Samsung aggiunge iPhone 5 alla causa sui brevetti LTE

Samsung aggiunge iPhone 5 alla causa sui brevetti LTE

La compagnia coreana ha inserito anche l'ultimo smartphone della Mela nell'elenco dei dispositivi che sarebbero colpevoli di violare alcuni brevetti legati alla tecnologia LTE. Ma l'azione legale di Samsung potrebbe essere più debole del previsto

di pubblicata il , alle 16:29 nel canale Apple
SamsungiPhoneApple
 

La coreana Samsung ha fatto sapere di aver aggiunto in via ufficiale e definita il nuovo iPhone 5 alla lista di dispositivi Apple che sarebbero colpevoli di infrangere una serie di brevetti di sua proprietà legati alle tecnologie LTE.

Samsung aveva già minacciato un'azione legale nei confronti della Mela durante il mese di agosto, proprio sui brevetti LTE. Apple, di contro, ha più volte affermato di aver acquistato i componenti radio LTE da Qualcomm, che detiente tutte le licenze per i brevetti legati a questa tecnologia, e che le licenze di Qualcomm si estendono anche ai propri clienti. Anche quest'ultima sostiene la medesima posizione, sebbene non sia coinvolta direttamente nella bagarre tra Apple e Samsung.

Resta comunque da vedere quanto robusta possa essere l'azione di Samsung in tribunale: esiste infatti la possibilità che almeno una parte dei brevetti in gioco possano essere ritenuti essenziali allo standard LTE e, per questo motivo, rientrare nell'ambito delle normative FRAND (Fair, Reasonable And Non Discriminatory terms). ovvero trattandosi di brevetti generici e comunque essenziali per uno standard sono soggetti a licenze d'uso meno stringenti rispetto a brevetti più specifici.

Nel caso in cui la corte dovesse verificare che le licenze di Qualcomm si estendono effettivamente anche ai propri clienti, il caso verrà rapidamente archiviato. L'obiettivo di Samsung, comunque, sembra essere quello di portare Apple (nel caso dovesse essere trovata in violazione dei brevetti della compagnia coreana) a siglare un accordo di cross-licensing che garantirebbe reciprocamente ad entrambe la licenza d'uso dei molti brevetti in gioco nelle varie battaglie legali, in cambio di un armistizio nelle aule di tribunale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Yakkuz31 Ottobre 2012, 16:37 #1
Crosslicensing...mi ricorda qualcosa (Intel vs AMD).

Speriamo, così la finiscono di rompersi le scatole e forse noi consumatori potremmo guadagnarci qualcosa in termini di qualità dei prodotti.
recoil31 Ottobre 2012, 17:44 #2
Originariamente inviato da: Yakkuz
Crosslicensing...mi ricorda qualcosa (Intel vs AMD).


anche Apple e Microsoft 15 anni fa, visto che parliamo proprio della Apple
alexsky801 Novembre 2012, 11:33 #3
non sono un amante della Apple (anzi) e la sua politica commerciale non mi piace affatto però la Samsung ultimamente fa ridere

inseriscono l'IP5 nella causa per violazione dei brevetti LTE quando non è ancora uscita con terminali 4G (a livello globale) e anzi hanno pensato bene di smaltire le scorte con il NOTE 2 solo 3G
eeetc01 Novembre 2012, 16:20 #4
L'unica cosa che ha sbagliato Samsung è di annunciare subito la causa... io avrei atteso che il concorrente avesse venduto qualche decina di milioni di esemplari, e poi giù con la mazzata
Hulk910302 Novembre 2012, 00:08 #5
Originariamente inviato da: alexsky8
non sono un amante della Apple (anzi) e la sua politica commerciale non mi piace affatto però la Samsung ultimamente fa ridere

inseriscono l'IP5 nella causa per violazione dei brevetti LTE quando non è ancora uscita con terminali 4G (a livello globale) e anzi hanno pensato bene di smaltire le scorte con il NOTE 2 solo 3G


Tanto a noi italiani del 4g cosa deve importarci?? Uscirà (forse) in sperimentazione solo in 2 città italiane, mi pare Torino e non sò l'altra, ovviamente TIM.

Per me è una tecnologia del ciufolo, che poi scusate mi fanno 100mb di banda e poi mi mettono il traffico limitato, no sense.
Aryan02 Novembre 2012, 09:15 #6
Originariamente inviato da: Hulk9103
... Uscirà (forse) in sperimentazione solo in 2 città italiane, mi pare Torino e non sò l'altra, ovviamente TIM.
...


Veramente è Vodafone quella più avanti dato che è già sottoscrivibile!
Hulk910302 Novembre 2012, 17:33 #7
Originariamente inviato da: Aryan
Veramente è Vodafone quella più avanti dato che è già sottoscrivibile!


Si ok ora discutiamo se sono cavoli o patate e nel frattempo ci allontaniamo da quello che è il fulcro della notizia: in Italia LTE non ESISTE.

E comunque avevo letto l'articolo che riguardava TIM, ma onestamente può riguardare anche sempronio che tanto LTE non c'è in Italia.

Sottoscrivibile? vorresti che io da Pesaro se mi iscrivo navigo a 100mb??

Ma per favore, lavori alla Vodafone???
Aryan04 Novembre 2012, 12:33 #8
No non lavoro in Vodofone e mi sta anche in culo ma se ci sono delle offerte già sottoscrivibili(in certe città grandi ovviamente, di certo non Pesaro o dove vivo io) lo scrivo, tutto qua...
heavyrain8405 Novembre 2012, 01:20 #9
Sembrano dei bambini poco cresciuti che si fanno i dispetti . Ormai é una guerra e se le suonano in tribunale ogni giorno per un motivo o per l'altro . Staremo a vedere chi la spunterá in questo caso . Ripeto, sarebbe ora di darci un taglio investendo in ricerca e non i avvocati.
Aryan05 Novembre 2012, 11:02 #10
Originariamente inviato da: Aryan
No non lavoro in Vodofone e mi sta anche in culo ma se ci sono delle offerte già sottoscrivibili(in certe città grandi ovviamente, di certo non Pesaro o dove vivo io) lo scrivo, tutto qua...


Per completezza di informazione segnalo questa news di 20gg fa: http://www.dday.it/redazione/7409/L...30-ottobre.html

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^