Psystar sfodera le leggi antitrust contro Apple

Psystar sfodera le leggi antitrust contro Apple

Psystar risponde al duro attacco di Apple accusando a sua volta la compagnia di Cupertino di stare violando le leggi antitrust statunitensi

di pubblicata il , alle 11:32 nel canale Apple
Apple
 

La disputa legale tra Apple e Psystar prosegue arricchendosi di un nuovo episodio: proprio ieri infatti, Psystar ha deciso di passare al contrattacco e di querelare a sua volta Apple per abuso di monopolio e di pratiche anticompetitive. L'azione legale avviata da Psystar giunge in risposta a quella avviata da Apple lo scorso luglio. In tale occasione, gli avvocati della compagnia di Cupertino avevano accusato Psystar di violazione del diritto d'autore, di istigazione alla violazione del diritto d'autore e di violazione del marchio.

Secondo Apple, infatti, la licenza d'uso del proprio sistema operativo è concessa solamente in abbinamento all'utilizzo di hardware Apple, di conseguenza la produzione e la commercializzazione di sistemi con Mac OS X preinstallato viola i diritti di Apple e mette gli utenti nelle condizioni di continuare a violare questi diritti.

In tutta risposta, Psystar ha deciso di avviare a sua volta una causa legale nei confronti di Apple, basando la propria accusa su alcune leggi antitrust statunitensi. Secondo la tesi di Psystar, lo Sherman Antitrust Act e il Clayton Antitrust Act non consentirebbero ad Apple di continuare a vendere il proprio sistema operativo unicamente in abbinamento al proprio hardware, poiché si tratta di una pratica anticompetitiva.

Psystar fa inoltre notare che le copie di Mac OS X installate sui propri sistemi non sono state manipolate in alcun modo e sono inoltre accompagnate da una regolare licenza, acquistata direttamente da Apple o da uno dei suoi distributori autorizzati. Per quanto concerne invece il software utilizzato per installare Mac OS X, Psystar chiarisce che si tratta di software open source.

Ora la palla torna nelle mani di Apple, che ha 30 giorni per rispondere alle accuse o per chiedere un rinvio temporaneo. Ad ogni modo, se si arriverà ad un processo, Psystar potrebbe incontrare qualche problema a portare avanti le proprie accuse contro Apple. Al momento non è infatti chiaro come la piccola compagnia californiana intenda sostenere gli eventuali costi di una lunga battaglia legale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

564 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
sesshoumaru27 Agosto 2008, 11:47 #1
Si fa sempre più divertente la querelle.

Prevedo che di questo passo si arriverà presto a un ritiro provvisorio dalla vendita di Leopard, almeno finchè la causa non finirà.

Vuoi acquistare Leopard ? Dammi il seriale del tuo mac su cui vuoi installarlo, altrimenti ciccia.
demon7727 Agosto 2008, 11:50 #2
Apple se li mangia...
.:Moro21:.27 Agosto 2008, 11:51 #3
mah... software opensource si... ma fino ad un certo punto..

staremo a vedere... anche se sta telenovela mi fa morire dal ridere... chi prima sembrava essere in torto ( Psystar ) adesso ha preso il coltello dalla parte del manico e accusa Apple di violare delle leggi..
pitx27 Agosto 2008, 11:55 #4
Sarebbero capaci di mettere una bella multicina a Apple...
Poi non mi sorprenderebbe un giudizio dell'antitrust come ha fatto con microsoft per ie+wmp
Tornano i mac clone
daywatch8527 Agosto 2008, 11:57 #5
Beh Apple non ha il diritto di vendere un software e obbligare le persone a installarlo solo dove dice lei se questo va contro le leggi antitrust...e ormai lo sanno tutti che Apple sta violando l'antitrust con le sue regole!! Se non vuole che la gente se lo installa su altre macchine diverse dai Mac allora non deve venderlo liberamente nei negozi...chi ha un Mac avrà licenza da Apple su richiesta e chi non lo ha non può avere MacOs, cosi dovrebbe essere! E spero che si arrivi a quel punto perchè la legge è uguale per tutti.
sam_8827 Agosto 2008, 12:01 #6
Assurdo. Apple fa il software e ne fa quello che vuole. Spero che se li mangino e spariscano sti qua.
pitx27 Agosto 2008, 12:01 #7
Originariamente inviato da: daywatch85
Beh Apple non ha il diritto di vendere un software e obbligare le persone a installarlo solo dove dice lei se questo va contro le leggi antitrust...e ormai lo sanno tutti che Apple sta violando l'antitrust con le sue regole!! Se non vuole che la gente se lo installa su altre macchine diverse dai Mac allora non deve venderlo liberamente nei negozi...chi ha un Mac avrà licenza da Apple su richiesta e chi non lo ha non può avere MacOs, cosi dovrebbe essere! E spero che si arrivi a quel punto perchè la legge è uguale per tutti.


Sicuramente non ci sarà più bisogno di Hackintosh...
sicuramente l'antitrust condannerà Apple a rendere compatibile e installabili OS X
Ne vedremo delle belle... intanto mi prendo il posto in prima fila, e preparo i popcorn
TheDarkAngel27 Agosto 2008, 12:04 #8
per me apple finalmente prenderà una giusta batosta e finirà con queste politiche anti consumatore
Visron27 Agosto 2008, 12:04 #9
Originariamente inviato da: sam_88
Assurdo. Apple fa il software e ne fa quello che vuole. Spero che se li mangino e spariscano sti qua.

perche te la prendi e ti accanisci cosi'? perche' non vuoi vedere che la gente faccia girare OSx su macchne pagate la meta' di quello che hai speso tu??

non capisco

Originariamente inviato da: demon77
Apple se li mangia...


aspetta che arriva la sentenza dove Apple verra' bastonata..poi lo vedi come se li mangia
axel61927 Agosto 2008, 12:11 #10
Teoricamente l'antitrust dovrebbe condurre un'indagine parallela, anche se dopo il caso m$ non credo si arriverà a nulla.
Apple è una risorsa economica e tecnologica per la nazione, i loro ricarichi eccessivi finiscono anche in tasse e danno lavoro a tanti americani.
Dare ragione a Psystar non è detto che possa favorire altre aziende americane, mentre sicuramente ne gioverebbero i produttori asiatici, che potrebbero vendere l'hardware che già costruiscono senza il surplus legato al marchio, fama, ecc. ecc.
Sono pessimista in queste cose, non se ne farà nulla...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^