Oggi è il compleanno di Macintosh: ben 35 anni!

Oggi è il compleanno di Macintosh: ben 35 anni!

Macintosh compie nella giornata odierna ben 35 anni! Il sistema di Apple che lanciò un nuovo modo di essere "operativi" e creativi fu presentato da Steve Jobs durante la riunione con gli azionisti, preceduto dal famoso spot televisivo!

di pubblicata il , alle 14:21 nel canale Apple
ApplemacOS
 

Nel 1984, in questo stesso giorno, veniva presentato al Mondo Macintosh da parte di un giovane Steve Jobs! Il sistema venne mostrato durante la riunione con gli azionisti a Cupertino scatenando la folla presente (come si può vedere nel video qui sotto).

Il computer era posto all'interno di una borsa che ne celava l'aspetto con Jobs che con enfasi presentava il sistema dicendo che le immagini mostrate sugli schermi erano proprio generate grazie a Macintosh.

A quel punto il dirigente si avvicina e toglie il velo al nuovo sistema di cui tanto si era parlato. Qualche momento dopo l'accensione si era già operativi con Jobs che estrae dalla tasca (letteralmente) un floppy e lo inserisce nel sistema.

Le luci si abbassano, la musica cresce e sullo schermo appare la scritta Macintosh che scorre mentre la folla grida. Lo slogan "unsanely great" è un altro tocco di classe dello show.

Apple Macintosh 1984

Viene poi mostrata una sequenza di programmi che vanno dall'editor di immagini a quello testuale (ricco di opzioni), un foglio di calcolo con calcolatrice e anche un'immagine scherzosa di Jobs che pensa al computer. Non potevano mancare i giochi, come quello degli scacchi.

Un'altra sorpresa sono le prime parole "pronunciate" da Macintosh "Hello, I'm Macintosh. It sure is great to get out of that bag". La scenetta continua poi con una battuta riguardo ai mainframe IBM "mai fidarsi di un computer che non puoi sollevare".

Il teaser di questa presentazione è il notissimo video pubblicitario chiamato 1984 (richiamando Orwell) in cui in un Mondo cupo, distopico e dai toni spenti arriva un'eroina a distruggere le convenzioni e gli slogan. Il 24 Gennaio, Apple Computer introdurrà Macintosh. E vedrete perché il 1984 (l'anno di presentazione) non sarà come 1984 (riferito al romanzo di Orwell).

Nonostante molto sia cambiato per Apple e Mac, quella "magia" può essere rivissuta da tutti anche attraverso sistemi come Internet Archive o in spot pubblicitari come quello realizzato da Apple qualche tempo fa per sponsorizzare iPhone.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

44 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nickname8824 Gennaio 2019, 16:39 #1
Originariamente inviato da: Eliomon
Quando acquistai il mio primo PC, molti anni fa, la mia fidanzata (che ora è mia moglie), mi raccontava di questo Macintosh che aveva usato a scuola e delle sue qualità.
Mai avrei immaginato che dopo anni e anni di Windows, in casa mia sarebbe diventato il mio sistema principale.
Speriamo che nei prossimi anni non devastino il suo ancora oggi ottimo O.S, con scelte scellerate come hanno fatto con il buon Windows.

Ciao Adapter, vedo che le tue storielle da non idoneo utilizzatore ce le propini ogni santa volta.
Segnalo subito la tua presenza a chi di dovere, prepara gli altri nick.
SpyroTSK24 Gennaio 2019, 16:48 #2
Bene, bravi...però nessuno ha mai fatto gli auguri al vecchio ENIAC, che quest'anno compie 72 anni.
https://it.wikipedia.org/wiki/ENIAC
oatmeal24 Gennaio 2019, 17:11 #3
Il mio secondo pc dopo il Commodore 64. Ok non proprio questo ma il Plus dell’86. Tanti ricordi, non solo legati alle macchine ma anche tanta nostalgia di quell’epoca. Una vita fa
s-y24 Gennaio 2019, 17:40 #4
sarà battuta facile, ma il famosissimo spot mandato durante il superball per lanciarlo...

ad oggi ce ne vorrebbe uno con la tizia con un compressore in mano, e una sottiletta al posto dello schermo... arriva, e via di gonfiaggio, con tutto il pubblico che è composto da disegni bidimensionali che improvvisamente si ritrovano nella terza dimensione...
AlexSwitch24 Gennaio 2019, 18:07 #5
Originariamente inviato da: oatmeal
Il mio secondo pc dopo il Commodore 64. Ok non proprio questo ma il Plus dell’86. Tanti ricordi, non solo legati alle macchine ma anche tanta nostalgia di quell’epoca. Una vita fa


Già una vita fa.... Me lo ricordo quando lo vidi esposto la prima volta in una vetrina di un piccolo computer shop nella città in cui vivevo in quegli anni.
Poi il padre di un mio amico lo comprò e ce lo fece provare... per noi ragazzini che ci districavamo con i listati in BASIC del VIC 20 o C 64 sembrava fantascienza quasi... Un computer a 32 bit, con grafica ad alta risoluzione e routine grafiche avanzate, con floppy d 3,5" che caricavano i programmi in un baleno e poi l'approccio ad una GUI e al mouse. Costava tantissimo in Italia, più di 5 milioni di lire ( 128K di Ram un floppy da 400 Kb ) e per molto tempo è stato un desiderio proibito per parecchi. Per fortuna che in poco tempo arrivarono soluzioni come il GEM ( Graphic Environment Manager della Digital Reserch ) che giravano sui PC " cloni " a basso costo ( ma bisognava avere almeno un adattatore grafico CGA o Hercules ). Poi arrivò Commodore con il suo Amiga e la grafica colorata esplose anche su una GUI.

