Leopard: alcuni nuovi screenshot

Leopard: alcuni nuovi screenshot

Circolano in rete alcuni screenshot della versione Developer Preview di Leopard che svelano alcuni altri piccoli dettagli del nuovo sistema operativo di Apple

di pubblicata il , alle 10:43 nel canale Apple
Apple
 

Dopo l'anteprima ufficiale di Mac OS X 10.5 "Leopard" tenuta lo scorso 8 Agosto in occasione della conferenza di apertura della Apple Worldwide Developer Conference, sono iniziati a circolare in rete alcuni screenshot della versione "Developer Preview" destinata agli sviluppatori e distribuita proprio nel corso dell'evento. In particolare sul sito Thinksecret è stata pubblicata una ricca galleria che svela qualche piccolo dettaglio in più relativo al nuovo sistema operativo.

Innanzitutto una delle feature principali del nuovo Leopard, ovvero Time Machine, è in grado di effettuare un backup del sistema prima di procedere all'installazione del sistema operativo. Tra le possibilità di configurazione di Time Machine, inoltre, è possibile definire il tempo di conservazione dei backup che può variare tra 1 mese e 1 anno, con la possibilità di mantenere il backup a tempo indefinito.

Alcune piccole novità anche in Finder: tramite il menu "View Options" è possibile impostare un parametro denominato "Grid Spacing", che determina la spaziatura tra le icone delle cartelle. Piccole modifiche anche per il Cestino, la cui finestra è ora provvista di un pulsante "Empty", per cancellarne il contenuto.

Particolarmente incisiva sarà l'integrazione di Spotlight con l'intero sistema operativo e le sue applicazioni. In particolare è stata implementata una nuova funzione di ricerca tra i menu delle applicazioni stesse e un nuovo sistema di evidenziazione delle keyword all'interno di Safari, reso possibile grazie a Quartz.

Spaces, una delle altre caratteristiche peculiari di Leopard, consentirà all'utente di impostare quanti desktop virtuali egli preferisca e, per ognuno di essi, definire delle regole o assegnare applicazioni specifiche.

Con Leopard se ne vanno alcune applicazioni come Sherlock (già passato in disuso con l'avvento di Dashboard), Printer Setup Utility e NetInfo Manager. Di queste ultime due, la prima verrà integrata all'interno delle preferenze di sistema alla voce "Print & Fax", mentre la seconda sarà completamente rimossa.

Per la galleria completa rimandiamo a questa pagina pubblicata su Think Secret.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta pi interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
felter21 Agosto 2006, 11:09 #1

come l'AMIGA 20 anni fa

Mi fa sorridere la frase "..Spaces, una delle altre caratteristiche peculiari di Leopard..".
Vorrei ricordare a chi non lo sapesse, che solo 20 anni fa il S.O. della Commodore installato sulle varie versioni di AMIGA, anche le più piccole, aveva la possibilità di impostare un desktop di diverse caratteristiche a secondo del programma utilizzato, per cui uno ad alta risoluzione e 16 bit/colore per il programma grafico, mentre uno ad una risoluzione più bassa e 8bit/colore per il word processor che girava in MULTITASKING PREEMPTIVE.
Li possiamo chiamare "cicli e ricicli storici"?
R0b121 Agosto 2006, 11:32 #2
Infatti si è sempre detto che il S.O. Amiga e, in generale, tutta la macchina, avesse qualcosa di innovativo e valido ancora oggi. Piuttosto mi chiedo: ma sbaglio o sulle distro linux e i vari ambienti grafici (tipo KDE) esiste qualcosa di analogo? Mi pare che si riescano a gestire facilmente 4 desktop...correggetemi se sbaglio naturalmente.
M@n21 Agosto 2006, 11:35 #3
Originariamente inviato da: felter
Mi fa sorridere la frase "..Spaces, una delle altre caratteristiche peculiari di Leopard..".
Vorrei ricordare a chi non lo sapesse, che solo 20 anni fa il S.O. della Commodore installato sulle varie versioni di AMIGA, anche le più piccole, aveva la possibilità di impostare un desktop di diverse caratteristiche a secondo del programma utilizzato, per cui uno ad alta risoluzione e 16 bit/colore per il programma grafico, mentre uno ad una risoluzione più bassa e 8bit/colore per il word processor che girava in MULTITASKING PREEMPTIVE.
Li possiamo chiamare "cicli e ricicli storici"?

