Google interessata a Btrfs per Android

Google interessata a Btrfs per Android

Google sarebbe interessata a passare dall'attuale file system EXT4 a Btrfs su Android, ma persistono ancora alcune mancanze che devono essere colmate prima che il file system sia pronto per il debutto sul robottino verde.

di pubblicata il , alle 13:21 nel canale Apple
GoogleAndroid
 

Google sarebbe interessata a utilizzare il file system Btrfs in Android, secondo quanto dichiarato da un ingegnere all'interno della mailing list del progetto. Il file system è in sviluppo da anni ma mancherebbe ancora di alcuni elementi essenziali perché Google lo adotti in Android, come riporta Phoronix.

Una delle aree in cui Btrfs (il cui acronimo sta per binary tree file system) viene ritenuto ancora immaturo è la cifratura nativa a livello dei file, fondamentale per Android. Al momento attuale Android utilizza EXT4, file system che viene preferito anche da un grande numero di distribuzioni Linux e che supporta nativamente la cifratura tramite fscrypt.

Btrfs è nato diversi anni fa con l'intento di portare molte funzionalità avanzate di ZFS, sviluppato da Sun per Solaris, anche nel mondo Linux. Tra le motivazioni alla base del progetto troviamo una migliore compatibilità con le memorie flash, la compressione nativa, i sottovolumi e gli snapshot. Proprio quest'ultima funzionalità potrebbe risultare utile in Android, soprattutto in fase di aggiornamento del sistema operativo.

L'interesse di Google potrebbe spingere gli sviluppatori a investire maggiormente sul progetto o, dall'altro lato, potrebbe essere Google stessa a dedicare delle risorse interne allo sviluppo per arrivare al raggiungimento degli obiettivi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7713 Giugno 2017, 14:00 #1
tutto molto bello ma penso che uno dei problemi ancora adesso di maggior rilevanza sia di fatto il carico di lavoro da parte del SOC per la cifratura e decifratura dei dati in real time usando un disco criptato.

Ad oggi qualsiasi cell dove attivi la criptatura ammazza la batteria in molto meno tempo e perde prestazioni in modo abbastanza marcato.
Credo sarebbe cosa puona e giusta implementare una unità di criptatura e decriptatura hardware per risolvere il problema alla radice.
TheDarkAngel13 Giugno 2017, 15:42 #2
Originariamente inviato da: demon77
tutto molto bello ma penso che uno dei problemi ancora adesso di maggior rilevanza sia di fatto il carico di lavoro da parte del SOC per la cifratura e decifratura dei dati in real time usando un disco criptato.

Ad oggi qualsiasi cell dove attivi la criptatura ammazza la batteria in molto meno tempo e perde prestazioni in modo abbastanza marcato.
Credo sarebbe cosa puona e giusta implementare una unità di criptatura e decriptatura hardware per risolvere il problema alla radice.


?
Google sfrutta la cifratura hardware qualcomm già dallo snapdragon 820, i produttori potevano farlo anche da prima, qualcomm è un bel pò di anni che ha la sua unità dedicata.
Aggiungo che gli armv8 hanno un set di istruzioni dedicato alla cifratura, tant'è che google sullo snapdragon 810 usava queste perchè ritenute più performanti, il nexus 6p aveva un degrado di prestazioni (benchmark) ma non di batteria.
matrix8313 Giugno 2017, 16:48 #3
brtfs uber alles
Totix9213 Giugno 2017, 21:33 #4
utilizzare f2fs no eh? vero Google?
floc14 Giugno 2017, 11:56 #5
Originariamente inviato da: demon77
tutto molto bello ma penso che uno dei problemi ancora adesso di maggior rilevanza sia di fatto il carico di lavoro da parte del SOC per la cifratura e decifratura dei dati in real time usando un disco criptato.

Ad oggi qualsiasi cell dove attivi la criptatura ammazza la batteria in molto meno tempo e perde prestazioni in modo abbastanza marcato.
Credo sarebbe cosa puona e giusta implementare una unità di criptatura e decriptatura hardware per risolvere il problema alla radice.


se i produttori non sanno usare i soc che hanno la colpa non è di google, è già fatto tutto in hw in maniera trasparente da un pezzo come chiedi. Ciò che dici succedeva cifrando la sd un secolo fa, uno smartphone moderno non varia di quasi nulla le proprie prestazioni in caso di cifratura.

Originariamente inviato da: Totix92
utilizzare f2fs no eh? vero Google?


f2fs è di samsung, è molto acerbo, e i miracoli dei quali è accreditato avvengono solamente in scenari particolari. XDA è pieno di bench molto seri, non date retta ai siti italiani che vogliono fare sensazione facendovi flashare il nexus7 ma di tecnico hanno ben poco. Ora come ora btrfs è molto più promettente e maturo e soprattutto non ha grossi problemi di compatibilità che ha f2fs. Oltre al fatto che trovo concettualmente pericoloso un sistema con scrittura basato su log.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^