Jony Ive su iWatch: 'La Svizzera è nei guai'

Jony Ive su iWatch: 'La Svizzera è nei guai'

Poco prima dell'evento di presentazione del 9 settembre, vengono rivelate alcune parole pronunciate da Jonathan Ive di Apple. Secondo il celebre designer britannico, l'industria orologiera in Svizzera è nei guai. Ma stando alle ultime indiscrezioni su Swatch non sembra così

di pubblicata il , alle 08:31 nel canale Apple
Apple
 

Non manca molto all'evento di martedì organizzato nella città di Cupertino da Apple e sembra che i dirigenti della società si stiano già lasciando scappare alcune informazioni sensibili circa gli argomenti che verranno trattati. Se iPhone 6 sarà una presenza quasi del tutto certa, c'è ancora qualche dubbio su iWatch, il presunto smartwatch della Mela.

Jony Ive

Sarebbe stato Jony Ive ad aver rivelato qualcosa di troppo e a scriverlo è il New York Times. Lo storico designer inglese di Apple sembra sicuro dei risultati del prossimo indossabile, probabile apripista del successo dell'intera categoria che, nonostante l'interesse mostrato da molti produttori, stenta ancora ad imporsi sul mercato.

"Secondo le parole di un designer che lavora in Apple, Jonathan Ive avrebbe allegramente detto che la Svizzera si troverà nei guai mentre si vantava delle qualità del prossimo iWatch", scrive Nick Bilton del New York Times. "Anche se ha scelto un termine molto più colorito di 'guai' per esprimere le difficoltà che avrebbe incontrato la nazione produttrice di orologi dopo l'uscita dell'orologio di Apple".

Differentemente da iPhone 6, non sappiamo praticamente nulla di consistente su iWatch: non sono trapelate informazioni rilevanti, né foto attendibili, quindi è difficile prevedere se l'orologio della Mela apparirà effettivamente sul palco del Flint Center, in cui i più eminenti dirigenti Apple saliranno a turno per presentarci le novità previste per la prossima generazione di smartphone, wearable e per le famiglie di computer iMac e MacBook.

Tuttavia, la Svizzera citata da Jony Ive non ci sembra al momento in un periodo particolarmente difficile ed è pronta ad affrontare de visu il crescente fenomeno degli indossabili, senza snaturare il concetto di orologio classico. Swatch, uno dei maggiori produttori di orologi al mondo, starebbe pensando di introdurre un nuovo indossabile sul mercato nel prossimo 2015. Non sarà uno smartwatch tradizionale, ma più simile ad un orologio classico con in più alcune funzionalità rivolte al mondo salutista e del fitness.

Un mostro come Apple fa comunque paura. Gary Paulin, analista di mercato presso Aviate Global, ha definito l'arrivo di Apple come il problema più grosso da affrontare dall'intero settore dopo l'avvento degli orologi digitali. Ne sapremo di più il 9 settembre alle ore 19 italiane.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

64 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Raghnar-The coWolf-08 Settembre 2014, 09:04 #1
Nietzsche: "Dio e' Morto"
Dio: "Per il momento e' morto solo Nietzsche"
tazok08 Settembre 2014, 09:05 #2
In svizzera è già scattato l'allarme beige
NickNaylor08 Settembre 2014, 09:08 #3
giá vedo la disperazione nei volti dei dipendenti della patek philippe, frank muller e omega.. disperati perchè hanno i crampi addominali a forza di ridere leggendo queste news
Bivvoz08 Settembre 2014, 09:09 #4
In svizzera fanno orologi che vanno per 40 anni senza bisogno di sostituire la batteria o essere ricaricati.
lockheed08 Settembre 2014, 09:18 #5
Originariamente inviato da: Bivvoz
In svizzera fanno orologi che vanno per 40 anni senza bisogno di sostituire la batteria o essere ricaricati.


Si, sbagliano solo di un paio di minuti al mese...
Simonex8408 Settembre 2014, 09:24 #6
Originariamente inviato da: lockheed
Si, sbagliano solo di un paio di minuti al mese...


Orologi di quel genere vengono scelti per altre caratteristiche, la precisione è un fattore secondario

Comunque Jonny, fly down, sei un bravo designer ma ultimamente mi sembra in pieno delirio da onnipotenza
Bivvoz08 Settembre 2014, 09:26 #7
Originariamente inviato da: lockheed
Si, sbagliano solo di un paio di minuti al mese...


No quelli sono cinesi
Notturnia08 Settembre 2014, 09:27 #8
cavolo quindi IWC smetterà di fare orologi perché Apple fa gli i-orologi ?..
suvvia..

@Lockheed.. da quanto tempo non fai revisionare il tuo automatico ?.. o hai un automatico cinese ?.. no perché uno zenith, Rolex, Patek, Omega, IWC, etc etc etc, non sbagliano di qualche minuto quando sono correttamente usati e revisionati.. sennò è meglio che li riporti in negozio.. ad ogni modo.. ci sono orologi al quarzo che non funzionano altrettanto bene e che necessitano pure di cambiare la batteria..

p.s. scusa Lockheed.. avevo letto (capito) al giorno.. hai detto al mese.. si al mese ci sta.. ma dubito che qualcuno abbia il problema di avere una precisione simile .. inoltre.. gli orologi svizzeri non li prendi per leggere l'ora con la precisione di un orologio atomico.. almeno.. non io..
laverita08 Settembre 2014, 09:27 #9
Il numero di possibili allocchi che comprerebbero un iWatch è di gran lunga superiore a quello di acquirenti di un orologio di prestigio.
E di sicuro un ragazzo con le pezze al culo che si indebita con una finanziara per darsi un tono ad un aperitivo riconosce un iWatch e non un Tag Heuer (tanto per dirne uno)
Azib08 Settembre 2014, 09:31 #10
Spero che questa news sia ironica perché se veramente si paragona un Omega o un Panerai fatti a mano ad un ipotetico icoso fatto in qualche catena di montaggio in Cina significa che a Cupertino vi hanno fatto un lavaggio del cervello che fa rabbrividire pure quelli dell' isis....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^