HomePod: ecco quanto costa ad Apple realizzarlo. Profitti molto bassi

HomePod: ecco quanto costa ad Apple realizzarlo. Profitti molto bassi

Costruire un HomePod ad Apple costa più di 200 dollari. Margine di profitto davvero risicato rispetto ad altri device come iPhone X. Ecco nel dettaglio le stime rispetto ad altre aziende.

di pubblicata il , alle 13:21 nel canale Apple
Apple
 

Arrivano i primi dati sui margini di profitto del nuovo HomePod di Apple, il primo vero smart speaker dell'azienda di Cupertino che da poco è stato messo in commercio negli USA, in Gran Bretagna e Australia. In questo caso secondo i dati in possesso da TechInsights, sembra che Apple con HomePod riesca ad avere margini di guadagno davvero risicati a differenza di quello che invece avviene con iPhone X ma anche con altri device dell'azienda.

Effettivamente conti alla mano si può facilmente capire come ad Apple realizzare un HomePod costi circa 216 dollari e questo equiparato al prezzo di vendita di 349 dollari permette di calcolare circa un 38% di profitto. Margine decisamente basso rispetto a quanto accade ad esempio con iPhone X con cui riesce ad ottenere il 64% di profitti. Non solo perché secondo la testata giornalistica il margine di Apple con HomePod è molto più basso anche rispetto a quanto accade con i vari Google Home e Amazon Echo che rispettivamente permettono il 66% e il 56% di ricavi.

In questo caso è anche vero che a livello tecnico non vi sono display ampi AMOLED che sicuramente hanno il maggiore costo ad esempio in uno smartphone. In questo caso le componenti che costano di più su HomePod sono effettivamente quelle tecnologiche riguardanti i microfoni e l'altoparlante interno come anche il tweeter. Il costo ipotizzato per queste componenti non supera i 60 dollari così come la spesa che riguarda il sistema a LED della parte superiore animato da Siri che si aggira appunto su questa cifra.

Nel dettaglio poi HomePod possiede il chip A8 di Apple che ha un prezzo all'azienda di Cupertino di circa 25 dollari e lo stesso costo si ha anche per il materiale con cui è ricoperto l'intero smart speaker. A tutto questo poi si dovrà aggiungere anche le spese di montaggio, produzione ma anche di confezionamento. Secondo TechInsight, Apple, ha deciso di mantenere basso il prezzo di vendita di HomePod rispetto ad altri suoi prodotti per riuscire a guadagnare nei volumi di vendita piuttosto che sul margine di profitto dal costo di produzione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Marko#8816 Febbraio 2018, 13:51 #1
Ma chi scrive questi articoli ha un'idea anche solo vaga di cosa sia il profitto?
Saturn16 Febbraio 2018, 13:59 #2
Ed ecco la quinta notizia sull'Homepod in due giorni !
Cfranco16 Febbraio 2018, 14:01 #3
La colla costa cara
recoil16 Febbraio 2018, 14:11 #4
il margine è più basso ma HomePod a loro serve per spingere più gente ad abbonarsi a Apple Music quindi se vende bene il ritorno economico ce l'hanno dai servizi più che dall'hardware in se
peraltro non è un iPhone che cambi ogni 2 o 3 anni ma un prodotto che durerà molto di più perché lato hardware non potranno inventarsi chissà cosa, è uno speaker...

loro come marketing sono il top, sia per pubblicizzarsi che per trovare i prezzi giusti e i numeri gli stanno dando ragione
avranno calcolato che oltre quel prezzo ne avrebbero venduti pochi e si sono tenuti più bassi, tanto se la cosa prende piede fanno sempre in tempo a tirare fuori un HomePod plus a prezzo più alto
chi vuole uno smart assistant fa prima a rivolgersi agli echo di Amazon, il dot penso sia attorno ai 40 euro e ovviamente a livello musicale è penoso ma non è il suo scopo
HomePod è più simile ai Sonos, somiglia un po' a One come forma e dimensioni e costa un po' di più, mentre è più economico del Play5 che però è un altro tipo di cassa
le recensioni non sono unanimi e credo che la preferenza tra un Sonos o un HomePod dipenda molto dai gusti e dal tipo di musica che si ascolta, HomePod è per il mass market quindi immagino andrà bene con Pop, HipHop e quella roba lì quindi è più che probabile che al consumatore medio piaccia di più della concorrenza anche se tecnicamente è uno speaker inferiore

