Guai giudiziari per Apple e Nike

Guai giudiziari per Apple e Nike

Al centro della vicenda giudiziaria il kit Nike+iPod Sport, presentato a luglio dello scorso anno

di pubblicata il , alle 09:40 nel canale Apple
AppleiPod
 

Bloomberg riporta la notizia della citazione in giudizio di Apple e Nike da parte di un'azienda del Colorado, la PhatRat Technology, convinta che sia stata utilizzata senza diritti una propria tecnologia. A poche ore di distanza dalla chiusura del processo che vedeva coinvolte Apple Inc. ed Apple Corps. (approfondimenti qui), ecco dunque che potrebbe aprirsi per Apple, in compagnia di Nike, una nuova battaglia legale, anche se con molti meno interessi in gioco.

Il prodotto incriminato è infatti solo il kit Nike+iPod Sport, accusato di utilizzare la stessa tecnologia brevettata da PhatRat e già utilizzata per equipaggiamenti molto simili nel campo dello snowboard, dello sci e del ciclismo.

Nessun commento da parte di Apple e PhatRat, mentre Nike fa sapere di essere impegnata in ricerche di approfondimento. Il brevetto di PhatRat oggetto del contendere è indicato come "shoes employing monitoring devices, and associated methods'', ovvero "scarpe che integrano sistemi di monitoraggio e metodi associati". PhatRat chiede il blocco delle vendite e risarcimento danni per l'utilizzzo della tecnologia proprietaria senza autorizzazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

31 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick06 Febbraio 2007, 09:46 #1
Madonna tra brevetti e riaa l'america e' quanto di + reazionario esista... brr meglio l'italia del biscione che i vecchi usa..
Vik Viper06 Febbraio 2007, 10:12 #2

maddai...

essere perseguiti legalmente dalla PhatRat... dal "ratto grasso"... mamma mia!!!
Minipaolo06 Febbraio 2007, 10:14 #3
IMHO sempre più ridicoli...
ultimate_sayan06 Febbraio 2007, 10:16 #4
Il susseguirsi di queste notizie non fa altro che confermare che il "mondo dei brevetti" in USA necessita di profondi cambiamenti nella sua struttura. Ormai qualsiasi persona brevetti qualcosa si ritrova poi strozzato in cause e cavilli legali...
bartolomeo_ita06 Febbraio 2007, 10:17 #5
IMHO sempre più ridicoli...
82screamy06 Febbraio 2007, 10:31 #6
Originariamente inviato da: ultimate_sayan
Il susseguirsi di queste notizie non fa altro che confermare che il "mondo dei brevetti" in USA necessita di profondi cambiamenti nella sua struttura. Ormai qualsiasi persona brevetti qualcosa si ritrova poi strozzato in cause e cavilli legali...


Direi piuttosto che chiunque tenti di commercializzare qualcosa, innovativo o pseudoinnovativo che sia, anche a distanza di 10 anni rischia di essere imbrigliato in cause legali con gente che brevetta anche l'acqua calda..
MesserWolf06 Febbraio 2007, 10:33 #7
Secondo me a sto punto l'unica via d'uscita per gli usa sarebbe quella di ridurre la validità dei brevetti a 5 o 6 anni (almeno per quelli software), questo dovrebbe quanto meno arginare il fenomeno di aziende che brevettano tutto ciò che gli viene in mente nella speranza che prima o poi venga usato.

5 o 6 anni nel mondo informatico sono cmq tanti, sufficienti a garantire all'autore i giusti introiti della sua idea originale, ma al contempo permetterebbero lo sviluppo di nuove idee e nuove applicazioni senza avere una spada di Damocle sulla testa, per paura di essere citati in giudizio.

Oramai sono troppo radicati nel sistema usa per poter dire semplicemente aboliamoli, viceversa la riduzione di validità mi sembra un strada percorribile.
vis9406 Febbraio 2007, 10:34 #8
Bhè ma scusate se gli utilizzano una tecnologia sviluppato da un altro è giusto che paghino per quello che sfruttano, il sistema dei brevetti americano è sicuramente il più completo ed efficiente, serve ad tutte le aziende. Sicuramente un sistema così efficiente dovrebbe esere esteso a livello mondiale , e tutto funzionerebbe meglio !!! se non esistesse nessuno inventerebbe niente per non guadagnarci
MesserWolf06 Febbraio 2007, 10:45 #9
Originariamente inviato da: vis94
Bhè ma scusate se gli utilizzano una tecnologia sviluppato da un altro è giusto che paghino per quello che sfruttano, il sistema dei brevetti americano è sicuramente il più completo ed efficiente, serve ad tutte le aziende. Sicuramente un sistema così efficiente dovrebbe esere esteso a livello mondiale , e tutto funzionerebbe meglio !!! se non esistesse nessuno inventerebbe niente per non guadagnarci



Scusa ma penso che tu non abbia idea di cosa è divenuto quel sistema che tanto acclami.

Ci sono aziende che brevettano cose come i pulsanti (software) o altri concetti base dell'informatica solo per trarne un profitto.

Tutto lo sviluppo software si base sul riutilizzo di librerie / algoritmi etc, quello che fanno in america corrisponde, in campo informatico, a voler brevettare la sintassi della lingua italiana !

Senza contare che i brevetti che dovrebbero avere come scopo la difesa dei diritti dei creatori di idee, sono diventati un modo per imporre barriere d'ingresso, a volte invalicabili, a nuove aziende / sviluppatori, il tutto a favore delle aziende che già esistono.
Invece che tutelarla, stanno uccidendo la creatività e lo spirito d'iniziativa.

Chiaro che un ideatore debba avere un ritorno per quello che ha fatto, ma questo non è quello che succede col metodo americano. Semplicemente è un metodo sbagliato o quantomeno troppo vulnerabile ad abusi -> da cambiare.
viscm06 Febbraio 2007, 10:51 #10
X completare il commento di MesserWolf basti pensare che la stragrande maggioranza dei brevetti appartiene a società di avvocati,il cui unico scopo/profitto deriva proprio dall'acquisizione e sfruttamento di questi brevetti

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^