Giro di vite per App Store: Apple si prepara a rimuovere le app abbandonate

Giro di vite per App Store: Apple si prepara a rimuovere le app abbandonate

Le app vecchie, che non funzionano più e che non rispettano le nuove linee guida verranno rimosse da App Store: gli sviluppatori avranno 30 giorni di tempo per rimettere in regola le proprie creazioni

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:49 nel canale Apple
Apple
 

Nel corso della giornata di ieri Apple ha fatto sapere di essere pronta ad introdurre alcuni importanti cambiamenti nella gestione di App Store per iOS, che entreranno in vigore il prossimo mercoledì 7 settembre, parallelamente all'evento di presentazione delle novità per l'autunno, tra le quali con grossa probabilità il nuovo iPhone 7.

In particolare Apple si concentrerà sulla rimozione di tutte quelle app ormai abbandonate o problematiche così che non possano essere più scaricate dagli utenti. App Store offre attualmente un catalogo popolato da oltre 2 milioni di app, ed è pertanto abbastanza normale che una parte di esse ricadano essenzialmente nella categoria degli "abandonware"

Le nuove regole che sono state decise dopo aver vagliato i suggerimenti avanzati dalla comunità degli sviluppatori Apple. "Sappiamo che molti di voi lavorano sodo per costruire app innovative che vengono aggiornate su App Store con nuovi contenuti e funzionalità. Tuttavia vi sono anche app su App Store che non sono più funzionanti come originariamente inteso o non seguono le attuali direttive, e altre che non sono state più supportate con gli aggiornamenti di compatibilità per lungo tempo" ha dichiarato la Mela.

Apple specifica che tutte le app di tutte le categorie saranno valutate e analizzate per assicurare che operino come previsto, che rispettino le attuali linee guida e che non siano obsolete. Gli sviluppatori delle app che verranno ritenute non idonee saranno contattati e avranno 30 giorni di tempo per poter aggiornare le app così che possano continuare ad essere ospitate su App Store. L'unica eccezione sarà rappresentata da tutte quelle app che vanno in crash al momento del lancio, le quali saranno immediatamente rimosse dallo store.

Le app che verranno rimosse dallo store saranno comunque utilizzabili sui terminali su cui sono già installate, ma semplicemente non sarà più possibile scaricarle nuovamente.

La seconda novità nelle politiche di gestione dell'App Store riguarda invece i nomi delle app: la Mela ha deciso di porre un nuovo limite di 50 caratteri poiché ha riscontrato che vari sviluppatori fanno uso di nomi esageratamente lunghi per cercare di condizionare i risultati della ricerca. L'eccessiva lunghezza tuttavia non permette al nome di apparire completo su App Store e, pertanto, è ritenuto un elemento che non è di alcun valore per l'utente.

Gli sviluppatori possono prendere contatto con le linee guida sulla creazione delle App per iOS a partire da questa pagina e approfondire meglio l'argomento consultando la documentazione ufficiale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Persilù02 Settembre 2016, 09:58 #1
Cosa buona e giusta!
C'è roba a pagamento, e con recensioni tutt'altro che positive che non viene più aggiornata da lustri!
alessio89g_02 Settembre 2016, 11:25 #2
Sarebbe ottimo se Google facesse qualcosa di simile per il suo Play Store.
supertigrotto02 Settembre 2016, 11:30 #3

Da possessore di android e ios

Poi ci si lamenta degli Windows iPhone perché non hanno i milioni di app....
demon7702 Settembre 2016, 11:30 #4
ottima iniziativa.
Prima era figo avere quante più app possibile per "primeggiare".. ma adesso che i ruoli sono altro che definiti direi che una sana pulizia e selezione fa un gran bene a tutti.

Mi auguro che anche il play store faccia altrettanto!
supertigrotto02 Settembre 2016, 11:32 #5

Scusate

Windows phone....l'autocorrettore di android....
recoil02 Settembre 2016, 11:44 #6
mi sembra giusto
ci sono app che stanno sullo store da anni e non sono state aggiornate, magari non hanno nemmeno gli asset compatibili retina (ormai è una rarità ma esistono)
per non parlare di quelle con nomi lunghi, giusto tagliare anche lì

la cosa importante almeno dal mio punto di vista di sviluppatore è che tengano bassi i tempi per l'approvazione di un app
è da prima dell'estate che non pubblico e l'ultima volta sono stati rapidi ma in passato è capitato di aspettare anche più di una settimana che per un'utility o giochino stupido non è niente di problematico ma quando hai app aziendali sul B2B o anche sullo store normale diventa una grossa seccatura
andy4502 Settembre 2016, 12:42 #7
Ottima iniziativa, dovrebbero farlo anche gli altri.

Originariamente inviato da: supertigrotto
Poi ci si lamenta degli Windows iPhone perché non hanno i milioni di app....


Anche lo store microsoft è pieno di applicazioni non funzionanti o non aggiornate da tempo immemore, è un problema comune a tutti gli store.
calabar02 Settembre 2016, 15:57 #8
Originariamente inviato da: alessio89g_
Sarebbe ottimo se Google facesse qualcosa di simile per il suo Play Store.

Non sono così sicuro di volerlo.
Ci sono alcune vecchie applicazioni, non più supportate da tempo ma che ancora funzionano e fanno il loro dovere, e che mi piacciono più di quelle che le hanno sostituito o alle alternative.
Se dovessero fare una pulizia non sarebbe male che queste applicazioni fossero comunque raggiungibili da chi sa cosa cercare.
Simonex8402 Settembre 2016, 16:24 #9
Ottima iniziativa, qualità e non quantità, ci sono moltissimi zombie che è giunto il momento di spazzare via
calabar02 Settembre 2016, 20:38 #10
Originariamente inviato da: Simonex84
Ottima iniziativa, qualità e non quantità, ci sono moltissimi zombie che è giunto il momento di spazzare via

Il problema è che applicazione vecchia non è sinonimo di bassa qualità.

L'ampia scelta che ci offrono oggi gli store ci consente di utilizzare l'applicazione che più si adatta alle nostre esigenze, e non sempre questa è la più evoluta o la migliore.

Io per esempio utilizzo un vecchio gioco di cui ci sono molte alternative, ma nessuna a mio parere buona quanto questa. Purtroppo questo gioco non si trova più sullo store, ma aver salvato l'apk mi ha consentito di tenerlo.

Per questo dico che lasciare la possibilità di raggiungere le vecchie applicazioni può tornare comunque molto utile agli utenti che per un motivo o per l'altro preferiscono tali applicazioni.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^