Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

La transizione verso Apple Silicon è quasi completata: Mac Pro è l'unico rimasto con chip Intel

La transizione verso Apple Silicon è quasi completata: Mac Pro è l'unico rimasto con chip Intel

Ad Apple serve solo convertire il suo Mac Pro con processori proprietari per completare la transizione, con il desktop professionale che è rimasto l'unico ad utilizzare CPU di terze parti

di pubblicata il , alle 10:34 nel canale Apple
AppleMac ProMacBook
 

Con il rilascio del nuovo Mac mini con chip M2 e M2 Pro Apple ha eliminato dalla line-up la versione dei mini computer con processore Intel. Sullo store sono infatti presenti solo le nuove varianti, con il modello basato su Intel Core i5 - presente fino all'ultimo aggiornamento del negozio online - che è scomparso e non può più essere acquistato.

La transizione verso Apple Silicon è quasi completata

Questo significa che per il mercato mainstream Apple fornisce solo processori proprietari basati su architettura ARM, abbandonando del tutto le tecnologie Intel. In realtà c'è ancora un computer basato su processori Intel, quindi la transizione verso Apple Silicon non è ancora completa: stiamo parlando di Mac Pro, sistema professionale rivolto esplicitamente verso il mercato enterprise. Inizialmente la Mela si aspettava di completare il passaggio da Intel ad Apple Silicon in circa due anni dall'annuncio ufficiale dei processori di casa, avvenuto nel 2020, mancando però la scadenza.

La transizione verso Apple Silicon è quasi completata

Lo scorso anno Mark Gurman di Bloomberg aveva fatto notare l'assenza del Mac Pro con chip Apple serie M, dovuta a suo dire a "molteplici modifiche alle funzionalità del computer, insieme a un cambiamento significativo nei piani sui processori di fascia alta e un potenziale trasferimento della produzione dei chip". Mac Pro con Apple Silicon avrebbe dovuto implementare una CPU da 48-core e una GPU da 152-core grafici, ma il costo del SoC e la complessità nella sua produzione hanno costretto l'azienda a rivedere i piani.

Con l'interruzione delle vendite di Mac mini con chip Intel, il modello di fascia alta del mini computer Apple diventa quello con processore Apple M2 Pro (ne abbiamo parlato qui), proposto con 16 GB di RAM e 512 GB di storage basato su SSD. Il nuovo Mac mini di fascia alta ha comunque un prezzo di listino superiore rispetto a quello che sostituisce con CPU Intel, nonostante il modello base con chip M2 venga proposto a un listino leggermente inferiore rispetto al predecessore. Con i nuovi Mac mini con chip M2 è stato inoltre dismesso il modello con chip M1.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
sisko21418 Gennaio 2023, 11:02 #1
Beh vabbè... di Mac Pro, ne venderanno globalmente, un paio al giorno quando va bene. Con quei volumi, possono considerare completata la transizione a Silicon.
harlock1018 Gennaio 2023, 11:15 #2
Senza considerare che il Mac Studio si pappa una buona fetta di clientela potenzialmente interessata al Mac Pro che magari, visto il costo, sta aspettando la versione silicon per non avere un’architettura già obsoleta.
F1r3st0rm18 Gennaio 2023, 12:08 #3
Devono chiamare un'azienda di ceramiche a sassuolo per fare il processore adatto già gli attuali sono delle mattonelle ma qua avranno bisogno dei grandi formati...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^