Psystar: Apple affila le armi con i propri legali

Psystar: Apple affila le armi con i propri legali

Il colosso di Cupertino avvia un procedimento legale nei confronti di Psystar, l'azienda che commercializza sistemi PC con Mac OS X preinstallato

di pubblicata il , alle 11:34 nel canale Apple
AppleMac OS X
 

Emerge in questi giorni la notizia dell'avvio di un procedimento legale da parte di Apple nei confronti di Psystar, l'azienda con sede in Florida che nel corso dei mesi passati ha fatto parecchio parlare di sé per via dell'offerta commerciale di sistemi PC forniti con Mac OS X.

L'azienda di Cupertino ha depositato la documentazione presso la Corte Distrettuale del Distretto Nord della California lo scorso 3 luglio, esattamente il giorno seguente alla distribuzione da parte di Psystar di una versione modificata dell'aggiornamento 10.5.4 di Mac OS X "Leopard" dedicata agli utenti che hanno precedentemente acquistato i sistemi proposti da Psystar.

Attualmente non sono ancora noti i dettagli del procedimento legale, secondo le prime indiscrezioni tuttavia pare che il terreno sul quale Apple e la sua squadra di avvocati del Townsend and Townsend and Crew LLP cercheranno di portare la battaglia è la violazione dei diritti d'autore.

L'attività di Psystar ha preso il via nel corso del mese di Aprile con l'annuncio ufficiale della messa in commercio di sistemi PC provvisti di sistema operativo Apple e, dopo una serie di vicende piuttosto rocambolesche, con l'avvio delle prime consegne. Qualche settimana fa, inoltre, Psystar ha annunciato anche una linea di soluzioni server che mettono opzionalmente a disposizione la possibilità di installare il sistema operativo Leopard Server.

In merito alla possibilità di un'azione legale portata avanti dalla Mela, Psystar si è dimostrata sempre piuttosto spavalda asserendo che le clausole della licenza d'uso che Apple ha definito per Mac OS X rappresentano una violazione delle leggi antitrust: secondo Psystar Apple non può decidere di "blindare" il proprio sistema operativo solamente su determinate macchine.

Convinta di ciò la piccola realtà della Florida ha continuato a procedere nella stessa direzione, fornendo appunto ai propri clienti le versioni modificate degli aggiornamenti del sistema operativo che Apple periodicamente rilascia.

A questo punto si attendono gli sviluppi della vicenda: date le circostanze riteniamo improbabile che Psystar sia stata colta impreparata dalla decisione di Apple ed anzi è lecito supporre che la piccola azienda della Florida abbia già pensato a preparare un'accurata contromossa nel caso si fosse verificato ciò che è accaduto.

Per coloro i quali fossero interessati ad approfondire l'argomento, segnaliamo questo intervento di Alessio Di Domizio sul blog Appunti Digitali.

Fonte: Arstechnica

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

102 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick16 Luglio 2008, 11:38 #1
Brutta storia se dovessero perderla ma dubito potrebbero nascere un po' ovunque assemblatori che montano mac os di default...
NoX8316 Luglio 2008, 11:48 #2
Sarà anche vero che Apple può benissimo decidere di "blindare" il proprio sistema sulle sue macchine, ma è anche vero che lo fa evidentemente perchè altrimenti rimarrebbe con le pezze al culo dato che se uno potesse avere l'OS su un comune pc non sarebbe costretto a sborsare le cifre enormi ed evidentemente non coerenti che apple chiede per il proprio "normalissimo" hardware.

Spero vivamente che Psystar possa continuare!
Marcel34916 Luglio 2008, 11:49 #3
Era solo questione di tempo...
robest8816 Luglio 2008, 11:53 #4
Un vero peccato...cercano di bloccare il loro OS per guadagnare di più.
Meglio Windows!!
NoX8316 Luglio 2008, 11:55 #5
Da appuntidigitali.it apprendo che l'83% dei ricavi di Apple attualmente deriva dalla vendita di hardware...fuori di testa...lo sapevo già, ma la cosa mi lascia sempre più basito!
fpg_8716 Luglio 2008, 11:55 #6
beh mi sarei piuttosto aspettato la causa per l'emulazione del bios...
se nn erro la licenza che lo accompagna dice chiaramente che nn può essere venduto...
Giullo16 Luglio 2008, 11:56 #7
cifre enormi? ma la finiamo con le solite trollate da stadio? penso che apple abbia tutto il diritto di decidere su quali macchine si debba installare il suo so. Non vi sta bene?

il mercato offre alternative altrettanto valide (alcune delle quali anche a costo zero)
innominato509016 Luglio 2008, 11:59 #8
Originariamente inviato da: NoX83
Da appuntidigitali.it apprendo che l'83% dei ricavi di Apple attualmente deriva dalla vendita di hardware...fuori di testa...lo sapevo già, ma la cosa mi lascia sempre più basito!


apple vende computer, è normale che i ricavi vengano da quello.....

ti stupisci a sapere che dell guadagna dalla vendita dei pc?
ultimate_sayan16 Luglio 2008, 11:59 #9
Non è di certo Apple a sbagliare... La licenza parla chiaro e Psystar se n'è infischiata quindi... non vedo perché doverl difendere.
Alejenga16 Luglio 2008, 12:00 #10
Il blocco del OS è dovuto unicamente al suo perfezionamento verso un certo tipo di Hw... Per questo mac osx è perfettamente in relazione con le macchine apple.

Se non fosse bloccato finirebbe come win... si potrebbe installare ovunque ma nn sempre con risultati acettabili...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^