Infezioni di malware cresciute del 744% su macOS nel 2016

Infezioni di malware cresciute del 744% su macOS nel 2016

Secondo l'ultimo McAfee Threat Report i malware sono cresciuti di un'elevatissima percentuale su macOS, soprattutto se consideriamo anche gli adware

di pubblicata il , alle 09:31 nel canale Apple
ApplemacOS
 

L'ultimo McAfee Threat Report mostra come nel 2016 i casi di malware siano cresciuti del 744% su macOS, con circa 460.000 casi rilevati. Ma dietro al numero preoccupante ci sono alcuni elementi che possono garantire sonni quasi del tutto tranquilli agli utenti della Mela. Prima di tutto il paragone con Windows. I casi sull'OS concorrente sono stati oltre 600 milioni. Nemmeno il mobile fa meglio di macOS con 15 milioni di infezioni e quasi tutte su Android.

Rassicurante anche il fatto che su macOS sono cresciuti a dismisura gli adware, ovvero software specifici che non puntano a danneggiare il sistema o a rubare dati sensibili, ma solo a riprodurre pubblicità in maniera fraudolenta. Non rappresentano un rischio per l'integrità dei dati del sistema o per la privacy dell'utente, tuttavia possono rappresentare indiscutibilmente un fastidio. Ma su macOS non mancano le infezioni più preoccupanti, come invece vorrebbero alcune leggende metropolitane.

Lo scorso gennaio sono ad esempio stati violati Safari e Mail con un exploit che conduceva il sistema al crash, ed è stato diffuso anche il malware Fruitfly che sfruttava un codice vecchio per attaccare principalmente istituzioni di ricerca biomedica. I malware sono presenti su macOS, insomma, e secondo McAfee sono in crescita. Proteggersi non è comunque difficilissimo: su Mac è spesso sufficiente scaricare solo applicazioni da Mac App Store o da fonti affidabili.

Certamente più preoccupante la sicurezza in ambito Internet of Things, non ancora del tutto regolamentata. Come abbiamo riportato spesso nelle nostre pagine i gadget smart possono essere attualmente presi facilmente di mira ed utilizzati come parte di botnet per eseguire attacchi DDoS diffusi su scala globale su target specifici, come servizi online e siti web. Sul report si legge che i "dispositivi IoT sono sfruttati per eseguire gravi crimini" e che "Mirai è solo l'inizio".

McAfee afferma che all'epoca sono stati utilizzati 2,5 milioni di dispositivi IoT per aggredire il provider Dyn, rendendolo irraggiungibile per un certo periodo di tempo. Al suo picco massimo Dyn è stato raggiunto con un traffico di 1,2 Tbps, il più alto mai registrato e naturalmente impossibile da gestire da qualsiasi infrastruttura. È pertanto assolutamente importante fare attenzione durante l'acquisto dei gadget smart, soprattutto se provenienti da brand dalla dubbia affidabilità.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

44 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
porradeiro08 Aprile 2017, 10:05 #1
mai avuto l'ombra di un problema in 9 anni di utilizzo (non sempre consono)
francesko9408 Aprile 2017, 11:08 #2

wow

provate a cercare "mac lento" una sola volta e vi apparira mackeeper ovunque, il più fastidioso e pubblicizzato bloatware per mac. e probabilmente copre il 90% dei malware per mac.
ambaradan7408 Aprile 2017, 11:28 #3
il dato sconcertante e' lato Windows, oltre 600 milioni.
Lampetto08 Aprile 2017, 13:20 #4
Originariamente inviato da: ambaradan74
il dato sconcertante e' lato Windows, oltre 600 milioni.


Spiegami perché in qualunque notizia hai l'abitudine di inserire .."Windows" ..
...magari con parole semplici in modo che possano capire tutti..
LkMsWb08 Aprile 2017, 13:22 #5
Originariamente inviato da: ambaradan74
il dato sconcertante e' lato Windows, oltre 600 milioni.


Non è così sconcertante se si pensa alla diffusione e a quante macchine navigano senza aggiornamenti - che poi è il motivo che ha portato (purtroppo) agli update automatici obbligatori su 10, con tutte le lamentele del caso.

Aggiungiamoci quanti cercano fonti alternative di software su Windows, e non è neanche necessario parlare di pirateria, c'è chi non è in grado di trovare il sito originale di software freeware, e lo va a scaricare chissà dove...

Su Mac con la maggior centralità che hanno si software Apple e tutto il software presente su iTunes, ovviamente questo accade decisamente meno. Sarebbe interessante sapere dei 460.000 quanti sono stati causati dalla semplice navigazione e quanto dalla ricerca di .dmg alternativi.
giuliop08 Aprile 2017, 14:39 #6
Originariamente inviato da: Lampetto
Spiegami perché in qualunque notizia hai l'abitudine di inserire .."Windows" ..
...magari con parole semplici in modo che possano capire tutti..


Dal post:

Prima di tutto il paragone con Windows. I casi sull'OS concorrente sono stati oltre 600 milioni.


Non mi sembra proprio fuori luogo...
*Pegasus-DVD*08 Aprile 2017, 18:22 #7
Originariamente inviato da: Lampetto
Spiegami perché in qualunque notizia hai l'abitudine di inserire .."Windows" ..
...magari con parole semplici in modo che possano capire tutti..


ambaradan7408 Aprile 2017, 20:51 #8
Originariamente inviato da: Lampetto
Spiegami perché in qualunque notizia hai l'abitudine di inserire .."Windows" ..
...magari con parole semplici in modo che possano capire tutti..


Per tre motivi , uno perché è presente nell'articolo , due perché lo uso tutti i giorni e tre perché è il sistema dominante al mondo.
ambaradan7409 Aprile 2017, 12:41 #9
C'è da dire che se i malware lato Mac avessero un impennata clamorosa sarebbe un disastro .
Per due motivi , uno perché gli utenti sarebbero impreparati e due perché non ci sono tutti gli strumenti presenti invece nel mondo Windows per pulire sistemi infetti.
Veradun09 Aprile 2017, 18:05 #10
Originariamente inviato da: ambaradan74
il dato sconcertante e' lato Windows, oltre 600 milioni.


Non particolarmente sorprendente vista la mole di PC con Windows XP ancora in circolazione (per i disattenti è un sistema operativo del 2002) in mano a utenti che per la maggior parte sarebbero in grado di gestire in sicurezza al massimo uno spazzolino per il w.c.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^