ultima considerazione: fanno il 50% ai dipendenti esattamente come per il primo Apple Watch ed è uno sconto ben superiore a quello che hanno di norma
io non penso di prenderlo nemmeno a metà prezzo, ma il fatto che ci sia la promozione mi fa pensare che inizialmente le vendite saranno non eccezionali, esattamente come per Watch che nel tempo si è ripreso e nell'ultimo trimestre ha fatto piuttosto bene considerando il tipo di prodotto
probabilmente anche HomePod migliorerà con il tempo non per hw ma per Siri, anche se sono scettico relativamente all'apertura a servizi di terze parti tipo Spotify
il motivo principale per cui non lo comprerei e nemmeno lo consiglierei a qualcuno è proprio il fatto di essere legati a Apple music, molto meglio un Sonos se uno è interessato a questo tipo di prodotto dato che puoi avere AM ma anche Spotify e altri servizi
Simonex8416 Febbraio 2018, 14:15 #5
Originariamente inviato da: Saturn
Ed ecco la quinta notizia sull'Homepod in due giorni !


....e pensa che hai perso ben 5 occasioni per tacere, in soli due giorni
Saturn16 Febbraio 2018, 14:20 #6
Originariamente inviato da: Simonex84
....e pensa che hai perso ben 5 occasioni per tacere, in soli due giorni


Ora che me lo hai detto mi impegnerò ancora di più in ogni notizia su apple. Tranquillo e pensa tu a tacere. Ciaone !!!
Simonex8416 Febbraio 2018, 14:27 #7
Originariamente inviato da: Saturn
Ora che me lo hai detto mi impegnerò ancora di più in ogni notizia su apple. Tranquillo e pensa tu a tacere. Ciaone !!!


ma prego... fai pure... se passare da hater represso che ha tempo da perdere sui forum è la tua massima aspirazione non ho nulla in contrario.... saluti
Saturn16 Febbraio 2018, 14:29 #8
Originariamente inviato da: Simonex84
ma prego... fai pure... se passare da hater represso che ha tempo da perdere sui forum è la tua massima aspirazione non ho nulla in contrario.... saluti


No caro, è che questo un tempo era un portale di prim'ordine dedicato alle notizie nel campo informatico, e passi fare pubblicità per vivere, ma c'è un limite a tutto.

Ad ogni modo, tutta questa "etica" non la vedo nelle news dedicate a Microsoft, o mi sbaglio ?

Aggiungo, porto incassi anch'io ad HWUpgrade come tutti gli altri, e nei limiti dell'educazione, commento tutte le sacrosante volte che mi pare.
Se non ti piace quello che scrivo, mettemi nell'Ignore List.

Sulle mie aspirazioni tranquillo, giro il mondo in lungo e in largo, guadagno discretamente, e non mi manca nulla.

E consentimi pure una battuta finale: "meglio hater che lobotomizzato come altri..."
canislupus16 Febbraio 2018, 15:29 #9
Concordo con Marko#88.
Che volete intendere con la parola profitto?
Se si vuole intendere la differenza tra costo di produzione e prezzo di vendita, allora c'è bisogno di un po' di studi di economia.
Qualsiasi prodotto al di là del semplice costo legato ai materiali ed assemblaggio, ha X costi aggiuntivi quali la pubblicità, la ricerca, la distribuzione, assistenza, etc...
Se tenuti in considerazione tutti questi costi dubito che il margine reale di guadagno sia così elevato.
chaosblade16 Febbraio 2018, 15:40 #10
Ma che benefattori sono...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^