MacBook Pro 13" smontato da iFixit nel suo teardown

MacBook Pro 13 smontato da iFixit nel suo teardown

Arriva il classico smontaggio del nuovo MacBook Pro da 13 pollici con Touch Bar di Apple. Si scopre come l'SSD sia non sostituibile e soprattutto le griglie laterali abbiano solo una funzione estetica e non funzionale.

di Bruno Mucciarelli pubblicata il , alle 08:01 nel canale Apple
AppleMacBook
 

I nuovi MacBook Pro da 13 pollici con Touch Bar sono finalmente arrivati nelle mani dei primi utenti che li avevano preordinati subito dopo il Keynote di presentazione. iFixit, leader sul fronte delle istruzioni di riparazione, ha voluto condurre il primo e completo teardown del dispositivo. Dallo smontaggio completo, emerge come il laptop sia al solito un piccolo concentrato di ingegneria, con Apple pronta a curare ogni minimo dettaglio interno. Tuttavia, non solo il dispositivo raggiunge il punteggio minimo di riparabilità, ma sembra anche che molte componenti non rispecchino esattamente quello che gli utenti potrebbero attendersi.

I nuovi MacBook Pro da 13 pollici non sembrano essere dei dispositivi particolarmente inclini alle piccole riparazioni domestiche. iFixit, infatti, assegna un punteggio di riparabilità di 1 su 10, indicando come anche per le questioni più banali sarà necessario affidarsi ad Apple. A partire dalla comune sostituzione del pulsante d’accensione: inglobando all’interno il lettore d’impronte digitali Touch ID, gestito dal chip T1 di Apple, la sostituzione del tasto richiederà il cambio dell'intera barra touchscreen o, addirittura, dell’intera scheda logica. Questo perché, come per gli iPhone, il lettore Touch ID è associato univocamente all’hardware, per ragioni di sicurezza.

Oltre a questo iFixit ha rilevato come le griglie poste a lato della tastiera, solitamente dedicate agli speaker, sembra abbiano solo una funzione estetica. I fori si trovano infatti nella metà superiore del piano tastiera, mentre gli altoparlanti in quello inferiore. Oltretutto sembra che queste griglie non servano a garantire una maggiore circolazione dell’aria al di sotto della scocca, poiché l’aria del laptop seguirebbe percorsi diversi.

Così come già emerso per la versione da 15 pollici dei nuovi MacBook Pro, anche per i 13 con Touch Bar le componenti SSD sono saldate direttamente alla scheda logica, un fatto che ne impedisce l’upgrade, se non con soluzioni esterne. Il modello da 13 pollici senza Touch Bar, invece, pare possegga una classica e rimovibile scheda SSD.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

47 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
mattia.l17 Novembre 2016, 08:53 #1
pazzesca la scheda madre
devil_mcry17 Novembre 2016, 08:58 #2
A me fa impressione anche la batteria. Al di la della mancanza di possibilità di upgrade è impressionante il livello di ingegnerizzazione ...
Simonex8417 Novembre 2016, 08:58 #3
un tripudio di simmetria, temo che Ive sia un caso disperato di OCD (obsessive-compulsive disorder)
Phoenix Fire17 Novembre 2016, 09:18 #4
odio apple per questa scelta di ridurre il portatile a una sottiletta e quindi di saldare come se non ci fosse un domani, ma va detto che sono tra i portatili più "ordinati" che ho visto.
Poi continuo a dire che se ci fosse una versione con qualche mm in più ma ssd/ram aggiornabili o più porte e pari hw, la prenderei a occhi chiusi
Rubberick17 Novembre 2016, 10:23 #5
Originariamente inviato da: Simonex84
un tripudio di simmetria, temo che Ive sia un caso disperato di OCD (obsessive-compulsive disorder)


ma perchè mo Ive che è un designer fa l'hw interno? mah

che poi sono andato a vedere alla fine sempre 1.85 kg pesa pensavo avessero raggiunto follie come 1kg per il 15"

almeno li ci stava tutta la roba saldata ma cosi' per recuperare 150g rispetto a prima lasciamo proprio stare... meglio morsettone sulle ram e dischi sostituibili..
Simonex8417 Novembre 2016, 10:25 #6
Originariamente inviato da: Rubberick
ma perchè mo Ive che è un designer fa l'hw interno? mah


Jobs che non era neanche un informatico obbligava a disporre gli integrati in modo ordinato sulla board, non vedo perchè Ive non possa imporre un design simmetrico dei componenti interni.

E' ormai palese che in Apple è l'ingegneria a doversi piegare al design e non il contrario.
Morphina1917 Novembre 2016, 10:33 #7
Originariamente inviato da: Simonex84
Jobs che non era neanche un informatico obbligava a disporre gli integrati in modo ordinato sulla board, non vedo perchè Ive non possa imporre un design simmetrico dei componenti interni.

E' ormai palese che in Apple è l'ingegneria a doversi piegare al design e non il contrario.


La disposizione dei componenti su un PCB è subordinata al routing delle connessioni tra di essi. Se vai da un HW engineer esperto a dire che deve disporre gli integrati in modo ordinato sulla board, come minimo ti ride dietro!
devilred17 Novembre 2016, 10:42 #8
non capisco una cosa, si rompe l'ssd e resto a piedi, poi che fanno invece di riparare me ne danno un altro??? comunque forse sara' comodo per chi vive in citta', ma io che sto a quasi 18 km dal primo centro apple quanto mi costa tutto sto casino??? mah!!
GTKM17 Novembre 2016, 10:43 #9
Originariamente inviato da: Morphina19
La disposizione dei componenti su un PCB è subordinata al routing delle connessioni tra di essi. Se vai da un HW engineer esperto a dire che deve disporre gli integrati in modo ordinato sulla board, come minimo ti ride dietro!


Ti ride dietro, e poi si rimette a lavoro per esaudire il tuo desiderio, specie se "l'ordine" arriva da Ive, in Apple.
Morphina1917 Novembre 2016, 10:53 #10
Originariamente inviato da: GTKM
Ti ride dietro, e poi si rimette a lavoro per esaudire il tuo desiderio, specie se "l'ordine" arriva da Ive, in Apple.


Può arrivare da Ive, Jobs, Michael Jackson o Gesù Cristo in persona, la risposta sarà sempre la stessa.

Credimi, so di cosa parlo. La disposizione dei componenti su un PCB deve rispettare delle regole, non è che arriva un Jobs qualsiasi e dice: "sto condensatore toglilo di qui, mi rovina la vista della eeprom, questo mosfet di potenza non va bene vicino al diodo raddrizzatore, mettilo vicino alla RAM."
Suvvia, ognuno fa il suo lavoro! Anche in apple...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^