrusione nei server ha riportato il tutto alla FBI, che ha prontamente lanciato un'indagine scoprendo che l'hack veniva lanciato dall'Australia. Il caso è diventato così internazionale sia sul piano delle indagini, che per via della crescente popolarità dell'esecutore. Il sedicenne infatti pare che sia diventato una celebrità nella community di hacker internazionali, e ha utilizzato strumenti di hacking e VPN per cercare di evitare di venire tracciato. I sistemi Apple hanno però salvato i numeri seriali dei MacBook usati per l'attacco, rintracciandone il proprietario.

"Due portatili Apple sono stati sequestrati e i numeri seriali corrispondevano con quelli dei dispositivi che avevano guadagnato l'accesso nei sistemi interni", scrive la fonte. "Un telefono e un hard disk sono stati inoltre sequestrati, e l'indirizzo IP corrispondeva con quello relativo alle intrusioni". Il materiale scaricato, si legge inoltre sulla fonte, è stato salvato in una cartella dal nome "hacky hack hack". La giustizia americana ha già offerto il suo giudizio di colpevolezza, con la dichiarazione della sentenza finale che arriverà il mese prossimo.

Da segnalare che l'avvocato dello studente ha dichiarato che il ragazzo ha eseguito l'attacco "perché è un fan Apple" e sperava di lavorare per la compagnia di Cupertino. Un'eventualità che, dopo il verdetto di colpevolezza, sembra decisamente improbabile. Apple ha già rilasciato un commento su quanto accaduto specificando che, differentemente da quanto riportato da The Age, i dati degli utenti non sono stati in alcun modo compromessi: "Abbiamo scoperto l'accesso non autorizzato, lo abbiamo contenuto e riportato alle forze dell'ordine", sono state le parole di un portavoce per Reuters.

Che ha continuato: "Vogliamo inoltre informare i nostri clienti che in nessun momento dell'attacco i loro dati sono stati compromessi".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

34 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
frankie17 Agosto 2018, 10:14 #1
Suona un po' come "Sono entrati i ladri in casa, conoscono tutto di voi, ma non preoccupatevi non è sparito nulla, potete tornare alla vostra vita."

Dire almeno come e perchè sono entrati sarebbe stato meglio.

Certo che essere preso per il seriale del mac è peggio del pin scritto sulla carta di credito.
voodooFX17 Agosto 2018, 10:23 #2
Originariamente inviato da: frankie
Suona un po' come "Sono entrati i ladri in casa, conoscono tutto di voi, ma non preoccupatevi non è sparito nulla, potete tornare alla vostra vita."

Dire almeno come e perchè sono entrati sarebbe stato meglio.

Certo che essere preso per il seriale del mac è peggio del pin scritto sulla carta di credito.


Infatti non e chiaro, questo come minimo avra fatto 2-3 salti (penso/spero) prima di arrivare al server da violare, in che modo quindi il seriale del Mac viene "forwardato" verso la destinazione?
Unrue17 Agosto 2018, 10:41 #3
Da segnalare che l'avvocato dello studente ha dichiarato che il ragazzo ha eseguito l'attacco "perché è un fan Apple" e sperava di lavorare per la compagnia di Cupertino. Un'eventualità che, dopo il verdetto di colpevolezza, sembra decisamente improbabile


Non sarebbe la prima volta che un hacker viene assunto dalla stessa società che ha violato.
Spawn758617 Agosto 2018, 10:44 #4
Originariamente inviato da: voodooFX
Infatti non e chiaro, questo come minimo avra fatto 2-3 salti (penso/spero) prima di arrivare al server da violare, in che modo quindi il seriale del Mac viene "forwardato" verso la destinazione?


Usare un Macbook per hackerare Apple non è la cosa più intelligente che potesse fare. Un po' come usare un dispositivo android per hackerare google... Visto quanto sono chiusi come sistemi ti pare che non abbiano modi di rintracciarli forwardando i seriali?
omerook17 Agosto 2018, 10:48 #5
Credo che ormai quando si sta su internet si lasciano un infinità di id hardware e software ed è quasi impossibile non essere identificati in modo univoco ,
zoomx17 Agosto 2018, 10:49 #6
Originariamente inviato da: Spawn7586
Usare un Macbook per hackerare Apple non è la cosa più intelligente che potesse fare. Un po' come usare un dispositivo android per hackerare google... Visto quanto sono chiusi come sistemi ti pare che non abbiano modi di rintracciarli forwardando i seriali?


Questo significherebbe che Apple sa a cosa ti colleghi, quando e più o meno anche cosa fai.
Si, usare un Macbook non è stata un'idea intelligente però la cosa non quadra: se è stato tanto furbo da entrare nei server e rubare informazioni come mai non è stato tanto furbo da evitare di usare un Mac?
lucusta17 Agosto 2018, 10:57 #7
"I sistemi Apple hanno però salvato i numeri seriali dei MacBook usati per l'attacco, rintracciandone il proprietario."

è questa sarebbe la protezione della privacy offerta da Apple?
per tutti, ma non per loro!
vogliono dettare regole e poi non osservarle?
anche l'ultimo rimasuglio di possibilità nel pensare di acquistare un loro prodotto in un lontano futuro è del tutto sfumata...
sorry Apple, ma per questa cosa spero che chiuderai i battenti il più presto possibile, almeno ci sarà un ipocrita in meno sul mercato.
Fede17 Agosto 2018, 10:58 #8
ma solo io a sedici anni pensavo solo alla fr...agolina o alla femmina del fico?
altro che mela morsicata
jepessen17 Agosto 2018, 11:01 #9
Originariamente inviato da: voodooFX
Infatti non e chiaro, questo come minimo avra fatto 2-3 salti (penso/spero) prima di arrivare al server da violare, in che modo quindi il seriale del Mac viene "forwardato" verso la destinazione?


Perché magari dall'altra parte non ci sono dei pirla ma gente che fa bene il suo lavoro...
Dumah Brazorf17 Agosto 2018, 11:21 #10
Originariamente inviato da: lucusta
"I sistemi Apple hanno però salvato i numeri seriali dei MacBook usati per l'attacco, rintracciandone il proprietario."

è questa sarebbe la protezione della privacy offerta da Apple?


Saranno contenti tutti i possessori, ora hanno la certezza che per qualsiasi evenienza le fdo sanno sempre dove e quando venire a prendervi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^