Google, nel 2018 quasi 10 miliardi di dollari ad Apple per rimanere su Safari di default

Google, nel 2018 quasi 10 miliardi di dollari ad Apple per rimanere su Safari di default

Secondo alcune stime di mercato Google avrebbe pagato ad Apple un obolo da quasi 10 miliardi di dollari per rimanere il motore di ricerca predefinito su Safari

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Apple
GoogleApple
 

Quanto può costare un posto privilegiato su un browser come Safari? Secondo alcune stime il conto potrebbe essere decisamente salato, pari a 9,5 miliardi di dollari annui se a pagare è Google e a ricevere è Apple. Questa è la cifra riportata da CNBC e ricavata dagli analisti della Goldman Sachs con la quale Google è riuscita a mantenere il proprio motore di ricerca come predefinito su Safari. Ed è una cifra enorme anche se consideriamo la mole delle aziende coinvolte.

Facendo un rapido calcolo si può apprendere, infatti, che 9,5 miliardi di dollari equivalgono al 20% del fatturato di Apple per quanto riguarda l'intera divisione servizi: sotto questo cappello la multinazionale di Cupertino indica tutti gli introiti derivati da diverse proprietà, come Apple Music, iTunes, App Store, e servizi a pagamento in genere, senza però rivelare quanto ognuno di essi incide all'interno del fatturato complessivo della divisione.

Inoltre, secondo gli stessi analisti, i pagamenti di Google e le vendite su App Store hanno realizzato, uniti, circa il 51% del fatturato della divisione servizi nel 2018, e il 70% circa dell'utile lordo. Pare però che l'incidenza di Google all'interno del reparto servizi di Apple sia destinata a calare e se si vuole mantenere un tasso di crescita soddisfacente Tim Cook e colleghi devono inventarsi qualcosa di caldo in quel reparto. E qualcosa, forse, sta davvero bollendo in pentola.

Apple potrebbe lanciare presto un bundle di servizi composto da Apple Music, Apple News (a pagamento) e un servizio di streaming televisivo, che potrebbe incrementare la crescita del fatturato annuo del reparto. Il pacchetto completo dovrebbe essere disponibile già nella prima metà dell'anno (probabilmente solo nei paesi anglofoni), e l'ufficializzazione dovrebbe arrivare a fine marzo, o al massimo ad aprile. Devono però essere ultimate alcune cose prima del lancio.

Secondo alcune voci, infatti, Apple starebbe richiedendo il 50% del fatturato per quanto riguarda l'abbonamento ai servizi di news, una commissione fin troppo elevata anche per i suoi canoni, il tutto condito da una certa reticenza nel rilasciare ai partner i dati degli utenti iscritti e delle loro carte di credito. È comunque necessario che Apple sposti il suo baricentro verso il ramo dei servizi, proprio nel momento in cui le vendite hardware iniziano a calare.

L'industria degli smartphone è infatti in flessione, e Apple dipende ancora in maniera fin troppo accentuata dalle vendite degli iPhone. Nel trimestre di fine 2018 il fatturato della divisione è calato del 15%, e il tasso di crescita non dovrebbe crescere prima dei nuovi modelli (che arriveranno in autunno). I servizi saranno cruciali per la crescita di Apple, e ad oggi sembra l'unico modo che ha il colosso per tornare ad una valutazione di mercato superiore ai mille miliardi di dollari.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
AlexSwitch14 Febbraio 2019, 09:10 #1
Apple è diventata cara anche per Google...
gd350turbo14 Febbraio 2019, 09:31 #2
parecchio !
sono circa un miliardo gli apple user ?
quindi spende ipotetici 10$ per mettere google in ogni iphone ?
jepessen14 Febbraio 2019, 09:35 #3
Chissa' chi accuserebbe di piu' il colpo se Google smettesse di pagare... Da un lato vedrei gli introiti di Google diminuire, ma non perderebbe comunque tutti gli utenti Apple, credo che una grossa percentuale rimetterebbe all'istante Google come motore predefinito… Apple invece perderebbe una buona fetta di fatturato sui servizi, con prevedibile calo in borsa e soldi disponibili per sviluppare nuovi servizi. E secondo me con altri motori di ricerca la gente si lamenterebbe dei risultati non ottimali (che poi ci sono quelli che manco sanno che e' possibile cambiare motore di ricerca), additando Apple a scarsa qualita', un po' come successe ai tempi con le loro nuove famigerate Mappe, quandi si staccarono da Google Maps.