In effetti spaces non mi sembra tutta sta novita'..
Il succo stara' altrove
M@n21 Agosto 2006, 11:39 #4
Originariamente inviato da: R0b1
Infatti si è sempre detto che il S.O. Amiga e, in generale, tutta la macchina, avesse qualcosa di innovativo e valido ancora oggi. Piuttosto mi chiedo: ma sbaglio o sulle distro linux e i vari ambienti grafici (tipo KDE) esiste qualcosa di analogo? Mi pare che si riescano a gestire facilmente 4 desktop...correggetemi se sbaglio naturalmente.

da anni tutte le distro che ho installato (vabbe', solo Fedora-RH e Ubuntu ) ce l'hanno. Le altre credo lo stesso.
Bisogna vedere se in Leopard ci sara' qualcosa di piu' (rimenendo in tema "spaces"
caffenero21 Agosto 2006, 11:41 #5
Originariamente inviato da: felter
Mi fa sorridere la frase "..Spaces, una delle altre caratteristiche peculiari di Leopard..".
Vorrei ricordare a chi non lo sapesse, che solo 20 anni fa il S.O. della Commodore installato sulle varie versioni di AMIGA, anche le più piccole, aveva la possibilità di impostare un desktop di diverse caratteristiche a secondo del programma utilizzato, per cui uno ad alta risoluzione e 16 bit/colore per il programma grafico, mentre uno ad una risoluzione più bassa e 8bit/colore per il word processor che girava in MULTITASKING PREEMPTIVE.
Li possiamo chiamare "cicli e ricicli storici"?


È un po' diverso, in realtà.

L'HW video dell'amiga permetteva di gestire varii SCHERMI (nel senso del "fullscreen" odierno), con risoluzioni e numero di colori indipendenti. Dopodiché prendevi uno schermo e lo spostavi in basso per mostrare quello sottostante, che veniva rimappato al volo sulla risoluzione in foreground.

Sugli 8/16 bit ci andrei pianino: il buon vecchio OCS ti dava al massimo 16 colori in 640x256 e 32 colori in 320x512 (che poi grazie a trucchi mostruosi diventavano 64 (halftoning) e/o 4096 (modalità HAM, che però era davvero orrenda a vedersi, dato che produceva artefatti cromatici paurosi )

Con l'AGA le cose migliorarono di poco.

E il multitasking preemptive aveva poco a che fare col video, eh?
aLLaNoN8121 Agosto 2006, 11:44 #6
Originariamente inviato da: M@n
da anni tutte le distro che ho installato (vabbe', solo Fedora-RH e Ubuntu ) ce l'hanno. Le altre credo lo stesso.
Bisogna vedere se in Leopard ci sara' qualcosa di piu' (rimenendo in tema "spaces"

Beh, non si deve parlare di distro ma di ambiente grafico... KDE e Gnome hanno i desktop multipli da tempi immemori (e possono anche essere più di 4 ma anche molti di più. Appena XGL sarà totalmente stabile credo che linux non avrà proprio più nulla da invidiare a nessun altro SO a livello di interfaccia grafica...
Sinceramente non capisco cosa ci sia di utile nell'impostare determinate applicazioni a determinati desktop come avverrà in Leopard...
PeK21 Agosto 2006, 11:45 #7
Originariamente inviato da: R0b1
Infatti si è sempre detto che il S.O. Amiga e, in generale, tutta la macchina, avesse qualcosa di innovativo e valido ancora oggi. Piuttosto mi chiedo: ma sbaglio o sulle distro linux e i vari ambienti grafici (tipo KDE) esiste qualcosa di analogo? Mi pare che si riescano a gestire facilmente 4 desktop...correggetemi se sbaglio naturalmente.



hai 4 desktop virtuali di default, ma puoi averne "quanti ne vuoi" <- il massimo che ho mai avuto sono stati 18, non so qual'è il limite. più, ovviamente, le 6 console.

le "nuova" funziona di spotlight c'è già da almeno 6 mesi su chi ha beagle.

time machine è un semplice backup... ma il problema è che fa il backup e non lo snapshot del file system!!! -> spazio sprecato.

grid spacing lascia il tempo che trova...

il bottone svuota nel cestino!!! UAO!!! e fino a ieri come si faceva? si trascinava il cestino nel cestino?
Teto_z21 Agosto 2006, 11:46 #8
Io in gnome ho a disposizione 36 desktop virtuali ( ne uso poi solo 6), non so in kde...
radoen21 Agosto 2006, 11:46 #9
confermo anche io KDE supporta da 1 a ben 20 desktop differenti e come detto da aLLaNoN81 appena Xgl sarà completamente stabile ci potremo fare tutti 4 risate visto è qualcosa di bellissimo per gli occhi (ma anche totalmente inutile per l'usabilità per il resto brava apple
aLLaNoN8121 Agosto 2006, 11:50 #10
Originariamente inviato da: PeK]hai 4 desktop virtuali di default, ma puoi averne "
Il massimo è 36 (sotto Gnome, sotto KDE non saprei, non lo uso)

[QUOTE=PeK]
le "nuova" funziona di spotlight c'è già da almeno 6 mesi su chi ha beagle.

Oddio, Beagle esiste da mooolto più di 6 mesi

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^