iPhone 6S con due processori distinti, uno più piccolo (ed efficiente?) dell'altro

iPhone 6S con due processori distinti, uno più piccolo (ed efficiente?) dell'altro

Apple A9 non sarebbe un solo chip: con il nome la società nasconde in realtà due chipset diversi prodotti in altrettante fab, una di Samsung e l'altra di TSMC. E la paura è che uno dei due chip sia migliore dell'altro

di pubblicata il , alle 16:07 nel canale Apple
AppleiPhone
 

I nuovi iPhone 6S sono stati rilasciati al pubblico da pochi giorni, e con il primo teardown di Chipworks siamo venuti a conoscenza per la prima volta delle caratteristiche tecniche del microprocessore. Le analisi condotte hanno svelato però una situazione particolarmente delicata: Apple A9 è realizzato in due fab diverse appartenenti ad altrettante compagnie: Samsung e TSMC. Anche il processo produttivo, per quanto simile, è differente fra i due modelli.

Il SoC sviluppato da Samsung viene conosciuto con la sigla APL0898 ed ha una superficie di 96mm², quello stampato da TSMC è invece noto come APL1022 ed è più grande, con una superficie da 104,5mm². Chipworks non ha specificato quale processo è stato utilizzato, con il maggior indiziato che potrebbe essere un derivato del FinFET in entrambi i casi. È quindi probabile che i due chip siano basati rispettivamente sui processi a 14nm e 16nm per i SoC stampati rispettivamente da Samsung e TSMC.

Apple A9, Samsung vs TSMC

Capire il motivo per cui Apple ha scelto un approccio così particolare e poco conveniente sul piano economico non è semplice, e probabilmente non avremo mai una risposta ufficiale esauriente da parte della società. Sviluppare un chip con due fab diverse significa affrontare i vari processi due volte, con spese di progettazione e ingegnerizzazione che crescono in maniera sostanziale. Nonostante il dual-sourcing non sia cosa nuova (IBM lo aveva fatto con l'ingresso di AMD nell'industria x86), nell'informatica moderna rappresenta una scelta oltremodo onerosa e poco conveniente.

Con una strategia di questo tipo i problemi a cui si va incontro sono parecchi: nonostante il design del chip sia identico, i risultati finali dei due prodotti potrebbero differire in base ai problemi che la fab riscontra durante lo sviluppo del progetto. In altre parole, anche se i progetti sono identici non è detto che i due prodotti finali avranno le stesse caratteristiche. In questo caso le differenze sono addirittura fisiche, con l'Apple A9 prodotto da Samsung che è più piccolo dell'8% rispetto a quello di TSMC.

La densità dei componenti del primo è superiore, e la paura è quella che anche la sua efficienza lo sia, con una durata della batteria del dispositivo che sarà di riflesso più lunga. I due chip riescono probabilmente a raggiungere le specifiche tecniche imposte da Apple, come ad esempio la frequenza operativa massima, ma sul fronte dell'efficienza energetica è quasi certo che i dispositivi con chip Samsung avranno un lieve vantaggio su quelli TSMC.

A questo punto sarà da valutare la consistenza di questa differenza, ovvero quanto un iPhone 6S con un chip Samsung sia migliore rispetto alla sua controparte con il chip taiwanese. Nella migliore delle ipotesi le differenze saranno minime o quasi del tutto impercettibili, ma ci saranno, per via del fatto che non è possibile superare le leggi della fisica così come le conosciamo.

I motivi che hanno spinto Apple ad un'operazione per certi versi così controversa potrebbero essere parecchi: probabilmente Apple non vuole dare ad un'unica fab il potere di gestire un ordinativo così importante quale può essere quello del chip dei nuovi iPhone o, probabilmente, vuole rifornirsi sin dal principio di un numero di chip sufficiente a soddisfare l'intera domanda da parte dell'utenza.