Altri tempi, altri computer.... ehhhh
oatmeal24 Gennaio 2019, 18:17 #6
Originariamente inviato da: AlexSwitch
Già una vita fa.... Me lo ricordo quando lo vidi esposto la prima volta in una vetrina di un piccolo computer shop nella città in cui vivevo in quegli anni.
Poi il padre di un mio amico lo comprò e ce lo fece provare... per noi ragazzini che ci districavamo con i listati in BASIC del VIC 20 o C 64 sembrava fantascienza quasi... Un computer a 32 bit, con grafica ad alta risoluzione e routine grafiche avanzate, con floppy d 3,5" che caricavano i programmi in un baleno e poi l'approccio ad una GUI e al mouse. Costava tantissimo in Italia, più di 5 milioni di lire ( 128K di Ram un floppy da 400 Kb ) e per molto tempo è stato un desiderio proibito per parecchi. Per fortuna che in poco tempo arrivarono soluzioni come il GEM ( Graphic Environment Manager della Digital Reserch ) che giravano sui PC " cloni " a basso costo ( ma bisognava avere almeno un adattatore grafico CGA o Hercules ). Poi arrivò Commodore con il suo Amiga e la grafica colorata esplose anche su una GUI.

Altri tempi, altri computer.... ehhhh


il "mio" lo comprò mio fratello, ma per fortuna non era così geloso da non farmelo usare...anche se avevo 13 anni. Ricordo ancora la faccia che feci quando vidi il cestino che si gonfiava eliminando un file. Ora fa ridere, allora e a 13 anni era una cosa "fantastica"
Mparlav24 Gennaio 2019, 18:38 #7
Il primo che ho avuto è stato un Apple IIe (o plus, non ricordo bene), rimediato usato nel 1987.
Ci scrivevo/copiavo i programmi in Basic dalla rivista Applicando.
Se ripenso a quel monitor a fosfori verdi...
Nui_Mg24 Gennaio 2019, 18:43 #8
Originariamente inviato da: Eliomon
Quando acquistai il mio primo PC, molti anni fa, la mia fidanzata (che ora è mia moglie), mi raccontava di questo Macintosh che aveva usato a scuola e delle sue qualità.
Mai avrei immaginato che dopo anni e anni di Windows, in casa mia sarebbe diventato il mio sistema principale.

Esperienza opposta: primo computer entrato in casa mia è stato un macintosh LCIII, cpu motorola cisc 68030 con frequenza di ben 25mhz e sistema operativo system 7.x. Buono per il periodo in ambito grafico (era il periodo del desktop publishing: postscript, pagemaker, quarkxpress, photoshop, freehand, ecc.) e ottimo per le guerre su irc (il suo stack tcp/ip era ben più roccioso dei win dell'epoca).

Col tempo abbiamo poi però notato una cosa, soprattutto quando serviva una qualche leggera riparazione, delle periferiche da aggiungere, certe applicazioni and so on: tutto costava di più rispetto all'altro mondo (win), ma non di poco, di tanto. Capisco fosse un mondo chiuso (impossibilità di fare certi upgrade hardware, ecc.), ma certa ferraglia (soprattutto periferiche) avente medesima tecnologia/medesime specifiche hardware che viene fatta pagare troppo di più non ha senso.
Gli apple center sembravano dei centri di strozzinaggio, dovevi stare attento a dove ti sedevi che ti facevano pagare pure il noleggio della poltrona.

A tal punto ci si è chiesti: perché dobbiamo continuare a farci prendere per il culo? E via verso Windows, nonostante i suoi enormi problemi dell'epoca (cose poi molto cambiate con il nuovo kernel nt). Passaggio anche perché desiderosi di conoscere meglio i computer dentro e fuori (e gli utenti solo mac sono proverbialmente delle capre) e questo possibile con una piattaforma più aperta/flessibile.
baruk24 Gennaio 2019, 19:46 #9
Usato dal 1988 con grande soddisfazione per realizzare grafici, legende per carte geologiche, e con i primi programmi di grafica anche illustrazioni scientifiche. All'epoca era il massimo, anche se con quello schermino ci voleva più tempo a spostare un disegno che a farlo. Lo abbinai al primo scanner apple e alla prima laserwriter... fantastico.
Tozzo7224 Gennaio 2019, 22:29 #10
Era veramente bellissimo e lo sognavo guardando i depliant delle fiere. Ora, dopo tutti questi anni, penso a quello spot e che ora lo schermo da distruggere sarebbero loro. I ribelli o soccombono o diventano come coloro che hanno combattuto

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^