Insomma, al momento non e' che sono concorrenti proprio diretti (forse lato Android vs iOS), ma fossi in Google vedrei come fare al piu' presto per mettere loro I bastoni fra le ruote prima che si avviino con I servizi andando a combattere piu' alla pari...
Portocala14 Febbraio 2019, 09:46 #4
Ipotizziamo che non sia più Google il motore predefinito. Tu pensi che il pecoraio americano sarebbe in grado di cambiare il motore? Per lui "se Apple lo ha fatto è perchè mi vuole bene e sa che è meglio cosi, quindi lo uso cosi"
AlexSwitch14 Febbraio 2019, 09:48 #5
Originariamente inviato da: Portocala
Ipotizziamo che non sia più Google il motore predefinito. Tu pensi che il pecoraio americano sarebbe in grado di cambiare il motore? Per lui "se Apple lo ha fatto è perchè mi vuole bene e sa che è meglio cosi, quindi lo uso cosi"


Al pari dei " pecorai ", e non solo, americani che usano Windows....
jepessen14 Febbraio 2019, 09:59 #6
Originariamente inviato da: Portocala
Ipotizziamo che non sia più Google il motore predefinito. Tu pensi che il pecoraio americano sarebbe in grado di cambiare il motore? Per lui "se Apple lo ha fatto è perchè mi vuole bene e sa che è meglio cosi, quindi lo uso cosi"


Che lo sappia fare dalle impostazioni non lo so, perche' l'ignoranza informatica e' un fatto globale, non solo americano. Esattemente come io non sono in grado di mettere le mani su una lavatrice anche se e' un oggetto che uso tutti i giorni, un utente normale non vedo perche' dovrebbe essere in grado di spulciare tutti i sistemi operativi senza necessita' di assistenza. Questa e' una cosa che si fa notare solo nei forum tecnici/informatici perche' c'e' gente che le cose le sa per lavoro/passione e si stupisce che tutti non siano come loro.

Ma che il pecoraio americano ad un certo punto si rende conto che quello che si aspetta di trovare da una ricerca non compare piu', e che I risultati non sono cosi' attinenti come prima, di certo se ne accorge, anche perche' se uno fa la stessa ricerca su Google e su Bing (che non e' l'ultimo dei motori) di differenze ne trova eccome.

E ricordo anche l'impietosita' del pecoraio americano riguardo le mappe, che se ne sbatteva del fatto che Apple diceva fossero meglio e che dovevano fidarsi; le mappe facevano schifo e basta, tant'e' che hanno dovuto fare marcia indietro.

Quindi che la maggior parte di loro non sapra' cambiare motore di ricerca ok, ci puo' stare, che si accontentino di risultati di ricerca di qualita' inferiore solo perche' Apple gli dice cosi', gia' ho parecchi dubbi in piu'.
jepessen14 Febbraio 2019, 10:01 #7
Originariamente inviato da: AlexSwitch
Al pari dei " pecorai ", e non solo, americani che usano Windows....


Come ho gia' detto altre volte, l'unica differenza fra un utente Apple ed uno Windows, e' che l'utente Apple si crede 'veramente' piu' furbo… Grazie per averlo riconfermato...
oatmeal14 Febbraio 2019, 10:10 #8
Se solo DuckDuckGo Italia restituisse un decimo della qualità dei risultati di Google avrei cambiato da tempo. Così non è purtroppo. Per commentare la notizia invece ricordo che fino allo scorso anno fossero 7 i miliardi di dollari pagati, Apple evidentemente ha alzato i prezzi per tutti...ma resta un servizio che serve ad entrambe le società
AlexSwitch14 Febbraio 2019, 11:17 #9
Originariamente inviato da: jepessen
Come ho gia' detto altre volte, l'unica differenza fra un utente Apple ed uno Windows, e' che l'utente Apple si crede 'veramente' piu' furbo… Grazie per averlo riconfermato...


... nella stessa misura in cui lo crede un utente Windows!! Sinceramente certi commenti cominciano ad essere più che monotoni e soprattutto privi di qualsiasi fondamento. Buoni solamente per far caciara....
amd-novello14 Febbraio 2019, 12:31 #10
Originariamente inviato da: AlexSwitch
... nella stessa misura in cui lo crede un utente Windows!! Sinceramente certi commenti cominciano ad essere più che monotoni e soprattutto privi di qualsiasi fondamento. Buoni solamente per far caciara....


esatto.

i pre-troll che arrivano e trollano prima dei troll professionisti sono uno spasso...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^