Le differenze fra i due chip non dovrebbero avere un impatto significativo per l'utente comune, tuttavia potrebbero creare qualche dissapore fra gli utenti più navigati. Sarà inoltre molto difficile verificare i vantaggi di un processore sugli altri, a meno che non sarà in futuro possibile accedere via software alla versione della CPU installata, per poi effettuare vari test analizzando e misurando l'autonomia operativa nei due casi. Il consumatore finale non avrà tuttavia alcun modo di verificare la provenienza del SoC di un particolare modello, e durante l'acquisto si potrà affidare esclusivamente alla sorte.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Nelson Muntz30 Settembre 2015, 16:39 #1
Si può GIA' verificare quale versione di chip monta il proprio iPhone 6s / 6s Plus

http://demo.hiraku.tw/CPUIdentifier/
riuzasan30 Settembre 2015, 17:07 #2
Vedendo i risultati di CPUidentifier è palese che nel 6s Plus c'è una stragrande maggioranza di chip Samsung ...
Sarebbe interessante poter calcolare le differenze in consumi su un 6s plus tra i 16nm di TMSC e i 14 di Samsung, data anche la batteria di questi modelli ...
acerbo30 Settembre 2015, 17:26 #3
Originariamente inviato da: riuzasan
Vedendo i risultati di CPUidentifier è palese che nel 6s Plus c'è una stragrande maggioranza di chip Samsung ...
Sarebbe interessante poter calcolare le differenze in consumi su un 6s plus tra i 16nm di TMSC e i 14 di Samsung, data anche la batteria di questi modelli ...


immaggino siano tra lo 0.5 e il 2%
massimo79m30 Settembre 2015, 18:11 #4
Originariamente inviato da: ginojap
???


simile != uguale
Ago7230 Settembre 2015, 18:17 #5
La motivazione è semplice:

Supply chain risk management
"[I]the implementation of strategies to manage both everyday and exceptional risks along the supply chain based on continuous risk assessment with the objective of reducing vulnerability and ensuring continuity[/I]"

"Considering alternative sourcing arrangements"
Frinck30 Settembre 2015, 23:08 #6
probabilmente la Apple vedendo le cattive acque in cui naviga Samsung e grazie ai propri strapagatissimi consulenti ha capito che forse non è un bene basare il proprio business solo su una compagnia rivale lol
ferro7501 Ottobre 2015, 08:19 #7
La questione è molto semplice: Apple ha sempre commissionato i suoi chip a Samsung, però i rapporti tra i due colossi si sono degradati col tempo e con le cause legali e Apple voleva staccarsi da Samsung. Peccato che TSMC alla quale si era rivolta abbia avuto problemi di rese produttive e per coprire la richiesta di chip Apple ha dovuto tornare da Samsung.
recoil01 Ottobre 2015, 09:00 #8
da un sondaggio pare che siano 60% TSMC e 40 Samsung
non so quali sono i rapporti tra 6s e 6s+ ma se fossero simili avrebbero potuto destinare i TSMC al 6s e i Samsung al 6s+ così non avrebbero creato disparità

è anche vero che l'utente medio non sa nemmeno cos'è un SoC quindi se ne frega di avere l'uno o l'altro quindi per Apple è un non problema
Mparlav01 Ottobre 2015, 09:20 #9
Quindi possono essere montati soc di diversi produttori.

Dal teardown di ifixit del 6s e 6s plus, di modelli da 16GB, è anche emerso che il primo montava nand Toshiba e ddr4 Samsung ed il secondo nand e DDR4 Hynix.
Krusty9301 Ottobre 2015, 11:42 #10
Originariamente inviato da: recoil
da un sondaggio pare che siano 60% TSMC e 40 Samsung
non so quali sono i rapporti tra 6s e 6s+ ma se fossero simili avrebbero potuto destinare i TSMC al 6s e i Samsung al 6s+ così non avrebbero creato disparità

è anche vero che l'utente medio non sa nemmeno cos'è un SoC quindi se ne frega di avere l'uno o l'altro quindi per Apple è un non problema


Dal punto di vista commerciale no, ma magari economico si


Fantastico comunque: l'anno scorso memorie random, quest'anno addirittura i soc

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^